Un collegamento Wi-Fi fra due sensori a 700km di distanza: il record è tutto italiano

Un collegamento Wi-Fi fra due sensori a 700km di distanza: il record è tutto italiano

Record importante per il Politecnico di Torino, che ha realizzato un collegamento Wi-Fi dalla Sardegna alla Catalogna con un dispendio energetico irrisorio

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Scienza e tecnologia
 

Il Politecnico di Torino ha presentato un nuovo record in occasione del convegno XWC19, realizzando un collegamento Wi-Fi fra un sensore e un ricevitore che si trovavano a una distanza di oltre 700 chilometri fra di loro. Una sperimentazione lunga circa due anni operata dagli iXem Labs dell'Ateneo con l'obiettivo di realizzare un sistema autonomo e alternativo alla telefonia mobile per la raccolta di dati applicabile in qualsiasi luogo a prescindere dalla disponibilità di energia e dalla copertura della rete cellulare.

Il collegamento è stato realizzato tenendo a mente due criteri fondamentali, necessari per la sostenibilità e la replicabilità di un impianto del genere: consumi energetici ridotti abbinati a possibilità di collegamenti a lunghissima distanza. Le nuove tecniche di trasmissione sono state dimostrate con l'implementazione su sensori iXemWine, per la condivisione di dati agrometereologici raccolti nelle vigne e utilizzati per migliorare l'efficacia dei trattamenti fitosanitari. I sensori sono stati miniaturizzati e dotati di antenne da meno di 2 centimetri, alimentati da due semplici batterie stilo, alcaline e non ricaricabili.

Il tutto per eseguire l'esperimento in condizioni realmente applicabili: i test sono stati condotti infatti in contesti reali, come vigne, con i sensori inseriti in mezzo ai filari e i ricevitori su palloni meteostatici ancorati al suolo, almeno nelle prime implemnetazioni del sistema. Il Politecnico di Torino era riuscito a trasmettere dati, con questi metodi, a distanze di massimo 50km, aumentando progressivamente i limiti della tecnologia di anno in anno fino a realizzare un collegamento fra la stazione meteo nelle vigne di "U Tabarka" di Carloforte, in Sardegna, e un ricevitore installato in Catalogna sulle alture di Tarragona.

I dati condivisi fra le due località possono essere consultati sul sito ufficiale dell'esperimento, con il sistema che è stato in grado di comunicare ogni 10 minuti a distanze anche superiori ai 700km. Il tutto con un dispendio energetico irrisorio: la carica delle batterie dei sistemi è infatti ancora al 90%, dopo 6 mesi di distanza dalla prima implementazione.

È doveroso riportare qualche dato sugli iXem Labs: fondati nel 2004, nel 2007 avevano già realizzato un record mondiale di trasmissione Wi-Fi collegando Monte Rosa e Monte Cimone, con una distanza fra i dispositivi di 300km. I laboratori del Politecnico hanno poi avviato il progetto iXemWine a partire da fine marzo 2019, collaborando nell'installazione di oltre 180 stazioni meteo in 6 regioni italiane, utilizzate da più di 650 operatori del settore.

Il valore aggiunto della proposta di iXem Labs è l'autonomia elevata in sensori di dimensioni estremamente compatte, con il lavoro dell'Ateneo che ha garantito, secondo i dati rilasciati dall'Ateneo, "una significativa riduzione del numero di trattementi chimici necessari", aumentando pertanto la qualità del prodotto e diminuito l'esposizione ambientale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
silviop09 Dicembre 2019, 18:35 #1

Non e' chiaro....

...entrambi gli endpoint hanno un pallone frenato ?
Pallone che per 6 mesi galleggia nell aria ?

Quindi i sensori parlano con una centralina su un pallone che ritrasmette i dati ?

carobeppe09 Dicembre 2019, 18:41 #2

Tecnologia?

Non ho capito... ma è wifi, LoRaWAN o tecnologia proprietaria?
io78bis09 Dicembre 2019, 19:07 #3
È il secondo articolo che leggo sull'argomento e nessuno che da dettagli.
s-y09 Dicembre 2019, 19:29 #4
in effetti non si capisce troppo bene come è implementato il tutto
ad ogni modo, per quanto numero notevole, sul valore ottenuto penso impatti molto il fatto che tra sardegna e catalogna ci sia solo mare, quindi nessuna interferenza
pipperon09 Dicembre 2019, 20:10 #5
sia nel sito che negli aticoli ci sono enormi lacune.
Direi pero' che al 99% che scrive WiFi (che e' una cosa ben precisa) dica una bufala pazzesca.

Probabilmente e' il solito giornalista minxione che "via radio" diviene WiFi.
Poi altri della medesima fatta riportano senza cultura e capacita alcuna la notiziola parlando impunemente di WiFi.

Perche anche usando una direttiva cattivisima da 20 direttori (illegale e gia' non e' piu' WiFi) la banda del WiFi e' tutto tranne che sgombra e un segnalino fa pochi mW leggerlo sotto il caos a quella distanza (anche aiutati dal fatto che nel mare non trasmette nessuno o quasi) e' pura fantascienza.

Puzza tanto di bufala
Dumah Brazorf09 Dicembre 2019, 20:26 #6
Diciamo che il termine "wi-fi" è usato a sproposito. Si sarebbe dovuto scrivere "wireless".
filippo198010 Dicembre 2019, 09:50 #7
Effettivamente anche sul sito ci sono poche informazioni tecniche ... l'unica cosa chiara è che se l'area non è coperta si impegnano loro a portare la connessione nella zona interessata e che non c'è bisogno di nessuna SIM per connettersi ... informazioni tecniche SEMBRA che non ce ne siano come nel 90% dei siti commerciali! Parlare di bufala mi sembra esagerato, piuttosto di pubblicità ingannevole perchè non riporta dettagli specifici! :-)
Paolo7810 Dicembre 2019, 09:59 #8
Ed io che perdo la copertura wifi dentro casa dopo 10 metri.......
X-ray guru10 Dicembre 2019, 11:28 #9
Se fosse veramente una connessione radio "point to point" di 700 km con il protocollo wi-fi, sarebbe un vero miracolo.
Se invece si parla di una connessione radio (wireless) su frequenze adeguate, con protocolli molto robusti a correzione di errore e antenne a forte guadagno, la cosa sarebbe sporadicamente possibile per il condotto marino troposferico che si forma quasi tutte le estati sul mediterraneo, con attenuazioni di tratta molto limitate.
dreaad10 Dicembre 2019, 11:35 #10
E' in Wi-Fi (alias 802.11), con tutti i limiti legislativi del caso (max potenza emessa, bande utilizzate ecc.).

Diversi anni fa era stata effettuata una trasmissione su 300 km.

https://poliflash.polito.it/ricerca..._km_di_distanza

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^