La prima parte dello specchio principale del telescopio spaziale James Webb è aperta e fissata

La prima parte dello specchio principale del telescopio spaziale James Webb è aperta e fissata

L'iconico specchio principale del telescopio spaziale James Webb sta prendendo forma. Da poche decine di minuti la prima parte (di sinistra) è stata aperta e fissata in posizione mentre domani ci sarà il completamento delle operazioni.

di pubblicata il , alle 21:14 nel canale Scienza e tecnologia
ESANASA
 

Oggi abbiamo scritto di come gli ingegneri sulla Terra non abbiano la possibilità di seguire l'apertura del telescopio spaziale James Webb attraverso telecamere. Questo non ha rappresentato un problema. Per seguire le varie fasi ci sono una moltitudine di sensori a bordo che hanno permesso di arrivare alla quasi completa apertura della struttura. Uno degli ultimi passaggi è avvenuto in questi minuti.

jwst specchio

Alle 14:48 del 6 gennaio, ora italiana, c'è stata l'apertura del radiatore che è durata 15 minuti. Questo è posizionato dietro lo specchio principale e permette di raffreddare la parte di sensori per permettere di rilevare correttamente gli infrarossi. Oggi invece è stato il momento di un altro grande passo. Finalmente siamo vicinissimi al completamento dello specchio principale, che era stato ripiegato in tre parti per poter essere inserito all'interno dei fairing del razzo Ariane 5 partito il 25 dicembre dallo spazioporto europeo. L'iconica forma realizzata dagli esagoni dorati è quasi completata. Ci vorranno comunque circa 6 mesi per vedere la prima immagine, come ripetuto dagli ingegneri "non c'è fretta".

Lo specchio principale del telescopio spaziale James Webb prende forma

Secondo il blog della NASA la prima parte dello specchio principale del JWST è stata aperta grazie a quattro attuatori non esplosivi e bloccata in posizione. Si tratta di una porzione formata da tre segmenti esagonali in berillio ricoperti da uno strato sottilissimo d'oro da 1000Å (che permette di riflettere al meglio gli infrarossi). La superficie complessiva è di circa 25 m2 portando il totale dell'oro impiegato a quota 48,25 grammi. A sua volta lo strato d'oro è coperto da ossido di silicio (vetro) per proteggerlo dai micrometeoriti.

jwst telescopio spaziale

Il processo è iniziato coinvolgendo la parte sul lato sinistro è iniziata alle 14:36 di oggi ed è durata fino alle 20:11 (ora italiana) quando gli ingegneri hanno confermato l'apertura e il blocco in posizione. In realtà le operazioni di apertura durano solo pochi minuti, il tempo restante è legato all'assicurarsi (attraverso i sensori) che tutto sia effettivamente in posizione e bloccato. Domani ci sarà l'apertura della parte di destra dello specchio principale del JWST. Vista l'importanza dell'evento la NASA ha deciso di trasmettere in diretta le immagini dal centro di controllo missione a partire dalle 15:00.

james webb telescopio

Il telescopio spaziale James Webb è sempre più vicino alla fase di calibrazione degli specchi e al raffreddamento della parte dei sensori. Come scritto sopra, ci vorrà del tempo in quanto la sistemazione dei vari segmenti può avvenire una sola parte alla volta. Ci sono sette attuatori per ogni segmento (uno centrale, sei laterali) e sono controllati da una scheda posteriore. La struttura è poi composta da 18 esagoni da poco meno di 1,4 metri di diametro che uniti formano uno specchio da 6,5 metri. Si tratta di dimensioni ragguardevoli, mai viste prima su un telescopio spaziale e ben più grandi di quelle di Hubble.

Idee regalo, perché perdere tempo e rischiare di sbagliare?
REGALA UN BUONO AMAZON
!

Iscriviti subito al nostro canale Instagram!

Perché? Foto, video, backstage e contenuti esclusivi!

10 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Qarboz07 Gennaio 2022, 22:21 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Alle 14:48 del 6 gennaio, ora italiana, c'è stata l'apertura del radiatore che è durata 15 minuti.

