Lockheed Martin e General Motors insieme per un rover lunare per le missioni Artemis

Lockheed Martin e General Motors insieme per un rover lunare per le missioni Artemis

Un nuovo rover lunare sviluppato da Lockheed Martin e General Motors sarà uno degli strumenti fondamentali per gli astronauti delle missioni Artermis della NASA sul suolo della Luna. Ancora scarse le informazioni tecniche.

di pubblicata il , alle 08:01 nel canale Scienza e tecnologia
Lockheed MartinGeneral MotorsNASA
 

Per qualcuno sarà "un ritorno al passato". Nella giornata di ieri è stato annunciato lo sviluppo di un nuovo rover lunare per le missioni Artemis: le società coinvolte sono Lockheed Martin e General Motors. Quest'ultima che aveva già collaborato alla realizzazione di un altro modello dedicato alle missioni Apollo (quella volta con Boeing).

Il veicolo servirà a spostarsi più velocemente sul suolo lunare permettendo di trasportare strumentazione e campioni di roccia più semplicemente. A differenza della precedente versione, che era molto spartana (per quanto utile), quest'ultima dovrebbe essere più avanzata tecnologicamente e offrire più funzionalità.

Il rover lunare di Lockheed Martin e General Motors

Le informazioni tecniche sono ancora scarse ed è difficile dare un giudizio. L'avvicinarsi delle prime tappe del programma Artemis della NASA probabilmente porteranno Lockheed Martin e General Motors a svelarne via via le caratteristiche e il design.

Il nuovo Lunar Terrain Vehicle (LTV) sarà ancora una volta un veicolo elettrico. Grazie alle innovazioni in termini di batterie che sono avvenute negli ultimi decenni dovrebbe permettere migliori prestazioni. Interessante è notare che proprio grazie alle nuove tecnologie ci sarà anche l'integrazione di tecnologie per la guida autonoma sul suolo lunare.

rover lunare artemis

Come dichiarato durante l'annuncio, il nuovo rover lunare (LTV) punterà a percorrere tragitti ben più lunghi dei precedenti LRV che hanno totalizzato 7,6 km. Le difficoltà prevederanno la resistenza alle temperature estreme ma anche il terreno accidentato che saranno una sfida complessa da affrontare.

Rick Ambrose (VP esecutivo, Lockheed Martin Space) ha dichiarato che "questa alleanza riunisce la grande innovazione di entrambe le società per creare una classe di veicoli volubili. La mobilità di superficie è fondamentale per consentire e sostenere l'esplorazione a lungo termine della superficie lunare".

Alan Wexler (SVP dell'Innovation and Growth di General Motors) ha aggiunto "General Motors ha fatto la storia applicando tecnologie avanzate e ingegneria per supportare il Lunar Roving Vehicle che gli astronauti dell'Apollo 15 hanno guidato sulla Luna. Lavorando insieme a Lockheed Martin e alla loro esperienza nell'esplorazione dello Spazio profondo, abbiamo in programma di supportare ancora una volta gli astronauti americani sulla Luna".

Ricordiamo che la prima tappa delle missioni Artemis prevederà il lancio di NASA SLS (in via di assemblaggio in Florida) senza equipaggio, forse per Novembre 2021. La seconda missione, Artemis II, non prevederà di scendere sul suolo lunare ma "solamente" orbitare intorno al satellite con tre astronauti (due statunitensi e uno canadese). Sarà solo con Artemis III che gli astronauti toccheranno effettivamente il suolo lunare. Non è comunque sicuro che per quel momento il rover lunare sarà già in servizio.

Seguiteci anche su Instagram per foto e video in anteprima!
0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^