NASA Voyager 2 è ora fuori dall'eliosfera ma non dal Sistema Solare

NASA Voyager 2 è ora fuori dall'eliosfera ma non dal Sistema Solare

Voyager 2 ha superato l'Eliopausa (a Novembre 2018) arrivando così nello Spazio interstellare sei anni dopo la sonda gemella. Molte le novità e le curiosità scoperte dagli scienziati che ora hanno pubblicato diversi studi grazie ai dati raccolti.

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Scienza e tecnologia
NASA
 

Nonostante il fatto sia avvenuto lo scorso anno (a inizio Novembre 2018) solo in questi giorni è salita agli onori della cronaca la notizia, grazie alla pubblicazione di quattro studi, che NASA Voyager 2 ha superato l'Eliosfera trovandosi così, insieme alla sorella Voyager 1, nello Spazio interstellare.

NASA Voyager 2

NASA Voyager 2: gli ultimi dati e informazioni

A differenza di quanto scritto su altre testate, NASA Voyager 2 è ancora all'interno del Sistema Solare proprio perché ancora all'interno della Nube di Oort. Ora la sonda si trova a miliardi di chilometri di distanza dalla Terra (ma appena a 17 ore/luce) nello Spazio interstellare superando così l'Eliopausa che delimita a sua volta l'Eliosfera dove le condizioni dello Spazio intorno alla Voyager cambiano.

Infatti rimanendo all'interno dell'Eliosfera ci si trova "immersi" in una zona dove si trovano le particelle cariche che costituiscono il vento solare. Gli scienziati, in questi mesi, hanno analizzato i dati di Voyager 2 mettendoli a confronto con Voyager 1 e scoprendo alcune curiosità.

Per esempio, nonostante quest'ultima avesse passato l'Eliopausa durante il massimo solare, è stata seguita con breve distacco dalla prima (che invece lo ha fatto nel minimo solare). Una differenza che i ricercatori pensavano potesse essere maggiore.

Si suppone dunque che l'Eliosfera possa contrarsi e allargarsi per via di diversi fenomeni come perturbazioni date dalle espulsioni coronali del Sole che influenzano oggetti anche a distanze elevate. In realtà ancora adesso mancano molte informazioni per avere un quadro preciso, ma proprio grazie a Voyager 1 e Voyager 2 potrebbero esserci ulteriori scoperte.

NASA Voyager 2

Le misurazioni del campo magnetico interstellare invece hanno confermato quanto trovato dalla prima sonda: non c'è sostanziale differenza con quello dell'Eliosfera. Ma anche in questo caso non si sa perché.

Anche la misurazione del vento solare di Voyager 2 è diversa da quello della gemella. Infatti se per quest'ultima era prossima allo zero già in prossimità dell'Eliopausa, nel secondo caso solo dopo l'Eliopausa si è ridotta.

Un viaggio che potrà raccogliere ancora 5 anni di dati

Il viaggio però ha una "data di scadenza". Secondo i ricercatori, sia Voyager 1 che Voyager 2 avranno ancora una vita utile di 5 anni prima che i tre generatori RTG a Plutonio 238 si esauriscano non permettendo più di comunicare dati sulla Terra. Questo significa che ci sarà ancora la possibilità di ascoltare le due sonde attraverso il Deep Space Network ma che purtroppo presto i dati non potranno più essere inviati.

Certo, le due sonde hanno svolto ben più del lavoro per cui erano state pensate 50 anni fa permettendoci di vedere da vicino pianeti per i quali non sono previste missioni ancora per anni (come Nettuno). Le due Voyager ora si trovano a 148 UA e 122,4 UA dalla Terra (separate tra loro da 160 UA) e continueranno ad aiutarci a capire il Sistema Solare ancora prima di spegnersi gloriosamente.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Opteranium07 Novembre 2019, 15:46 #1
monumento all'ingegno umano.. spero davvero che un extraterrestre capiti di passaggio e ne raccolga i resti, con disco d'oro al seguito!
StylezZz`07 Novembre 2019, 16:35 #2
Originariamente inviato da: Opteranium
spero davvero che un extraterrestre capiti di passaggio e ne raccolga i resti, con disco d'oro al seguito!