Perdonate l'ignoranza, ma di che tipo di radiatore si tratta? Essendo nel vuoto non credo sia il classico radiatore alettato, oppure mi sbaglio?
raxas07 Gennaio 2022, 22:26 #2
quando lo apriranno interamene, e non ci sarà imperzione nella forma finale dello specchio composito, prevista con tolleranza di errore tra sotto i micrometri fino ai nanometri, non so esattamente, significa che hanno mandato in orbita la PERFEZIONE

se tutto fila liscio quel telescopio sarà il punto di inizio di scoperte probabilmente nemmeno sospettate prima... aprendo a scenari da fantascienza, specialmente se arriveranno a scorgere segni di presenza tecnologica in qualche pianeta più o meno vicino
Ago7207 Gennaio 2022, 23:27 #3
Originariamente inviato da: Qarboz
Perdonate l'ignoranza, ma di che tipo di radiatore si tratta? Essendo nel vuoto non credo sia il classico radiatore alettato, oppure mi sbaglio?


No, non lo è. quì c'è la descrizione

Quì una animazione
raxas08 Gennaio 2022, 01:31 #4
Originariamente inviato da: raxas
quando lo apriranno interamene, e non ci sarà imperzione nella forma finale dello specchio composito, prevista con tolleranza di errore tra sotto i micrometri fino ai nanometri, non so esattamente, significa che hanno mandato in orbita la PERFEZIONE

se tutto fila liscio quel telescopio sarà il punto di inizio di scoperte probabilmente nemmeno sospettate prima... aprendo a scenari da fantascienza, specialmente se arriveranno a scorgere segni di presenza tecnologica in qualche pianeta più o meno vicino


nota: ho mischiato, per riassumere, ma facendo un pasticcio informe, il fatto della tolleranza superficiale dello specchio con quello che invece volevo segnalare... ovvero come sarà stato possibile che quell'incastellatura che sostiene nonchè sistema lo specchio non si sia solo per un decimo di millimetro deformata?
avranno progettato tutto in maniera ordini di grandezza superiori alla PERFEZIONE, se, quando lo specchio sarà tutto disteso, sarà adatto alla visualizzazione...
jepessen08 Gennaio 2022, 11:30 #5
Originariamente inviato da: Qarboz
Perdonate l'ignoranza, ma di che tipo di radiatore si tratta? Essendo nel vuoto non credo sia il classico radiatore alettato, oppure mi sbaglio?


Il radiatore e' una delle cose piu' fantascientifiche che siano state realizzate, ma dato che si vede poco, ed essendo una roba un po' tecnica, passa in sordina. Ma hanno sviluppato delle tecniche per massimizzare il raffreddamento e minimizzare le vibrazioni che lo rendono uno dei componenti piu' avanzati del telescopio.

In questo video spiega il funzionamento del radiatore attivo (ma se lo guardi dall'inizio spiega diverse cose del telescopio).
jepessen08 Gennaio 2022, 11:41 #6
Originariamente inviato da: raxas
nota: ho mischiato, per riassumere, ma facendo un pasticcio informe, il fatto della tolleranza superficiale dello specchio con quello che invece volevo segnalare... ovvero come sarà stato possibile che quell'incastellatura che sostiene nonchè sistema lo specchio non si sia solo per un decimo di millimetro deformata?
avranno progettato tutto in maniera ordini di grandezza superiori alla PERFEZIONE, se, quando lo specchio sarà tutto disteso, sarà adatto alla visualizzazione...


Decisamente no... I singoli specchi sono regolabili su sei assi, in maniera da poterli ruotare e traslare entro certi limiti, durante la fase di calibrazione, affinche' la focalizzazione sia perfetta. Oltre a questo, un trasduttore messo al centro di ogni specchio, permette in una certa misura di poterne anche alterare la curvatura. In questo modo e' possibile regolare lo specchio da remoto, dato che non sara' possibile effettuare delle regolazioni manuali, come accadeva nel telescopio Hubble. Quindi e' vero che il tutto e' fatto con una precisione massima, ma la regolazione e' sempre necessaria (pensa ad esempio alle deformazioni della struttura che regge gli specchi a causa della dilatazione termica, che ne cambia la forma in base alla temperatura).

In questo video spiega meglio gli specchi, come sono stati realizzati e la loro calibrazione.
raxas08 Gennaio 2022, 12:43 #7
Originariamente inviato da: jepessen
Decisamente no... I singoli specchi sono regolabili su sei assi, in maniera da poterli ruotare e traslare entro certi limiti, durante la fase di calibrazione, affinche' la focalizzazione sia perfetta. Oltre a questo, un trasduttore messo al centro di ogni specchio, permette in una certa misura di poterne anche alterare la curvatura. In questo modo e' possibile regolare lo specchio da remoto, dato che non sara' possibile effettuare delle regolazioni manuali, come accadeva nel telescopio Hubble. Quindi e' vero che il tutto e' fatto con una precisione massima, ma la regolazione e' sempre necessaria (pensa ad esempio alle deformazioni della struttura che regge gli specchi a causa della dilatazione termica, che ne cambia la forma in base alla temperatura).

