NFT: compra un'opera di Banksy per 340 mila dollari ma è un falso

NFT: compra un'opera di Banksy per 340 mila dollari ma è un falso

Un collezionista anonimo ha acquistato un'opera digitale (NFT) di Banksy per 97 Ethereum (circa 340 mila dollari) salvo scoprire solo successivamente che si trattava di una truffa. Per fortuna la cifra è stata rispedita all'acquirente

di pubblicata il , alle 17:41 nel canale Scienza e tecnologia
Ethereum
 

Un collezionista di NFT (token non fungibili) ha acquistato un'opera digitale dell'artista misterioso Banksy per una cifra di 340 mila dollari (97,7 ETH) , salvo scoprire subito dopo che si trattava di un falso. L'asta si è tenuta direttamente sul sito ufficiale dell'artista e un anonimo collezionista conosciuto con lo pseudonimo di "Pranksy" non ci ha pensato due volte prima di offrire l'incredibile cifra di 97,7 Ethereum per accaparrarsi l'opera NFT.

Zune

Non è la prima volta che associamo l'enigmatico artista britannico al mondo crypto. Infatti, a marzo un gruppo appartenente a una società di blockchain ha trasformato un'opera fisica di Banksy in forma digitale (NFT) salvo poi bruciarla in diretta mentre il mese dopo un'opera dell'artista è stata messa all'asta con la possibilità di essere acquistata in criptovalute.

Collezionista paga 97 Ethereum per un NFT di Banksy falso, ma il truffatore lo rimborsa

Tornando alla singolare vicenda, l'asta non era stata preannunciata in nessun modo da Banksy ma è apparsa di sorpresa sul sito, situazione alquanto insolita che avrebbe dovuto attivare subito un campanello d'allarme. Sì, perché alla fine si trattava di una vera e propria truffa messa in piedi da un hacker. Il dubbio arrivò subito dopo che il collegamento all'asta di OpenSea -celebre piattaforma di compravendita di NFT- è stato rimosso dal sito web di Banksy.

Alla BBC, il team che sta dietro al misterioso artista ha affermato che "l'artista Banksy non ha creato opere d'arte NFT".

Incredibilmente però Pranksy è riuscito in qualche modo a ottenere inaspettatamente il rimborso dal truffatore, dato che secondo l'acquirente l'hacker si sarebbe spaventato. "Il rimborso è stato del tutto inaspettato, penso che la copertura mediatica dell'hack e il fatto che avevo trovato l'hacker e l'avessi seguito su Twitter avrebbero potuto spingerlo a un rimborso", ha detto Pranksy.

Seguici sul nostro canale Instagram, tante novità in arrivo!

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Gringo [ITF]01 Settembre 2021, 17:54 #1
Come si fà a vendere un NFT falso.....
.... LUL !!
TorettoMilano01 Settembre 2021, 18:12 #2
https://www.hwupgrade.it/forum/show...p;postcount=130

mi faccio paura da solo per il tempismo
mmorselli01 Settembre 2021, 18:25 #3
Originariamente inviato da: Gringo [ITF]
Come si fà a vendere un NFT falso.....
.... LUL !!


Se il compratore è molto stupido si può vendere anche il Colosseo, o la Torre di Pisa. Contro questo non c'è NFT che tenga, gli strumenti per verificare li aveva, ma non li ha usati.

Però... se ti vendo il colosseo e tu mi paghi in euro è improbabile che poi me li restituisci, come è invece accaduto in questo caso. L'NFT alla fine viene pagato in ETH, per cui vai poco lontano.
randorama01 Settembre 2021, 20:11 #4
Originariamente inviato da: mmorselli

Però... se ti vendo il colosseo e tu mi paghi in euro è improbabile che poi me li restituisci, come è invece accaduto in questo caso. L'NFT alla fine viene pagato in ETH, per cui vai poco lontano.


immagino che uno meno cagasotto non li avrebbe convertiti in cartaccia moneta 3 secondi dopo.
edit: ovviamente sempre che il tutto non sia una farsa mal combinata perchè se ne parli.

dai... Pranksy.. proprio a prova di tonto
mmorselli01 Settembre 2021, 21:14 #5
Originariamente inviato da: randorama
immagino che uno meno cagasotto non li avrebbe convertiti in cartaccia moneta 3 secondi dopo.


Ma non puoi, perché devi passare per un exchange, il quale ti consente sì di convertirli in dollari in 3 secondi dopo che ti ha preso anche le impronte digitali considerato che parliamo di 340.000 dollari, ma per mandarteli su un conto corrente (il posto migliore per ricevere i proventi di una truffa) impiega giorni. Nel frattempo il fatto è diventato un caso e gli exchange mettono in blacklist l'indirizzo da cui quegli ETH hanno origine.

Se truffi 10.000$ ad un sig. nessuno che si è fatto fregare la chiave privata forse la passi liscia, ma 340.000 dollari di una truffa pubblica no. Ed è anche uno dei lati interessanti delle crittovalute, riservate (non anonime) per gli onesti, ma non per i disonesti.
randorama01 Settembre 2021, 21:23 #6
Originariamente inviato da: mmorselli
Ma non puoi, perché devi passare per un exchange, il quale ti consente sì di convertirli in dollari in 3 secondi dopo che ti ha preso anche le impronte digitali considerato che parliamo di 340.000 dollari, ma per mandarteli su un conto corrente (il posto migliore per ricevere i proventi di una truffa) impiega giorni. Nel frattempo il fatto è diventato un caso e gli exchange mettono in blacklist l'indirizzo da cui quegli ETH hanno origine.

