Anonymous nella webmail della Polizia di Stato

Anonymous nella webmail della Polizia di Stato

La Polizia di Stato ridimensiona l'attacco subito da Anonymous: si tratterebbe solo di alcuni account di posta elettronica violati ma non c'è ancora un comunicato ufficiale che spieghi l'accaduto

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 17:51 nel canale Sicurezza
 

Nei giorni scorsi Anonymous ha posto la propria attenzione verso la Polizia italiana portando a termine un'azione che ha reso pubbliche svariate informazioni. Si tratta di ordini di servizio, di altri dettagli logistici ma anche di altre notizie la cui divulgazione non era certo cosa gradita. Qui di seguito una parte del comunicato:

La nostra attenzione si rivolge a Voi, servi dello Stato. Continuate a rendervi complici delle violenze più atroci burattinati dal potere. In realtà, i fili che vi manovrano sono gli stessi fili che vi stritolano. Vi erigete come i tutori dell’ordine pubblico ma fomentate un clima di terrore e paura ovunque si avverta il minimo sentore di richiamo alla Libertà. Vi scagliate con ferocia contro il Popolo che chiede il rispetto dei propri diritti e la salvaguardia della propria dignità. Insanguinate ogni tentativo di insubordinazione a questo sistema che logora chiunque si trovi nelle fauci del potere, mentre ingrassa lo status di Banche, politicanti e compagine di sciacalli. .. qui il testo completo.

La notizia è stata riportata da vari organi di stampa ma manca ad oggi una comunicazione ufficiale a riguardo. Di fatto quindi non è stata ancora resa pubblica l'esatta portata del problema. In un primo momento si è pensato che gli attivisti di Anonymous fossero riusciti a entrare nell'infrastruttura infomatica della Polizia di Stato, ma una nota diffusa da ADNkronos minimizza il problema:

''al momento non risulta alcuna violazione del server della Polizia. Sono stati invece registrati indebiti accessi a diverse email personali di operatori delle forze di Polizia''

Stando quindi a questa dichiarazione i dati divenuti pubblici sarebbe stati trafugati accedendo in modo illecito ad alcuni account webmail.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

45 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Portocala24 Ottobre 2012, 17:57 #1
Avranno letto l'articolo sulle 25 password da non utilizzare e cosi hanno bucato le email della polizia di stato
Sputafuoco Bill24 Ottobre 2012, 18:07 #2

Anonimi vigliacchi

Dalle argomentazioni che usano si evince che hanno 14 anni al massimo, se invece ne hanno di più allora vuol dire che sono degli ignoranti.
Insultano la Polizia chiamandoli "servi" senza ricercare le responsabilità individuali ma facendo il tipico ragionamento dei collettivisti che generalizzano, salvo poi chiamare il 113 quando gli rubano il triciclo.
piererentolo24 Ottobre 2012, 18:09 #3
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
salvo poi chiamare il 113 quando gli rubano il triciclo.

Anche perchè Batman non penso risponda per i tricicli
michael1one24 Ottobre 2012, 18:46 #4
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
Dalle argomentazioni che usano si evince che hanno 14 anni al massimo, se invece ne hanno di più allora vuol dire che sono degli ignoranti.
Insultano la Polizia chiamandoli "servi" senza ricercare le responsabilità individuali ma facendo il tipico ragionamento dei collettivisti che generalizzano, salvo poi chiamare il 113 quando gli rubano il triciclo.


Non hai letto tutto, fatto sta che questa non e la prima volta che violano la webmail della Polizia italiana, tante altre volte hanno mandato K.O. i siti di stato
Crashman24 Ottobre 2012, 18:54 #5
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
Dalle argomentazioni che usano si evince che hanno 14 anni al massimo, se invece ne hanno di più allora vuol dire che sono degli ignoranti.
Insultano la Polizia chiamandoli "servi" senza ricercare le responsabilità individuali ma facendo il tipico ragionamento dei collettivisti che generalizzano, salvo poi chiamare il 113 quando gli rubano il triciclo.

dovresti ringraziarli invece li chiami vigliacchi
tu sei complice dello schifo italiano
alex924 Ottobre 2012, 19:01 #6
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
Dalle argomentazioni che usano si evince che hanno 14 anni al massimo, se invece ne hanno di più allora vuol dire che sono degli ignoranti.
Insultano la Polizia chiamandoli "servi" senza ricercare le responsabilità individuali ma facendo il tipico ragionamento dei collettivisti che generalizzano, salvo poi chiamare il 113 quando gli rubano il triciclo.


chiamarli servi non è un'offesa... è un onore in una democrazia essere servitori dello Stato per poter dare il proprio contributo al benessere della collettività
Crashman24 Ottobre 2012, 19:19 #7
Originariamente inviato da: alex9
chiamarli servi non è un'offesa... è un onore in una democrazia essere servitori dello Stato per poter dare il proprio contributo al benessere della collettività

Quale democrazia?
giok8524 Ottobre 2012, 19:34 #8
Originariamente inviato da: Crashman
dovresti ringraziarli invece li chiami vigliacchi
tu sei complice dello schifo italiano


Originariamente inviato da: Crashman
Quale democrazia?


Sì va bhe...dai torna a metterti la maglietta di Che Guevara, inneggia pure all'anarchia (perchè senza forze dell'ordine a quello si arriverebbe), all'odio per il consumismo e boicotta le multinazionali... però magari hai l'iphone e ti scandalizzi se violano i tuoi diritti...nell'anarchia diritti non ne hai, perchè in democrazia la tua libertà finisce dove inizia quella degli altri, in anarchia la tua libertà non ha limiti, a scapito di quella altrui, ma anche quella degli altri a discapito tuo...

Spero per te che tu non sia uno di quegli "anarchici" (perchè siamo in un forum sono educato) che cantavano "10/100/1000 Nassirya" ed esultavano alla morte di Caligiuri...

CIAUZ
Rommie24 Ottobre 2012, 19:59 #9
Originariamente inviato da: Sputafuoco Bill
Dalle argomentazioni che usano si evince che hanno 14 anni al massimo, se invece ne hanno di più allora vuol dire che sono degli ignoranti.
Insultano la Polizia chiamandoli "servi" senza ricercare le responsabilità individuali ma facendo il tipico ragionamento dei collettivisti che generalizzano


Certo con dei numeri sulle divise si potrebbe generalizzare di meno...
!fazz24 Ottobre 2012, 20:02 #10
[COLOR="Red"]Datevi una calmata e tornate in topic ASAP[/COLOR]

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^