In questo video spiega meglio gli specchi, come sono stati realizzati e la loro calibrazione.

ok, grazie.
leggo che la copertura d'oro è meno sensibile alla luce visibile ma non avrebbe eguali nell'infrarosso.
spero che questo infrarosso permetta di raccogliere tutto quello che serve e che non si era mai visto ... perchè... ad occhio (luce visibile) appare molto opaca quella composizione di specchi, a parte il fuoco della raccolta complessiva...
ovviamente sanno quello che fanno, e che nell'infrarosso dovrebbero essere capaci di superare il botto dell'HST e anche di tutta la roba a terra, che non ha mai lontanamente raccolto nulla di tutto quello che dovrebbe essere possibile dal JWST

spero che si vedano oggetti e cose [U]MAI VISTI[/U]
jepessen08 Gennaio 2022, 14:52 #8
Originariamente inviato da: raxas
ok, grazie.
leggo che la copertura d'oro è meno sensibile alla luce visibile ma non avrebbe eguali nell'infrarosso.
spero che questo infrarosso permetta di raccogliere tutto quello che serve e che non si era mai visto ... perchè... ad occhio (luce visibile) appare molto opaca quella composizione di specchi, a parte il fuoco della raccolta complessiva...
ovviamente sanno quello che fanno, e che nell'infrarosso dovrebbero essere capaci di superare il botto dell'HST e anche di tutta la roba a terra, che non ha mai lontanamente raccolto nulla di tutto quello che dovrebbe essere possibile dal JWST

spero che si vedano oggetti e cose [U]MAI VISTI[/U]


Deve essere quanto piu' possibile opaca e riflettente la copertura, infatti, perche' sono specchi, non lenti dove la luce deve passare attraverso.

E il range dell'infrarosso e' scelto per diversi motivi.

Prima di tutto le lunghezze d'onda nell'infrarosso riescono a passare attraverso la polvere stellare (es. le nebulose), molto meglio rispetto alla luce visibile, quindi e' possibile vedere oggetti che altrimenti risulterebbero nascosti.
In seconda battuta, Webbs e' progettato per vedere oggetti molto lontani, e molto lontani, dato che la velocita' della luce e' finita, significa anche molto vecchi. La luce generata miliardi di anni fa, diciamo nello spettro ottico, a causa dell'espansione dello spazio viene stirata, e la lunghezza d'onda si allunga arrivando all'infrarosso; di conseguenza e' la lunghezza d'onda adatta per vedere oggetti molto antichi, che non si potrebbero vedere nelle frequenze ottiche proprio perche' con l'espansione, vengono stirate nell'infrarosso (e quindi nel visibile non rimane molto da vedere).
Inoltre, per motivi tecnici, e' piu' "facile" realizzare sensori molto sensibili nell'infrarosso invece che nel range ottico (a parte il problema della temperatura), quindi il telescopio e' anche piu' sensibile, ed e' progettato per poter fare osservazioni con una luce cosi' fioca corrispondente ad un singolo fotone al secondo che colpisce lo specchio.
Peppe197008 Gennaio 2022, 16:07 #9
Cacchio!.. finalmente riusciremo a vedere Vulcano

"Lunga vita e prosperità"
Qarboz08 Gennaio 2022, 17:40 #10
Originariamente inviato da: Ago72
Grazie per i link



Originariamente inviato da: jepessen
Il radiatore e' una delle cose piu' fantascientifiche che siano state realizzate, ma dato che si vede poco, ed essendo una roba un po' tecnica, passa in sordina. Ma hanno sviluppato delle tecniche per massimizzare il raffreddamento e minimizzare le vibrazioni che lo rendono uno dei componenti piu' avanzati del telescopio.

In questo video spiega il funzionamento del radiatore attivo (ma se lo guardi dall'inizio spiega diverse cose del telescopio).
Grazie per le spiegazioni. Riguardo al filmato penso di aver intuito qualcosa guardando le sole immagini, data la mia profonda ignoranza in lingue straniere...



Originariamente inviato da: jepessen
ed e' progettato per poter fare osservazioni con una luce cosi' fioca corrispondente ad un singolo fotone al secondo che colpisce lo specchio.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^