E fu così che ebbe inizio lo sterminio della razza umana
Cappej07 Novembre 2019, 16:53 #3
esatto... "Guarda qui che formicaio di co*lioni da sottomettere! a malapena hanno scoperto il fuoco!"
Opteranium07 Novembre 2019, 16:53 #4
Originariamente inviato da: StylezZz`
E fu così che ebbe inizio lo sterminio della razza umana

o magari l'inizio dell'era galattica, chi può saperlo
Marko_00107 Novembre 2019, 17:13 #5
La missione delle Voyager è stata resa possibile dall'osservazione di uno studente
presso il California Institute of Technology, nel 1964,
che entro la fine degli anni '70, i pianeti giganti del sistema solare
si sarebbero allineati, permettendo di utilizzare la loro gravità
per aiutare le sonde interplanetarie.
I razzi convenzionali non danno velocità molto elevate ai veicoli spaziali, raramente oltre 11-12 chilometri al secondo, mentre la "fionda planetaria"
avrebbe fornito 17 chilometri al secondo.
-
Nessuno si aspettava che i Voyager avrebbero raggiunto i confini dell'eliosfera
con strumenti funzionanti e in grado di inviare dati sulla Terra.
Tuttavia, hanno superato tutte le aspettative e, di conseguenza,
nell'agosto 2012, Voyager 1 ha trovato, con i suoi strumenti, il limite dell'eliosfera , a circa 18 miliardi di chilometri dal Sole.
E nel 2018, la NASA ha finalmente annunciato che anche Voyager 2
aveva lasciato la bolla dell'eliosfera
- 2018 non ora.
Il confine del sistema solare si trova dove la gravità della nostra stella è più forte della gravità delle stelle vicine (sfera di Hill).
Nel caso della nostra stella, il suo raggio è di circa due anni luce.
In parole povere, sono 19 trilioni di chilometri.
Cioè, anche la più lontana astronave terrestre di Earthlings, Voyager-1 e Voyager-2, finora ha volato circa un millesimo della distanza dai confini del sistema solare. Volano per 42 anni, da cui non è difficile fare una previsione:
voleranno fuori dal sistema in circa quarantamila anni.
fonte - naked-science.ru
raxas07 Novembre 2019, 20:38 #6
Originariamente inviato da: StylezZz`
E fu così che ebbe inizio lo sterminio della razza umana


uhm... una civiltà in grado di raccoglierne i resti, ovvero non impattati, che se si impatta resterà un grumo... dicevo una civiltà, presunta, aliena, in grado di rincorrerla ai 17km al secondo che fa, e acchiapparla avrà tecnologie che sarebbero già qui, senza bisogno di una sonda che ci vada a segnalarci, direi un pò incautamente, perchè non sappiamo cosa può esserci e che razza di azioni abbiano, gli alieni, in "mente" di fare...
comunque il fatto che non sia stata intercettata dà un pò fa pensare... in ogni caso, se dovranno passare 40.000 anni perchè raggiunga il primo sistema stellare, per quell'epoca probabilmente si sarà in grado, se non distrutti prima da noi stessi, di andarla a recuperare per scongiurare incontri sgraditi...
comunque spero in una specie di onu galattica che statuisca di non interferire con le civiltà non ancora sufficientemente sviluppate

certo che il futuro potrà essere inaudito, chissà se ci sono civiltà aliene vicine che conoscono le stelle con pianeti civilizzati, un giorno questa mappa sarà stupefacente...
StylezZz`07 Novembre 2019, 22:09 #7
Originariamente inviato da: raxas
comunque spero in una specie di onu galattica che statuisce di non interferire con le civiltà non ancora sufficientemente sviluppate


Quindi una federazione stile Star Trek, e la ''prima direttiva''.

Ma se la sonda viene intercettata da una specie simile ai Borg...possiamo solo sperare di non essere presi in considerazione perchè siamo troppo primitivi e non degni di essere assimilati
Bradiper07 Novembre 2019, 22:15 #8
Se l uomo potrà viaggiare nello spazio nei prossimi mila anni, dipende dalle scoperte, e andrà alla ricerca di pianeti e vita aliena sarà sicuramente per interesse economico e potere, non esisterà a saccheggiare e sottomettere altre civiltà meno evolute, fino all estinzione. Bella prospettiva..
Qarboz07 Novembre 2019, 22:43 #9
Originariamente inviato da: StylezZz`
E fu così che ebbe inizio lo sterminio della razza umana


Se è per quello non occorre una civiltà aliena ostile, ci stiamo riuscendo benissimo da soli ad autodistruggerci...
An.tani08 Novembre 2019, 11:06 #10
Originariamente inviato da: raxas
comunque il fatto che non sia stata intercettata dà un pò fa pensare...


Ma hai presente quanto sono minuscole le sonde voyager e quando è immenso lo spazio ??


Noi non riusciamo a trovare un intero pianeta con un massa stimata tra tra 5 e 10 masse terrestri !

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^