NASA: le tute spaziali per Artemis potrebbero non essere pronte prima del 2025

NASA: le tute spaziali per Artemis potrebbero non essere pronte prima del 2025

Le tute spaziali dedicate al programma Artemis per riportare l'essere umano sulla Luna potrebbero non essere pronte in tempo per la missione fissata a Novembre 2024 secondo un nuovo rapporto dell'Ispettore Generale della NASA.

di pubblicata il , alle 08:01 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceXNASA
 

Ad Aprile di quest'anno la NASA aveva annunciato un bando per la realizzazione da parte di società private delle tute spaziali dedicate alle missioni Artemis. L'agenzia spaziale è da tempo impegnata nella loro realizzazione (sin dall'avvio del programma Constellation) ma, come per le navicelle destinate a raggiungere la ISS, si è aperta anche la strada per un approccio "commerciale".

nasa tute spaziali

In un nuovo documento, rilasciato dall'ufficio dell'Ispettore Generale della NASA è però emerso che la loro realizzazione potrebbe essere più complicata del previsto. Questo creerebbe non pochi problemi alla roadmap ufficiale che vedrebbe l'essere umano rimettere piede sulla Luna entro il 2024 (grazie alla missione Artemis III).

NASA: le tute spaziali potrebbero arrivare solo nel 2025?

Secondo quanto riportato, le prime due tute spaziali Exploration Extravehicular Mobility Units (o xEMU) potrebbero essere pronte ottimisticamente ad Aprile del 2025. La previsione iniziale era invece di avere due modelli pronti per Novembre 2024, in tempo per essere impiegati durante la missione Artemis III.

Ricordiamo che per Artemis I (dove non ci sarà equipaggio) e per Artemis II (dove l'equipaggio non scenderà sul suolo lunare) le tute potrebbero non essere necessarie. Saranno invece fondamentali per Artemis III, dove sarà previsto di scendere sulla superficie della Luna.

tute spaziali

Stando al rapporto dell'ufficio dell'OIG, il ritardo di 20 mesi sarebbe dovuto a carenze di finanziamento, alla pandemia e alle sfide tecniche. Nel documento viene scritto che "dati questi ritardi previsti nello sviluppo della tuta spaziale, un allunaggio alla fine del 2024, come attualmente pianificato dalla NASA, non è fattibile". Altra nota riguarda poi il training degli astronauti per l'utilizzo delle nuove tute spaziali xEMU che aggiungerà altro tempo al programma.

Ma non è finita qui! Un'altra segnalazione dell'OIG riguarda la strada che la NASA vorrà intraprendere circa le tute necessarie agli astronauti sulla Stazione Spaziale. Nei prossimi anni sarà necessario sviluppare nuove tute anche per le missioni extra-veicolari in orbita bassa terrestre. Questo potrebbe aggiungere un ulteriore elemento di complessità che vedrebbe la possibilità di produrre ben due versioni di tute spaziali. Considerando però che la fine della vita operativa della ISS è prevista per il 2030, sviluppare una versione specifica per le EVA non sarebbe conveniente.

nasa tute

Si fa anche notare che dall'inizio della progettazione a quando saranno realizzate le dotazioni, la NASA avrà speso oltre un miliardo di dollari (attualmente la spesa è di 420 milioni di dollari). C'è anche da considerare le priorità della spesa pubblica statunitense. Per esempio, sempre nel 2021, ha visto aggiungere altri 25 miliardi di dollari al budget della difesa arrivando a ben 778 miliardi di dollari. Il budget complessivo della NASA è pari a circa 23 miliardi di dollari.

L'OIG consiglia quindi di rivedere il programma Artemis per ridurre i rischi. Viene anche consigliato di stilare un nuovo programma principale che tenga conto anche dell'addestramento per Lunar Gateway, HLS e ISS. Infine determinare se avere un modello dedicato alle missioni Artemis e uno alla ISS prima di effettuare gli acquisti.

All'interno di questo scenario si è aggiunta anche la dichiarazione di Elon Musk che ha scritto su Twitter che "SpaceX potrebbe realizzarle [ndr. le tute] se ce ne sarà bisogno". A questa proposta ha risposto una portavoce (Monica Witt) della NASA che ha dichiarato come ci sia già il bando di Aprile al quale poter aderire.

Iscriviti subito al nostro canale Instagram!

Perché? Foto, video, backstage e contenuti esclusivi!

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Unrue11 Agosto 2021, 10:11 #1
Per esempio, sempre nel 2021, ha visto aggiungere altri 25 miliardi di dollari al budget della difesa arrivando a ben 778 miliardi di dollari. Il budget complessivo della NASA è pari a circa 23 miliardi di dollari.


La spesa militare è 34 volte quella per lo spazio. Questo dato dovrebbe far riflettere.
Notturnia11 Agosto 2021, 10:24 #2
costa di più mantenere lo status quo sulla terra che giocare a fare i viaggi nello spazio..
questo credo che sia normale.. non vogliono perdere lo status quo sulla terra mentre giocano nello spazio

https://formiche.net/2021/04/sipri-...itari-cina-usa/

2 mila miliardi qualche anno fa.. la guerra è una cosa seria e per evitare la guerra si spendono molti soldi.. chi perde la corsa nella ricerca bellica rischia di perdere qualcosa di concreto sulla terra, chi arriva secondo su marte non perde molto..
cignox111 Agosto 2021, 14:25 #3
--La spesa militare è 34 volte quella per lo spazio. Questo dato dovrebbe far riflettere.

Per quanto quella cifra sia sicuramente impressionante, e per quanto triste sia il solo fatto di dover spendere cosí tanto in questo modo, dare la precendenza alla conquista dello spazio piuttosto che alla sicurezza dei cittadini e al mantenimento del loro stile di vita penso non sarebbe una scelta saggia.
Inoltre, compari la difesa con il budget della Nasa ma sembri tieni conto che:
-la ricerca fatta in campo militare ha poi ricadute positive anche altrove, quindi in realtá, e in un certo senso, almeno parte della spesa militare avvantaggia anche la ricerca scientifica.
-la nasa é solo una delle voci di spesa scientifiche. Ci sono poi una valanga di altri progetti, quindi andrebbe valutata l'intera spesa investita in ricerca scientifica.
albatros_la13 Agosto 2021, 18:17 #4
È più complicato di così. Le stime dicono che per ogni dollaro investito nel progetto Apollo c'è stato un ritorno di 7-8 $. L'attuale investimento nello Spazio si stima generi dai 10 ai 40 $ per dollaro investito.
La difesa americana ha una spesa gigantesca che si stima abbia un ROI negativo. Mezzo dollaro per ogni dollaro investito.
Chiaramente, non tutto il denaro investito genera un ritorno inferiore all'investito.
È ragionevole supporre che sia facile tagliare spesa bellica per arrivare almeno al pareggio senza perdere le prerogative della Difesa. Con un margine tale, è invece facile supporre che si possa investire molto di più nello Spazio senza grossi rischi di perdita nel complesso.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^