L'astronauta Chris Hadfield è uno dei beta tester di SpaceX Starlink

L'astronauta Chris Hadfield è uno dei beta tester di SpaceX Starlink

Il programma di beta test per la connettività satellitare di SpaceX Starlink ha ora un nuovo membro eccellente: si tratta dell'astronauta Chris Hadfield che ha mostrato le prestazioni del suo kit installato nell'abitazione privata.

di pubblicata il , alle 13:41 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceX
 

Da qualche giorno sono in consegna nel Nord America i kit per i beta tester del programma SpaceX Starlink. Si tratta dei primi dispositivi con i quali "utenti comuni" possono testare le potenzialità di connettività satellitare grazie alla costellazione di Elon Musk. Anche l'astronauta Chris Hadfield è tra i fortunati utenti, secondo quanto mostrato in una foto pubblicata sui social.

spacex starlink

Le prime prove con SpaceX Starlink

Ricordiamo che il kit comprende una piccola parabola con supporto, cavi di collegamento e un router Wi-Fi. Il tutto viene consegnato pagando 499 dollari una tantum per i dispositivi e 99 dollari/mese come costo per la connettività vera e propria.

spacex

Chris Hadfield ha mostrato anche le prestazioni di SpaceX Starlink ottenute con la sua connessione. Secondo quanto riportato nell'immagine si può vedere una velocità di 133 Mbps in download e 46,6 Mbps in upload con un ping di 26 ms. Si tratta di prestazioni in linea con quanto atteso e dichiarato inizialmente dalla società mentre in futuro ci si potrà aspettare un ping compreso tra i 16 ms e i 19 ms. Questo dipenderà dal numero di satelliti in orbita, numero che è comunque in crescita.

Lo stesso Chris Hadfield ha dichiarato "Albert [ndr. il cane] e la nostra parabola. Siamo dei beta tester di SpaceX Starlink, molto soddisfatti della velocità di connessione a Internet e di ciò che significa per le comunità remote in tutto il Paese, specialmente con il COVID".

Altri beta tester hanno mostrato velocità simili con punte di 146 Mbps in download, 23,69 Mbps in upload e una latenza di 29 ms. Attualmente quindi sembra che il sistema funzioni correttamente, ma c'è da considerare che il numero di utenti è ancora esiguo e non sappiamo quanto siano le reali potenzialità dell'infrastruttura di terra.

Nuovi satelliti per migliorare la connettività

Le missioni per aumentare il numero di satelliti SpaceX Starlink in orbita proseguiranno nel corso dei prossimi mesi. L'ultima è stata completata il 24 Ottobre con l'immissione in orbita di 60 unità. La comunità scientifica rimane in apprensione per quanto riguarda le possibili implicazioni sulla ricerca (soprattutto quando il numero di satelliti sarà decisamente più alto).

Per quanto riguarda invece la sicurezza e la tematica dei rifiuti spaziali (altro tema caldo), SpaceX scrive "Starlink è all'avanguardia nella mitigazione dei detriti in orbita, soddisfacendo o superando tutti gli standard normativi e di settore. A fine vita, i satelliti utilizzeranno il loro sistema di propulsione di bordo per deorbitarsi nel corso di pochi mesi. Nell'improbabile caso in cui il sistema di propulsione diventi inutilizzabile, i satelliti bruceranno nell'atmosfera terrestre entro 1-5 anni, significativamente meno delle centinaia o migliaia di anni richiesti ad altitudini più elevate".

Ricordiamo inoltre che nei prossimi mesi (forse già dal 2021) il programma di beta tester verrà ampliato anche in altri continenti come quello europeo. Attualmente sono in corso le certificazioni nelle varie nazioni e lo stesso Elon Musk ha previsto un possibile inizio della sperimentazione entro Marzo 2021.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
oasis66620 Novembre 2020, 14:02 #1
Quanta spazzatura spaziale.
coschizza20 Novembre 2020, 14:35 #2
Originariamente inviato da: oasis666
Quanta spazzatura spaziale.


direi l'opposto, questo ì l'unico caso dove alla fine non ci sara spazzatura come leggi nell 'articolo e il servizio sara utile
elgabro.20 Novembre 2020, 16:55 #3
questa è una azienda seria, altro che tim.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^