SpaceX apre i preordini di Starlink in diversi paesi del mondo: internet satellitare presto per tutti?

SpaceX apre i preordini di Starlink in diversi paesi del mondo: internet satellitare presto per tutti?

Diversi utenti in diverse parti del mondo stanno informando che SpaceX ha aperto i preordini per il servizio Starlink, l'internet satellitare che intende offrire una banda larga anche nelle aree più remote e difficilmente raggiungibili

di pubblicata il , alle 13:21 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceX
 

Senza troppi squilli di tromba SpaceX ha aperto i preordini in tutto il mondo per il suo servizio Internet Starlink. Da diverse parti del mondo, infatti, stanno arrivando le prime conferme: Stati Uniti, Australia, Nuova Zelanda, Canada e altri. SpaceX ha lanciato la prima beta pubblica del servizio su invito circa quattro mesi fa, con l'obiettivo di raggiungere 10 mila utenti nel corso del mese di febbraio. In questi giorni sembra che l'azienda stia accelerando per raggiungere l'obiettivo.

Restano comunque molti ostacoli prima dell'implementazione generale del servizio. Il lancio internazionale della tecnologia internet di SpaceX è subordinato a un processo burocratico complesso formato da approvazioni normative in ogni singolo paese in cui l'azienda voglia operare. A partire dal 2021, SpaceX è riuscita a ottenere le licenze per distribuire Starlink negli Stati Uniti, in Canada e nel Regno Unito, con clienti già presenti nei tre paesi elencati.

Lo stesso lavoro burocratico è stato già avviato con ottimi risultati anche in Messico, Germania, Grecia, Francia, Australia, Argentina e Cile, mentre in Italia siamo ancora nelle fasi iniziali insieme ad altri paesi come Austria, Spagna, Irlanda, Nuova Zelanda, Filippine, India, Giappone, Sud Africa, Brasile e Colombia. È probabile che ci siano dibattiti aperti anche in altri paesi, tuttavia mancano ancora dettagli ufficiali, documenti e conferme da parte dell'azienda.

L'internet satellitare di SpaceX presto in distribuzione nel mondo

Secondo Elon Musk, CEO di SpaceX, l'obiettivo con Starlink è però offrire la connettività internet "allo stesso prezzo in tutti i paesi", con l'unica grande differenza dettata dalle tasse locali e le spese di distribuzione. Ad oggi, però, per partecipare alla prima fase di distribuzione delle reti è necessario un deposito di 99 dollari (rimborsabile). Con questa cifra si effettua il preordine, con la promessa che il servizio sarà disponibile a metà 2021 o alla peggio entro la fine dell'anno. 

Difficile quantificare quale sarà la spesa canonica per gli utenti Starlink, anche perché al momento il servizio garantisce velocità medie da 50 a 150Mbps con latenza da 20 a 40ms con una spesa di 99 dollari mensili, a cui è necessario aggiungere circa 500 dollari per il terminale per l'accesso. Una spesa considerevole, che probabilmente manterrebbe lontani gli utenti sia nelle aree sviluppate, sia soprattutto nei paesi meno sviluppati in cui Starlink potrebbe fare la differenza.

Con Starlink, quindi, SpaceX sembra rivolgersi al momento ai residenti di aree rurali e periferiche che attualmente non hanno accesso a internet o che fanno affidamento a tecnologie di connettività obsolete in mancanza di servizi più efficaci. L'azienda inizialmente punta su un mercato che conta un'utenza di diverse decine di milioni di persone in tutto il mondo, che ritiene pronto per essere conquistato attraverso una connessione internet satellitare affidabile. Difficile prevedere quali siano i piani a lungo termine dell'azienda di Musk, ma pare che l'obiettivo sia quello di offrire il servizio, una volta maturo e finalizzato, allo stesso prezzo delle soluzioni già operative oggi.

Seguici sul nostro canale Instagram, tante novità in arrivo!

33 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Axel.vv09 Febbraio 2021, 14:12 #1
I prezzi da noi

Hardware 499€
Service 99€/mo
Shipping & Handling 60€

300009 Febbraio 2021, 14:29 #2
Solo per casi particolari... il cablato è assolutamente preferibile ovunque questo arrivi.
biometallo09 Febbraio 2021, 14:40 #3
Originariamente inviato da: 3000
Solo per casi particolari... il cablato è assolutamente preferibile ovunque questo arrivi.


Grazie capitan ovvio, ma ti ricordo che stiamo parlando di un servizio pensato proprio per quelle tante aree del globo dove la connessione cablata è inesistente o quasi.
blobb09 Febbraio 2021, 14:43 #4
Originariamente inviato da: biometallo
Grazie capitan ovvio, ma ti ricordo che stiamo parlando di un servizio pensato proprio per quelle tante aree del globo dove la connessione cablata è inesistente o quasi.

