L'intelligenza artificiale di Google per combattere il tumore al seno: risultati incoraggianti

L'intelligenza artificiale di Google per combattere il tumore al seno: risultati incoraggianti

In uno studio pubblicato su Nature viene mostrata l'efficacia dell'impiego dell'intelligenza artificiale a supporto del lavoro di medici e radiologi nell'identificare i casi di tumore al seno

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Scienza e tecnologia
Google
 

Google sta supportando attivamente lo sviluppo di un'intelligenza artificiale che possa aiutare i medici a meglio identificare i casi di tumore al seno, attualmente il più diffuso al mondo assieme al tumore al polmone. La diagnosi precoce è la migliore arma nel combattere questa patologia e oggi lo strumento più comune per effettuare le analisi opportune è il mammografo, che tuttavia soffre di qualche problema significativo con falsi positivi e falsi negativi e ha un tasso d'errore del 20% circa nel complesso.

In uno studio finanziato da Google e i cui risultati sono stati pubblicati sull'ultima edizione di Nature e illustrati sul blog ufficiale della società di Mountain View, i ricercatori hanno usato un database di informazioni costituito da 28 mila mammografie: 25 mila di queste di donne del Regno Unito, mentre le restanti 3 mila di donne statunitensi. I ricercatori hanno allenato l'AI nell'esaminare le immagini a raggi-x dei mammografi e in seguito per individuare segni di tumore osservando i cambiamenti al seno del campione. Le supposizioni dell'AI sono state poi confrontate con l'esito finale dei casi reali.

In questo modo il sistema è stato in grado di ridurre i falsi negativi del 9,4% e i falsi positivi del 5,7% per il campione statunitense. Per quanto riguarda il campione del Regno Unito il modello ha ridotto i falsi negativi del 2,7% e i falsi positivi dell'1,2%, questo perché di norma nel Regno Unito sono due radiologi a controllare le immagini della mammografia. Sebbene il sistema abbia mostrato la capacità di raggiungere un risultato più accurato nel complesso, non sono mancati i casi in cui i medici hanno con successo identificato un tumore laddove l'AI non è riuscita a rilevarlo.

E proprio questo è il motivo per cui Google inquadra questo progetto come una risorsa che si possa affiancare, nella pratica clinica, ai radiologi per aiutarli a migliorare le diagnosi. Entrambi hanno i propri punti di forza, che combinati possono portare ad un miglioramento dei risultati complessivi. I ricercatori ora stanno lavorando per capire se il funzionamento del modello possa essere generalizzato verso la popolazione più vasta, perché ovviamente c'è sempre qualhe differenza nel momento in cui si applica un sistma di questo tipo alla pratica clinica nel mondo reale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dado197902 Gennaio 2020, 13:01 #1
Tutto quello che può aiutare la medicina è benvenuto.
300002 Gennaio 2020, 15:36 #2
Cosa aspettano gli Stati ad utilizzare i metadati? Oppure dobbiamo arrivare che i vari Google, Amazon ecc chiedano soldi agli Stati per dare l'accesso a dati utili per la Salute Pubblica ? WAKE UP!
mikypolice03 Gennaio 2020, 09:16 #3
ha ridotto i falsi positivi e i falsi negativi, fin qui tutto bene. ma se poi sbagli laddove l'uomo ha ragione siamo al punto di partenza. Anzi è un mezzo passo falso direi. Immaginate che i 2 dottori dicono che il tumore c'è e l'ai invece nega. Di chi ci si fida?
Quindi, ottima iniziativa, ma ancora allo stadio embrionale. Speriamo in futuro, magari con i computer quantici.
giovanni6903 Gennaio 2020, 09:25 #4
Originariamente inviato da: mikypolice
Immaginate che i 2 dottori dicono che il tumore c'è e l'ai invece nega. Di chi ci si fida?


Questa cosa, anche senza l'AI è accaduta a Kylie Minogue, la cantante a distanza di poche settimane tra una diagnosi e l'altra. E per fortuna che non si è fidata del centro migliore che le aveva detto a 36 anni, 'va tutto bene'. Adesso ne ha 51. Quindi, chissà a quante altre donne comuni...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^