Spazio e Cina: i razzi della famiglia Lunga Marcia arrivano al lancio numero 400

Spazio e Cina: i razzi della famiglia Lunga Marcia arrivano al lancio numero 400

La famiglia di razzi cinesi Lunga Marcia pensata da Long Lehao è arrivata al 400° lancio negli scorsi giorni segnando un importante traguardo. Il primo lancio avvenne nel lontano 1970 e da allora i progressi sono stati molti.

di pubblicata il , alle 15:16 nel canale Scienza e tecnologia
CNSA
 

La Cina ha una lunga tradizione di operazioni nello Spazio, anche se in generale ci si è concentrati maggiormente su quanto accadeva in Unione Sovietica/Russia e Stati Uniti (e successivamente in Europa). In questi giorni è stato raggiunto un nuovo record: il 400° lancio di un razzo della serie Lunga Marcia.

long march

Questo genere di vettori possono essere impiegati per diverse missioni e in prospettiva futura saranno fondamentali per il programma lunare cinese, come scritto in passato. Il razzo utilizzato nel lancio "numero 400" ha impiegato un vettore di tipo 4B con a bordo due satelliti. Si tratta di un traguardo fondamentale per l'economia spaziale della Cina.

Il 400° lancio di un razzo cinese della famiglia Lunga Marcia

Come annunciato dalla CNSA il razzo Lunga Marcia 4B è partito dallo spazioporto di Jiuquan all'1:11 di notte del 10 Dicembre (ora italiana). A bordo, come scritto sopra, c'erano due satelliti della costellazione Shijian-6 che si sono uniti alle altre otto unità già in orbita dal 2010.

lunga marcia

La costruzione di questi satelliti è stata affidata alla China Academy of Space Technology (CAST) in collaborazione con Aerospace Dongfanghong e sono stati posizionati in orbita eliosincrona a 585 km di quota. Questo genere di satelliti potrebbe essere impiegato per lo spionaggio elettronico ma non sono state rilasciate informazioni complete in merito. La capacità di lancio del vettore 4B è pari a 2800 kg in orbita eliosincrona sfruttando un propellente ipergolico (come per esempio l'acido nitrico e l'idrazina).

Il riassunto della storia dei razzi Lunga Marcia

La CNSA ha ricordato come il primo lancio di un razzo Lunga Marcia è avvenuto il 24 Aprile 1970. Nei 51 anni successivi questo genere di vettori nelle diverse declinazioni hanno compiuto il 92,1% dei lanci per la Cina portando in orbita 700 tra satelliti e navicelle. Il tasso di successo è estremante alto pari al 96,25 %.

Interessante notare che per arrivare ai primi 100 lanci ci sono voluti 37 anni, 7,5 anni per arrivare a 200 e circa 4 anni per i 300. Invece per toccare quota 400 sono passati solo 33 mesi (dal 10 Marzo 2019). Il padre di questa serie di razzi è Long Lehao (in inglese i vettori sono chiamati Long March). In passato Lehao ha anche presentato le ultime novità in merito con lo sviluppo dei vettori 5YD, 8R e 9.

long lehao

Wu Yansheng (presidente della CASC) ha dichiarato "dietro al lancio dei razzi Lunga Marcia non c'è solo l'aumento della frequenza di lancio, ma anche il miglioramento della capacità di lancio, l'incarnazione della Scienza e della tecnologia aerospaziale per scalare la vetta e diventare autosufficienti".

In futuro a questa serie di lanciatori saranno aggiunti anche quelle delle società private (con partecipazione statale) come iSpace, Expace e Galactic Energy. Questo permetterà, insieme allo sviluppo di spazioplani, di lanciare un maggior numero di satelliti e navicella puntando anche al riutilizzo dei vettori e al turismo spaziale.

Idee regalo, perché perdere tempo e rischiare di sbagliare?
REGALA UN BUONO AMAZON
!

Iscriviti subito al nostro canale Instagram!

Perché? Foto, video, backstage e contenuti esclusivi!

1 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Sandro kensan13 Dicembre 2021, 21:27 #1
Mancherebbe una comparazione tra i lunga marcia e i soyuz.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^