Quelle aree del globo di solito sono abitate da persone che non possono permettersi di spendere 99€ al mese per una connessione
io78bis09 Febbraio 2021, 14:49 #5
Originariamente inviato da: biometallo
Grazie capitan ovvio, ma ti ricordo che stiamo parlando di un servizio pensato proprio per quelle tante aree del globo dove la connessione cablata è inesistente o quasi.


Hai ragione però onestamente nei paesi indicati (USA, Canada, UK, etc) quanti sono i possibili utilizzatori che già non potrebbero usufruire della connessione mobile (4G/5G)?

Certo forse i prezzi non sono come in Italia dove ormai con 7-15€ ti porti a casa 100GB di dati/mese ma:
[LIST]
[*]differenza di prezzo
[*]praticità utilizzo
[/LIST]
dovrebbero ridurre l'effettiva platea di utenti di un bel po'.

Io l'unico vero potenziale che vedo, oltre ai paesi del terzo mondo (a quei prezzi la vedo dura) o le campagne remote (visto che sono remote ci abiteranno max 500/1000 persone) sono le navi.
Ago7209 Febbraio 2021, 15:33 #6
Originariamente inviato da: io78bis
Hai ragione però onestamente nei paesi indicati (USA, Canada, UK, etc) quanti sono i possibili utilizzatori che già non potrebbero usufruire della connessione mobile (4G/5G)?


Tantissimi, basta pensare alla provincia americana. Non devi pensare a una densità di abitazione Italiana/Europea,

Originariamente inviato da: io78bis
Io l'unico vero potenziale che vedo, oltre ai paesi del terzo mondo (a quei prezzi la vedo dura)


Ovviamente il target per i paesi del terzo mondo non sono i privati, ma scuole, istituzione pubbliche (Uffici, ospedali) e gli internet cafè, che lì sono molto diffusi.

Originariamente inviato da: io78bis
o le campagne remote (visto che sono remote ci abiteranno max 500/1000 persone) sono le navi.


Per le compagnie marittime sarebbe solo un abbasamento dei costi, in quanto hanno già telefoni satellitari. I piccoli paesi di 500/1000 persone sono già tipicamente raggiunti da un sistema di comunicazione a banda larga (DSL o Radio). Il target secondo me sono più le singole abitazioni distanti dal centro abitato, e negli USA, Canada e altri parti del mondo sono più diffuse di quel che pensi.
Cfranco09 Febbraio 2021, 15:36 #7
Gli unici clienti che potrebbero ragionevolmente usare un servizio del genere sono i ricconi in vacanza in mezzo al deserto o in mezzo al mare con la barca.
LMCH09 Febbraio 2021, 16:21 #8
Originariamente inviato da: io78bis
Io l'unico vero potenziale che vedo, oltre ai paesi del terzo mondo (a quei prezzi la vedo dura) o le campagne remote (visto che sono remote ci abiteranno max 500/1000 persone) sono le navi.


C'e' un mercato molto più ampio, considera quante miniere e siti estrattivi (sia pozzi sulla terraferma che su piattaforme petrolifere) sono in posti dove c'e' personale ben pagato e con connessioni internet molto ridotte.

Poi aggiungi quelli che fanno prospezioni o altri lavori in cui stai in posti dove non arriva manco il vecchio GSM e dove il datore di lavoro stesso ha convenienza che tu abbia una connessione internet decente.
Poi oltre alle navi cargo e da crociera, ci sono tutti i vari yacht ed imbarcazioni private a cui fa comodo avere la possibilità di usare un unico abbonamento internet che funzione ovunque siano nel mondo.

Poi ci sono tutte le aziende a cui fa comodo avere un datalink "non soggetto alle turbolenze locali" con filiali e siti produttivi sparsi in giro per il mondo.
Infine ci sono i militari e le organizzazioni governative (specialmente se il terminale starlink si può montare su un UAV di dimensioni adeguate).

Mettendo tutto insieme viene fuori una nicchia piccola in percentuale rispetto agli utenti a livello mondiale, ma numericamente bella grossa e con i soldi per permettersi tutte le connessioni Starlink che gli tornano utili.

Non è un caso se gli Starlink possono anche fornire un servizio GNS alternativo a GPS/Glonass/Galileo/Beidou, ecc. e molto più difficile da neutralizzare, se si fa attenzione ai dettagli si nota che un sacco di quel che sta sviluppando SpaceX è roba a doppio uso civile/militare.
Svelgen09 Febbraio 2021, 16:22 #9
Originariamente inviato da: Cfranco
Gli unici clienti che potrebbero ragionevolmente usare un servizio del genere sono i ricconi in vacanza in mezzo al deserto o in mezzo al mare con la barca.


Ho pensato la stessa cosa!
gd350turbo09 Febbraio 2021, 16:22 #10
Originariamente inviato da: Axel.vv
Hardware 499€
Service 99€/mo
Shipping & Handling 60€


e se vedi nei messaggi di tempo fa, c'era chi inneggiava a starlink come il salvatore della patria, l'ancora di salvezza per chi voleva una connessione veloce e affidabile, da usare al posto della fibra !

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^