eEye fa il suo ingresso nel mercato degli antivirus

eEye fa il suo ingresso nel mercato degli antivirus

La società di sicurezza informatica eEye fa il proprio ingresso nello stagnante mercato dei software antivirus. Blink Professional Security suite includerà antivirus, hips, anti phishing e altri strumenti per la protezioen del sistema.

di pubblicata il , alle 12:32 nel canale Sicurezza
 
Un nuovo competitore nel mercato degli antivirus fa il suo ingresso tra i giganti mondiali. Un nome ben noto e conosciuto nella sicurezza informatica quello di eEye, società che si è già distinta per le ottime tecnologie per la protezione da vulnerabilità su internet e software di prevenzione dalle intrusioni.

Uno dei punti di riferimento per gli operatori di sicurezza e osservata speciale dai cybercriminali, eEye da ieri mattina è ufficialmente entrata nel mondo dei software antivirus grazie alla propria suite Blink Professional Security.

Blink implementerà la ben nota tecnologia SandBox di Norman, capace di emulare un sistema operativo completo minimale e di analizzare il comportamento dei file eseguibili alla ricerca di possibili malware.

"Quando abbiamo iniziato a cercare possibili partner che ci potessero fornire tecnologie antivirus abbiamo gradito molto Norman, l'unica che nella maggior parte dei test è stata capace di individuare proattivamente nuovi malware, grazie alla virtual machine capace di individuare nuovi malware senza bisogno di aggiornare costantemente le firme virali" ha dichiarato Mark Maiffret, CTO di eEye.

"I virus writer sono arrivati ad un punto tale che hanno la possibilità di creare così tanti differenti tipi di virus in modo tale da rendere inefficace le signature già create. Può capitare che un utente si trovi impossibilitato a non aggiornare le firme virali una sera e il giorno dopo capita nel sito web sbagliato e rimane infetto. Per questo è necessario un approccio proattivo", ha poi continuato Maiffret.

Blink utilizzerà anche un engine di sicurezza basato su signature, studiato per essere però il più generico possibile, facendo affidamento per la maggior parte sulla tecnologia proattiva di Norman.

Il prodotto, oltre ad uno scanner antivirus e antimalware generico, fornisce una tecnologia HIPS, protezione da attacchi di tipo buffer overflow, antiphishing e protezione dai furti di identità, scanner per identificare eventuali vulnerabilità locali presenti nel sistema e altre tecnologie atte all'hardening del pc locale.

Il prezzo della suite è di $59.95.

Fonte: Beta News

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick30 Gennaio 2007, 13:45 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Blink implementerà la ben nota tecnologia SandBox di Norman, capace di emulare un sistema operativo completo minimale e di analizzare il comportamento dei file eseguibili alla ricerca di possibili malware
O_o'
demon7730 Gennaio 2007, 14:06 #2
E' un'idea ottima e secondo me molto efficace!

Poter analizzare un processo constatandone gli effetti su un sistema "finto" è geniale e renderà durissima la vita dei produttori di malaware.

Io già uso Sandbox per girare in internet: ho provato ad adandare apposta sui siti più infami (porno, crack, suonerie per cellulari, mumeri del lotto, ecc..) acconsentendo ad ogni componente che mi veniva chiesto di scaricare.
Risultato: chiusa la sandbox e sparita la fogna!
Puddus30 Gennaio 2007, 14:17 #3
Non oso pensare quante risorse userà...
Marcko30 Gennaio 2007, 15:11 #4
Quoto puddus... non conosco nei dettagli il prodotto ma la simulazione di un SO non deve essere uno scherzo in termini di risorse...il prezzo è comunque abbordabile.
Aristocrat7430 Gennaio 2007, 15:16 #5
Originariamente inviato da: demon77
Io già uso Sandbox per girare in internet:




cos è ? dove? come ? perche ?
uvz30 Gennaio 2007, 23:13 #6
il "mondo" della sicurezza informatica non deve essere a fine di lucro
Pozz31 Gennaio 2007, 09:30 #7
Originariamente inviato da: uvz
il "mondo" della sicurezza informatica non deve essere a fine di lucro

ah no?
questa propio me la devi spiegare
romeop31 Gennaio 2007, 14:11 #8
Originariamente inviato da: demon77
Io già uso Sandbox per girare in internet: ho provato ad adandare apposta sui siti più infami (porno, crack, suonerie per cellulari, mumeri del lotto, ecc..) acconsentendo ad ogni componente che mi veniva chiesto di scaricare.
Risultato: chiusa la sandbox e sparita la fogna!


Ma come hai fatto a avere questa Sandbox ?
E' un ambiente tipo macchina virtuale VMWARE ?
Navighi in una finestra di questo ambiente ?
uvz31 Gennaio 2007, 15:42 #9
Vogliono diffondere il commercio elettronico?
Vogliono che ogni italiano abbia la banda larga per accedere ad una società pù aperta, più veloce, più connessa?
Vogliono che ci teniamo 3 pc per casa con windows home server?
Vogliono che ad Internet sia connesso ogni elettrodomestico compreso il tostapane?
Bene, allora facciano un mondo di sicurezza informatica gratuita.

Se vogliono che le persone girino non mettono a pagamento TUTTE le strade comprese quelle non asfaltate. Così facciano per l'informatica. Un servizio gratuito a tutto il paese. Il resto si paga.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^