Censura di Krebs on Security: la sicurezza informatica è un dovere di tutti nella salvaguardia della libertà

Censura di Krebs on Security: la sicurezza informatica è un dovere di tutti nella salvaguardia della libertà

La vicenda accaduta al blog Krebs on Security dovrebbe suonare come un campanello d'allarme per le minacce alla libertà d'espressione. La sicurezza tecnologica deve diventare un aspetto a cui tutti sono tenuti a badare

di pubblicata il , alle 11:59 nel canale Sicurezza
 

Il famoso blog di sicurezza Krebs on Security è stato messo offline la scorsa settimana da un massiccio attacco DDoS (distributed denial of service) di 620gbps di dati non-stop come risultato di un'azione di rappresaglia dopo che l'autore Brian Krebs ha portato alla luce due venditori di cyberattacchi che sono, a seguito delle sue rivelazioni, stati arrestati. Il blog è potuto tornare online solamente grazie all'aiuto di Project Shield di Google, iniziativa che ha lo scopo di proteggere siti d'informazione indipendenti o individuali che sono vittime di campagne DoS orientate alla censura.

Akamai, il provider anti-DDoS a cui Krebs si affidava, non ha avuto alcuna scelta se non quella di scaricarlo: la società ha dichiarato al Boston Globe che un attacco del genere portato avanti in maniera continuata avrebbe avuto un costo di milioni di dollari per la compagnia. Krebs, di contro, non accusa Akamai di alcunché: il provider offriva infatti volontariamente questo servizio per Krebs on Security, e l'attacco che stava sostenendo aveva iniziato a causare qualche disservizio anche ai clienti paganti.

L'aspetto più sinistro di questa vicenda è che l'azione di vendetta potrebbe aver richiesto uno sforzo realmente minimo. Lo stesso Krebs crede infatti che gli attaccanti abbiano potuto sfruttare una botnet formata da dispositivi IoT come DVR, router domestici e videocamere di sorveglianza, molti dei quali sono protetti (o non lo sono affatto) da password deboli che a volte non è nemmeno possibile cambiare. Vi è inoltre la possibilità che nell'attacco siano state impiegate anche tecniche di spoofing, per amplificare gli attacchi ingannando le macchine a mandare messaggi di risposta alla vittima. Recentemente anche il provider francese OVH è stato colpito da un attacco simile, ma con una potenza di fuoco di circa 1Tbps.

Nell'era moderna difendere la libertà di parola è difficile e oneroso

Krebs parla di "democratizzazione della censura", sottolineando quanto difficile e costosa possa essere la difesa della libertà di parola nell'era moderna. Non solo, infatti, è relativamente semplice poter architettare un attacco informatico a scopi censori, ma l'enorme disparità si amplifica pensando a quanto proibitivi possano essere i costi di difesa da una campagna del genere: un provider in grado di fornire una protezione anti-DDoS come quella che Akamai ha gentilmente regalato a Krebs avrebbe un costo di 150-200 mila dollari all'anno.

Si evince come nessun organo di informazione di piccole dimensioni o nessun singolo giornalista possa essere in grado di sostenere questo genere di protezione. Finché vi sarà questo asimmetrico e sproporzionato vantaggio per attaccanti e tecniche di attacco, tutte quelle realtà (siano esse governi o corporazioni) non troppo riluttanti a mettere mano a misure censorie potrebbero accarezzare l'idea di usare questi metodi per imbavagliare gli oppositori od ostacolare i concorrenti.

Le tecniche di attacco sono sproporzionatamente più accessibili delle misure di difesa

Questa vicenda aiuta a comprendere come la sicurezza tecnologica e informatica sia un aspetto a cui chiunque, nel proprio piccolo, dovrebbe essere tenuto a badare. Una maggiore e migliore cura, ad esempio, della sicurezza di tutti i dispositivi connessi alla rete renderebbe più difficoltose tecniche di attacco come quella usata contro Krebs, contribuirebbe a rafforzare la sicurezza di base della rete e a proteggere le libertà.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
qboy27 Settembre 2016, 12:07 #1
non mi è chiara una cosa, io per esempio con un mio sito pago per essere protetto da attacchi di questo tipo, mi attaccano, e a seconda del tipo di attacco l'azienda di security, akamai in questo caso , sceglie di scaricarmi se è pesantino?
voi direte che akamai stessa si era offerta volontaria quindi è a gratis, ma allora quando conviene tutti volontari e poi alla bisogna ci si tira indietro?
semplice riflessione
my 2cents
pabloski27 Settembre 2016, 15:44 #2
Akamai non e' una societa' di sicurezza ma di hosting e protezione anti-DDos. Il punto e' che nemmeno la loro banda e' infinita, per cui ad un certo punto ti scaricano per non danneggiare tutti gli altri loro clienti. Considera che Krebs mi pare fosse "protetto" gratuitamente, per cui...

