NASA: un radiotelescopio sulla faccia nascosta della Luna per le future osservazioni?

NASA: un radiotelescopio sulla faccia nascosta della Luna per le future osservazioni?

Il Lunar Crater Radio Telescope potrebbe essere il più grande radiotelescopio nel Sistema Solare. L'idea è quella di sfruttare uno dei crateri della faccia nascosta della Luna per avere una base di partenza "già pronta" riducendone la complessità.

di pubblicata il , alle 21:01 nel canale Scienza e tecnologia
NASA
 

Anche se siamo ancora nelle prime fasi del processo di selezione, l'idea potrebbe essere meno bizzarra di quanto potrebbe sembrare. La NASA ha infatti selezionato il progetto di Saptarshi Bandyopadhyay (tecnologo al JPL) per la realizzazione di un radiotelescopio sulla faccia nascosta della Luna.

radiotelescopio lunare

L'idea è quella di sfruttare uno dei tanti crateri del nostro satellite naturale per realizzare la base del piatto dell'antenna del radiotelescopio lunare. Per la costruzione saranno impiegati dei robot che dovranno occuparsi di stendere cablaggi metallici per completare l'opera.

Il radiotelescopio lunare, chiamato dall'ideatore Lunar Crater Radio Telescope (LCRT), potrebbe captare le onde radio sotto i 30 MHz (che sulla Terra sono riflesse dalla ionosfera) e potrebbe operare in un ambiente più silenzioso nelle onde radio rispetto alla superficie del nostro pianeta. Inoltre la Luna potrebbe schermare il telescopio dalle interferenze generate dal Sole (quando il lato nascosto della Luna è diretto nella giusta direzione, opposta a quella della nostra stella).

I robot chiamati DuAxel permetteranno di stendere i cavi metallici mentre un lander farà da punto centrale all'interno del cratere (dai 3 ai 5 chilometri di diametro). Il radiotelescopio avrebbe infine un diametro operativo di un chilometro, il più grande radiotelescopio terrestre (FAST, Five hundred meter Aperture Spherical Telescope) arriva a 500 metri.

luna telescopio

Il progetto di Bandyopadhyay è stato selezionato insieme ad altri 22 per ricevere un finanziamento di 7 milioni di dollari complessivi grazie al programma NASA Innovative Advanced Concepts (NIAC). Ora il progetto riceverà 125 mila dollari e nove mesi di tempo per capire la fattibilità. Se ci sarà esito positivo si passerà alla fase due dove si salirà a 500 mila dollari su un periodo di due anni. Si giungerà poi alla fase tre dove il budget salirà fino a 2 milioni di dollari e ci saranno altri due anni per lo studio.

Siamo quindi solo all'inizio dell'avventura dell'idea di Saptarshi Bandyopadhyay e del suo radiotelescopio lunare sulla faccia nascosta della Luna. Ma non è escluso che in un prossimo futuro non possa diventare realtà.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

13 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
boboviz14 Aprile 2020, 23:16 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
L'idea è quella di sfruttare uno dei crateri della faccia nascosta della Luna per avere una base di partenza "già pronta" riducendone la complessità.

Pensando alla complessità che è stata necessaria per creare il FAST sulla terra, crearne uno grande il doppio sulla faccia della luna è, attualmente, un bel sogno.
Opteranium15 Aprile 2020, 01:16 #3
A parte il lavoro titanico di costruirlo.. come si fa con i meteoriti? La luna è bombardata di oggetti, non avendo un'atmosfera che li bruci prima di arrivare a terra, in poco tempo sarebbe un colabrodo
batou8315 Aprile 2020, 09:09 #4
Su scala umana non credo che in breve tempo possa essere distrutto, se riesce a stare in funzione 200-300 anni riesce ad ottenere una quantità pazzesca di segnali.
frankie15 Aprile 2020, 09:21 #5
Non oso immaginare la pendenza per la risalita.
Opteranium15 Aprile 2020, 09:29 #6
Originariamente inviato da: batou83
se riesce a stare in funzione 200-300 anni riesce ad ottenere una quantità pazzesca di segnali.

300 anni..?
Unrue15 Aprile 2020, 09:44 #7
Proprio l'altro giorno leggevo un articolo a proposito, dove si sconsiglia di farlo:

https://medium.com/starts-with-a-bang/why-dont-we-put-a-space-telescope-on-the-moon-567ecb493886

L'autore è l'astrofisico Ethan Siegel, mi piacerebbe sapere come pensano di risolvere tali problemi alla NASA, magari li hanno già risolti, non so
inited15 Aprile 2020, 10:19 #8
Dovrebbero giusto avere un vai e vieni dalla Luna continuo per far fronte alla necessaria manutenzione...
dado197915 Aprile 2020, 10:48 #9
Infattibile allo stato attuale.
SpyroTSK15 Aprile 2020, 11:08 #10
Vedete? Altro che feic nius!!!111!! anno sempre avuto ragione!!11!!!1!!!!1!
https://www.butac.it/i-nazisti-luna...uito-cerebrale/


(Non è un errore, ho tolto l'h appositamente )

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^