La NASA rimanda il lancio del James Webb Space Telescope, di nuovo

La NASA rimanda il lancio del James Webb Space Telescope, di nuovo

Quello del James Webb Space Telescope, il pių grande osservatorio mai lanciato nello spazio, č un progetto ambizioso e complesso. Per via di alcuni problemi, infatti, la NASA sta prendendo tempo in modo da eseguire in maniera minuziosa gli ultimi test

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Scienza e tecnologia
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta pių interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

23 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
andbad29 Marzo 2018, 12:37 #11
Lo Shuttle aveva il braccio robotico. Nemmeno Hubble ha un dock, infatti l'hanno preso "al volo" per ripararlo.

By(t)e
+Benito+29 Marzo 2018, 12:39 #12
Originariamente inviato da: andbad
Lo Shuttle aveva il braccio robotico. Nemmeno Hubble ha un dock, infatti l'hanno preso "al volo" per ripararlo.

By(t)e


Già, ma era un'operazione rischiosa fatta tra un veicolo pesante ed uno leggero. In questo caso non c'è più il veicolo pesante nè il canadarm
Mparlav29 Marzo 2018, 12:46 #13
Si ragiona in termini che tutto debba funzionare come previsto.

Quindi si prendono il tempo aggiuntivo ed ahimè anche il budget, affinchè tutto vada per il meglio.

Poi il telescopio sarà lasciato solo al suo destino, ma se qualcosa andasse storto, penso che non lasceranno quel costoso mucchio di ferraglia abbandonato nello spazio, ma ci sarà qualche tentativo per risolverlo, non penso che accetterebbero così facilmente un fallimento.
andbad29 Marzo 2018, 12:55 #14
Originariamente inviato da: +Benito+
Già, ma era un'operazione rischiosa fatta tra un veicolo pesante ed uno leggero. In questo caso non c'è più il veicolo pesante nè il canadarm


Appunto, era quello che dicevo io. Il lanciatore ci sarebbe anche (Falcon Heavy), ma non c'è un veicolo adatto a fare riparazioni del genere. Al di là del JWST, l'unico veicolo da cui si potrebbero fare riparazioni è la ISS, ma non credo sia mai stata usata a quello scopo (ma potrei sbagliarmi). E di certo a quote decisamente più basse.

By(t)e
+Benito+29 Marzo 2018, 13:00 #15
Originariamente inviato da: Mparlav
Si ragiona in termini che tutto debba funzionare come previsto.

Quindi si prendono il tempo aggiuntivo ed ahimè anche il budget, affinchè tutto vada per il meglio.

Poi il telescopio sarà lasciato solo al suo destino, ma se qualcosa andasse storto, penso che non lasceranno quel costoso mucchio di ferraglia abbandonato nello spazio, ma ci sarà qualche tentativo per risolverlo, non penso che accetterebbero così facilmente un fallimento.


Se saranno problemi hardware non sarà possibile aggiustarlo in nessun modo purtroppo. Non c'è niente nemmeno in fase di progetto che possa portare uomini fuori dalla LEO
rigelpd29 Marzo 2018, 13:05 #16
Originariamente inviato da: +Benito+
Se esistesse, sì, ma dubito che prima del 2020-2021 potrà essere considerata sufficientemente affidabile per un compito come questo. Siamo ancora ai test senza equipaggio


Ad agosto test senza equipaggio a dicembre test con equipaggio con arrivo alla ISS.

Intanto il Falcon Heavy entro la fine dell'anno avrà fatto altri due lanci
rigelpd29 Marzo 2018, 13:07 #17
Originariamente inviato da: +Benito+
Se saranno problemi hardware non sarà possibile aggiustarlo in nessun modo purtroppo. Non c'è niente nemmeno in fase di progetto che possa portare uomini fuori dalla LEO


La Dragon 2 può.
Mparlav29 Marzo 2018, 13:09 #18
Originariamente inviato da: +Benito+
Se saranno problemi hardware non sarà possibile aggiustarlo in nessun modo purtroppo. Non c'è niente nemmeno in fase di progetto che possa portare uomini fuori dalla LEO


Ad oggi è sicuramente così, ed è giusto che venga pianificata la missione in termini di "irreversibilità".

Ma in situazioni di crisi, si possono tirar fuori dal cilindro le idee più assurde, che potrebbero persino funzionare
andbad29 Marzo 2018, 13:20 #19
Originariamente inviato da: Mparlav
Ad oggi è sicuramente così, ed è giusto che venga pianificata la missione in termini di "irreversibilità".

Ma in situazioni di crisi, si possono tirar fuori dal cilindro le idee più assurde, che potrebbero persino funzionare


Si beh... nella peggiore delle ipotesi lo lasciano lì e vanno a ripararlo tra X anni quando avremo veicoli adatti. Certo, non sarebbe una gran figura, ma tant'è. In L2 non c'è nemmeno il rischio che ricada in atmosfera (credo).

By(t)e
+Benito+29 Marzo 2018, 15:07 #20
Originariamente inviato da: Mparlav
Ad oggi è sicuramente così, ed è giusto che venga pianificata la missione in termini di "irreversibilità".

Ma in situazioni di crisi, si possono tirar fuori dal cilindro le idee più assurde, che potrebbero persino funzionare


ah il futuro ha da venire, questo è certo. Al momento, però, niente (men che meno dragon2) può essere usata come piattaforma di servizio. Sarà ad oltre 4 volte la distanza terra-luna, in un punto in cui bisogna arrivare, ma da cui tornare, ed un razzo idoneo e testato non esiste e non esisterà tra due anni, purtroppo. Sarebbe un viaggio di almeno un mese e di veicoli con supporto vitale per un mese non ce n'è.
L2 non è un'orbita, ma un'orbita halo, che richiede energia (combustibile) per essere mantenuta. La missione ha una vita utile data dal carburante a bordo, lo sviluppo di un veicolo richiede certamente più tempo di quello in cui JWST rimarrà dove è utile. Dopodiché andrà alla deriva nello spazio

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^