Google se lo puo' permettere, perche' ha gazzillioni di terabytes di banda a disposizione. Vedremo fino a quando riuscira' a resistere.
Opteranium27 Settembre 2016, 16:00 #3
Tutto questo ha un nome: utoni che cliccando su qualunque cosa, sistemi non aggiornati (ho visto versioni di w7 con 189 security update in attesa perché il proprietario "non si fida" ), programmi craccati, ignoranza informatica abissale e via dicendo.
Da questo punto di vista MS fa bene a imporre gli aggiornamenti su w10, almeno ci mette una pezza.
D'altra parte una maggiore diffusione di linux sarebbe auspicabile, per via della maggiore robustezza intrinseca. Vabbe, sto sognando..
pabloski27 Settembre 2016, 16:09 #4
Originariamente inviato da: Opteranium
Tutto questo ha un nome: utoni che cliccando su qualunque cosa, sistemi non aggiornati


In verita' stavolta la parte del leone l'hanno fatta i dispositivi IoT. Il problema e' che questi dispositivi vengono prodotti in base a standard di sicurezza anni '50.

Quello che si temeva sta accadendo, ovvero che miliardi di dispositivi vulnerabilissimi sono connessi ad internet. E sono dispositivi con cui l'utente non interagisce direttamente, per cui non si puo' accorgere del breach dai segnali tipici ( consumo di memoria, lentezza della macchina, strani picchi sulla rete, ecc... ).
Opteranium27 Settembre 2016, 16:22 #5
si, intendevo anche quelli. Diciamo in generale sistemi progettati coi piedi, fra cui si annoverano tutti gli attuali e futuri dispositivi "intelligenti" (mi viene da ridere) per la casa, i weareable, le automobili e chi più ne ha più ne metta.
Fatti e finiti per soddisfare le esigenze dell'utente che vuole pigiare un tasto e tutto funziona. Chi vive di botnet può stare sereno.
igiolo27 Settembre 2016, 17:54 #6
Originariamente inviato da: pabloski
Akamai non e' una societa' di sicurezza ma di hosting e protezione anti-DDos. Il punto e' che nemmeno la loro banda e' infinita, per cui ad un certo punto ti scaricano per non danneggiare tutti gli altri loro clienti. Considera che Krebs mi pare fosse "protetto" gratuitamente, per cui...

Google se lo puo' permettere, perche' ha gazzillioni di terabytes di banda a disposizione. Vedremo fino a quando riuscira' a resistere.


pagherei per avere una rappresentazione grafica di dorsali e traffico (con relativi attacchi ddos) mondiale...
qboy27 Settembre 2016, 17:57 #7
Originariamente inviato da: pabloski
Akamai non e' una societa' di sicurezza ma di hosting e protezione anti-DDos. Il punto e' che nemmeno la loro banda e' infinita, per cui ad un certo punto ti scaricano per non danneggiare tutti gli altri loro clienti. Considera che Krebs mi pare fosse "protetto" gratuitamente, per cui...

Google se lo puo' permettere, perche' ha gazzillioni di terabytes di banda a disposizione. Vedremo fino a quando riuscira' a resistere.


si scusami per sicurezza intendevo di protezione anti-ddos, però riprendendo il tuo discorso, se krebs fosse utente pagante , lo avrebbero scaricato lo stesso?
igiolo27 Settembre 2016, 17:57 #8
bell articolo cmq, scorrevole ed abbastanza serio, argomentato un minimo anche!
pabloski27 Settembre 2016, 20:05 #9
Originariamente inviato da: igiolo
pagherei per avere una rappresentazione grafica di dorsali e traffico (con relativi attacchi ddos) mondiale...


Questo e' il massimo che possiamo avere http://www.norse-corp.com/map/



Originariamente inviato da: qboy
si scusami per sicurezza intendevo di protezione anti-ddos, però riprendendo il tuo discorso, se krebs fosse utente pagante , lo avrebbero scaricato lo stesso?


Purtroppo si. Capita con gli hoster piccoli e pure con quelli grandi. Se fosse stato pagante, avrebbero cominciato a chiedergli sui 200.000$ per la banda necessaria a far fronte all'attacco. Lo stesso Krebs ne ha parlato sul suo blog.

Questa roba e' grossa, da qualunque angolazione la si voglia guardare. I DDOS sono una minaccia tutt'altro che banale e a cui non e' stata ancora trovata soluzione.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^