SpaceX riceve il via libera dall'FCC per i satelliti per Internet

SpaceX riceve il via libera dall'FCC per i satelliti per Internet

SpaceX ha ricevuto il via libera da parte dell'ente statunitense FCC per poter far orbitare i propri satelliti per Internet a banda larga a una quota di 550 km anziché di oltre 1000 km! Un passo avanti per i piani di Elon Musk.

di pubblicata il , alle 20:01 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceX
 

SpaceX sta pianificando il lancio di una costellazione di satelliti dedicati a portare Internet a banda larga in molte zone del Mondo. Un tassello fondamentale è arrivato in queste ore, quando l'FCC statunitense ha autorizzato la società di Elon Musk a rivedere in parte orbita e numero dei satelliti.

spacex satelliti internet

Ora i satelliti di SpaceX potranno orbitare a circa 550 km di quota quando inizialmente era prevista un'altitudine compresa tra i 1110 km e i 1325 km (la ISS orbita a 400 km, a titolo esemplificativo). Questo permetterà di ridurre il numero dei satelliti necessari da circa 4400 a poco meno di 1600 con un risparmio in termini di costi e difficoltà operative per i vari lanci.

Un'alta nota positiva è data dal fatto che meno satelliti saranno in orbita minori saranno le problematiche legate ai possibili detriti spaziali che si potrebbero generare. Il problema non è da sottovalutare e già in questi anni ha creato più di un problema, problema che però diventerà sempre più frequente in futuro con l'arrivo di nuovi satelliti e il decommissionamento dei vecchi.

La presidente di SpaceX, Gwynne Shotwell, ha visto questa autorizzazione come un segno di fiducia da parte della FCC e ovviamente ha avuto parole positive per l'ente statunitense.

Orbitando a 550 km anziché oltre 1000 km sarà ridotta anche la latenza del segnale che potrà arrivare a 15 ms. Inoltre, come specificato sopra, un'altitudine inferiore permetterà anche di coprire la stessa superficie con meno satelliti, con molte conseguenze positive.

Sempre nel documento ufficiale dell'FCC si legge come OneWeb e altre società si siano opposte a questa modifica citando possibili interferenze tra i propri satelliti e quelli di SpaceX. Ma l'ente statunitense ha dichiarato che vista l'utilità pubblica della costellazione e non presentando significativi problemi di interferenze l'autorizzazione fosse comunque concedibile.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
calabar30 Aprile 2019, 10:56 #1
Qualcosa non mi torna.
D'accorso sui vantaggi relativi alla potenza del segnale e le latenze, ma se la quota si abbassa di norma l'impronta si riduce e quindi servono più satelliti, non meno.
marcram30 Aprile 2019, 11:37 #2
Originariamente inviato da: calabar
Qualcosa non mi torna.
D'accorso sui vantaggi relativi alla potenza del segnale e le latenze, ma se la quota si abbassa di norma l'impronta si riduce e quindi servono più satelliti, non meno.



Infatti, il documento parla di spostare a 500km 1600 satelliti dei 4400 che erano previsti sui 1000km, non di ridurli da 4400 a 1600!
Articolo scritto coi piedi...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^