NASA: i tre progetti per un lander lunare per le missioni Artemis

NASA: i tre progetti per un lander lunare per le missioni Artemis

La NASA ha annunciato le tre società che partecipano al bando per la realizzazione di un lander lunare che sarà impiegato nelle missioni Artemis insieme all'avamposto Gateway. Tra queste troviamo SpaceX di Musk e Blue Origin di Bezos.

di pubblicata il , alle 19:01 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceXNASA
 

In questi giorni la NASA ha ufficializzato i nomi di tre compagnie statunitensi che concorreranno allo sviluppo di un lander lunare compatibile con il trasporto di esseri umani e destinato alle missioni Artemis e a Gateway (avamposto lunare, stabile, avanzato). Si tratta di un passaggio fondamentale per far tornare l'umanità sul nostro satellite naturale e non solo per una "toccata e fuga".

nasa

I piani prevedono che l'essere umano potrà tornare sulla Luna dal 2024, anche se ci sono molte incognite per legate a queste tempistiche. Insieme al razzo Space Launch System (abbreviato con la sigla SLS), alla capsula Orion e al progetto internazionale Gateway ci sarà spazio quindi per una strategia che preveda l'impiego di strutture di società private.

Le società che potrebbero costruire il prossimo lander lunare

Sono tre le società che hanno mostrato interesse in questa opportunità. Si tratta di Blue Origin, Dynetics e SpaceX. Attualmente siamo ancora in una fase iniziale di valutazione dei progetti e alle tre società sono stati affidati budget differenti in base alle rispettive richieste (non ci sono stati favoritismi). La spesa complessiva per la prima fase è pari a 957 milioni di dollari mentre i concorrenti dovranno mostrare i progetti a Febbraio 2021.

Le società collaboreranno con la NASA che metterà a disposizione il sapere accumulato in tutti questi anni di esplorazione spaziale e permetteranno di rendere compatibili i lander lunari con le strutture dell'agenzia spaziale.

blue origin luna

Blue Origin

La società di Jeff Bezos (fondatore di Amazon) ha ricevuto 579 milioni di dollari ed è quindi il concorrente con il budget più alto tra i tre. In realtà alle spalle di Blue Origin, che sfrutterà il suo razzo New Glenn, troviamo altre società con un'ottima esperienza in campo aeronautico e che vanno a formare il National Team. La società di Bezos penserà alla parte di discesa sul suolo lunare, Lockheed Martin alla risalita e al modulo per l'equipaggio, Northrop Grumman alla parte di trasferimento basata su moduli Cygnus mentre Draper ai sistemi di guida, navigazione e controllo e avionica.

dynetics luna

Dynetics

Dynetics ha invece ricevuto 253 milioni di dollari (posizionandosi al secondo posto) per la realizzazione del lander lunare chiamato ALPACA. Il consorzio prevede ben 25 aziende (tra le quali c'è anche Thales Alenia Space Italy) che permetteranno uno sviluppo più rapido occupandosi delle varie componenti. L'idea alla base del progetto di Dynetics prevede un singolo elemento per la parte di salita e discesa mentre ci saranno diversi moduli con propulsione indipendente per le diverse fasi della missione.

spacex luna

SpaceX

SpaceX ha richiesto un budget di "soli" 153 milioni di dollari per i primi 10 mesi per realizzare la sua Starship. Si tratta di un sistema che punta sulla possibilità di riutilizzo (alla quale ci ha già abituato con i Falcon) e potrà arrivare fino a Marte. I motori impiegati sono i Raptor che la società statunitense sta testando sui suoi prototipi. La struttura di Starship avrà una cabina e due airlock dedicate alle passeggiate lunari. Super Heavy sarà il razzo impiegato per portare la navicella in orbita mentre ci sarà la possibilità di collegarsi alla capsula Orion o a Gateway.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^