Se truffi 10.000$ ad un sig. nessuno che si è fatto fregare la chiave privata forse la passi liscia, ma 340.000 dollari di una truffa pubblica no. Ed è anche uno dei lati interessanti delle crittovalute, riservate (non anonime) per gli onesti, ma non per i disonesti.


eccerto. perchè infatti chi ottiene criptovalute in cambio di estorsioni poi non li ridà indietro "perchè non riesce a convertirle".

psssstt...

[SIZE="7"]PRANK[/SIZE]SY

https://translate.google.it/?sl=aut...mp;op=translate
mmorselli01 Settembre 2021, 21:54 #7
Originariamente inviato da: randorama
eccerto. perchè infatti chi ottiene criptovalute in cambio di estorsioni poi non li ridà indietro "perchè non riesce a convertirle".


Quelli probabilmente riescono, perché se chiedono a te 1000$ per decrittare un ransomware e tu li paghi, non hai nessun potere o diritto di andare dagli exchange a chiedere di bloccare quella cifra, perché l'exchange ti risponde "e come faccio io a sapere che il truffatore non sei tu?"

Ma l'avevo già scritto sopra.

PRANKSY


E quindi? Pensi di aver risolto il caso, Sherlock?

Il tizio ha un account Twitter [B][U]verificato[/U][/B] con 115.985 follower, che sicuramente non ha creato per l'occasione. E' anche il titolare di un market NFT, diciamo più una sorta di galleria d'arte, da qui probabilmente la discreta disponibilità economica. Visto che il sito di Banksy è stato hackerato in modo fraudolento (e quindi commettendo un reato) è improbabile che sia lui stesso l'organizzatore o il complice della truffa.
randorama01 Settembre 2021, 23:31 #8
Originariamente inviato da: mmorselli
Quelli probabilmente riescono, perché se chiedono a te 1000$ per decrittare un ransomware e tu li paghi, non hai nessun potere o diritto di andare dagli exchange a chiedere di bloccare quella cifra, perché l'exchange ti risponde "e come faccio io a sapere che il truffatore non sei tu?"

Ma l'avevo già scritto sopra.

eggià. perchè tra un'estorsione una truffa si può distinguere.

faccio una truffa, non porto a casa i proventi.
estorco il denaro, ce la faccio.
se invece faccio un rapimento? 50% lo incasso e 50% lo rendo?

aggià, ma è "probabilmente"...

E quindi? Pensi di aver risolto il caso, Sherlock?

no, solo di aver sottoposto l'evidenza alla sua attenzione, lestrade


Il tizio ha un account Twitter [B][U]verificato[/U][/B] con 115.985 follower, che sicuramente non ha creato per l'occasione. E' anche il titolare di un market NFT, diciamo più una sorta di galleria d'arte, da qui probabilmente la discreta disponibilità economica. Visto che il sito di Banksy è stato hackerato in modo fraudolento (e quindi commettendo un reato) è improbabile che sia lui stesso l'organizzatore o il complice della truffa.

accidenti.. che sfortuna nera che ha.
ricordo bene se dico che non si sa bene (ma neppure male) chi sia Banksy? e che abbia una certa propensione a perculare i suoi fans?
mmorselli02 Settembre 2021, 00:03 #9
Originariamente inviato da: randorama
eggià. perchè tra un'estorsione una truffa si può distinguere.
faccio una truffa, non porto a casa i proventi.
estorco il denaro, ce la faccio.
se invece faccio un rapimento? 50% lo incasso e 50% lo rendo?


Va bene, ad un certo punto devo ammetterlo, sono io che mi spiego male, perché altrimenti sarebbe impossibile...

Ci riprovo... Però mettici anche del tuo, ti prego.

Truffi 1000 dollari ad un poveraccio a cui hai mandato un virus? Probabilmente riesci ad incassarli, perché il poveraccio non ha modo di dimostrare che è stato truffato, potrebbe essersi inventato tutto, potrebbe aver pagato 1000 Euro di bamba a qualcuno e adesso dice che è stato truffato per tenersi bamba e soldi.

Truffi 340.000 dollari e il caso finisce sui giornali e il tuo nome spunta nelle prime 3 pagine su Google? In questo caso è decisamente più semplice dimostrare che sei tu il truffato, c'è una notizia pubblica, tu sei una persona pubblica, e se stai facendo il furbo rischi poi di essere tu quello incriminato per truffa. In questo caso è molto più facile convincere gli exchange a bloccare, anche solo in via precauzionale, le transazioni che partono da quell'indirizzo. La storia ci insegna che succede così, truffe del passato sono tutt'ora sotto osservazione e non vengono incassate, di recente stiamo vedendo i criminali che restituiscono il denaro, perché appunto arrivano alla stessa conclusione.



accidenti.. che sfortuna nera che ha.
ricordo bene se dico che non si sa bene (ma neppure male) chi sia Banksy? e che abbia una certa propensione a perculare i suoi fans?


Quindi stai ipotizzando che questo signore con la galleria d'arte NFT sia lui stesso Banksy? Ipotesi azzardata, ma sai vero che la simulazione di reato è un reato a sua volta?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^