Jim Bridenstine, NASA: è tempo di dare la priorità a Venere!

Jim Bridenstine, NASA: è tempo di dare la priorità a Venere!

Anche Jim Bridenstine, amministratore della NASA, ha voluto dire la sua sulla scoperta della fosfina nell'atmosfera di Venere. Che sia un impulso per nuove missioni verso il secondo pianeta del Sistema Solare in cerca di vita?

di pubblicata il , alle 18:41 nel canale Scienza e tecnologia
NASA
 

L'annuncio storico fatto il 14 Settembre del rilevamento della fosfina nell'atmosfera di Venere ha esaltato il mondo scientifico e non solo! Tra le esternazioni più importanti arriva anche quella della NASA con la voce di Jim Bridenstine (amministratore dell'agenzia spaziale statunitense).

fosfina venere

Jim Bridenstine ha dichiarato su Twitter "la vita su Venere? La scoperta della fosfina, un sottoprodotto della vita biologica anaerobica, è lo sviluppo più significativo per il caso della ricerca della vita al di fuori della Terra. Circa 10 anni fa la NASA ha scoperto la vita microbica a 36 km nell'alta atmosfera terrestre. È tempo di dare la priorità Venere".

Nuovo interesse per Venere e la sua atmosfera

Ovviamente se questo pensiero fosse stato esternato da una "persona qualunque" avrebbe avuto un peso. Che lo dica chiaro l'alto dirigente della NASA ne ha tutt'altro e "dare la priorità a Venere" potrebbe anche significare una maggiore spinta per nuove missioni verso il secondo pianeta del Sistema Solare e non solo verso la Luna e Marte (con le missioni Artemis).

Ovviamente non si sta parlando di missioni umane ma lo sviluppo di missioni con sonde, lander o nuovi concept (come droni in grado di volare nell'atmosfera venusiana) alla ricerca di vita. Per esempio Rocket Lab, compagnia privata, sta pensando di lanciare una missione con un razzo Electron in direzione di Venere per il 2023. E non è un caso che l'attenzione sarà diretta proprio verso l'atmosfera.

La stessa NASA ha lanciato un concorso per pensare a un rover dedicato a Venere (in questo caso ovviamente si tratta di esplorare il suolo) e aveva già proposto in passato una missione importante proprio per studiare il pianeta tra suolo, atmosfera e astrobiologia. Il tutto con tempistiche che vanno da 2023 al 2030.

venere vita

L'annuncio della Royal Astronomical Society potrebbe quindi aver aperto una nuova strada per le missioni interplanetarie e mentre si decideranno budget, design e si avvierà la produzione si potrà continuare un'analisi a distanza del pianeta. Come dichiarato dal team di ricercatori della scoperta della fosfina "non stiamo affermando di aver trovato la vita su Venere. Stiamo affermando che abbiamo rilevato la fosfina la cui esistenza è un mistero: nuove reazioni chimiche o possibile produzione biologica". Per risolvere questo dilemma serviranno nuove missioni.

29 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
io78bis15 Settembre 2020, 18:52 #1
Senza scatenare flame, che esistano microbi su Venere a noi che vantaggio porta?
marcram15 Settembre 2020, 19:23 #2
Originariamente inviato da: io78bis
Senza scatenare flame, che esistano microbi su Venere a noi che vantaggio porta?

Quello di qualsiasi ricerca scientifica: aumentare la nostra conoscenza. Le applicazioni pratiche seguono la conoscenza.
Lotus15 Settembre 2020, 19:32 #3
Originariamente inviato da: io78bis
Senza scatenare flame, che esistano microbi su Venere a noi che vantaggio porta?


Solo una rivoluzione culturale senza precedenti, ad esempio un colpo mortale alla teoria creazionista.
nyo9015 Settembre 2020, 19:35 #4
Originariamente inviato da: io78bis
Senza scatenare flame, che esistano microbi su Venere a noi che vantaggio porta?


Se vuoi vederla in maniera estremamente egoistica e limitata all'Italia:
Porta che l'Italia produce molta roba per lo spazio, quindi si creano posti di lavoro, si crea ricchezza, si avvia un'industria che contribuisce a risanare le casse di questo paese, con soldi che rimangono in questo paese(E non vengono lanciati nello spazio).

Se non vuoi vederla in maniera egoistica le ripercussioni per i programmi spaziali sono nella vita di tutti i giorni, tecnologie sviluppate per una cosa specifica che di punto in bianco diventano necessari per la vita di tutti i giorni. Un esempio? I transistor. Un altro esempio? I software usati per recuperare le prime orribili foto dell'Hubble, oggi utilizzati per incrementare il livello di accuratezza delle mammografie in caso di puntini microscopici.

Se poi vuoi vederla in maniera poetica serve come prova per l'umanità, di ciò che è possibile fare quando si collabora e ci si prefissa qualcosa di comune.

Originariamente inviato da: Lotus
teoria creazionista.


IPOTESI.
Le teorie sono tali quando sono provate, dimostrate e ripetibili.
Finché non puoi dimostrarla resta un'ipotesi.
Opteranium15 Settembre 2020, 20:37 #5
Originariamente inviato da: io78bis
Senza scatenare flame, che esistano microbi su Venere a noi che vantaggio porta?

hai presente la scoperta dell'america? Moltiplica per un trilione
marcram15 Settembre 2020, 20:40 #6
Originariamente inviato da: Lotus
Solo una rivoluzione culturale senza precedenti, ad esempio un colpo mortale alla teoria creazionista.

Eh no, il creazionismo non muore, si evolve.
Daltronde, pensavamo che anche il terrapiattismo fosse morto da qualche millennio...
Rubberick15 Settembre 2020, 21:06 #7
In termini di distanza e facilità nel mandare missioni come siamo messi?

Es: per Marte conviene concentrare tutte le missioni ogni 2 anni in modo da sfruttare una finestra utile per il lancio e risparmiare carburante dato un viaggio più breve.

Le missioni per Venere possono partire più frequentemente? Quanto tempo occorre nel migliore dei casi per eventuali missioni?
alexfri16 Settembre 2020, 05:22 #8
Da grandissimo appassionato di scenza e spazio dico: andiamoci piano. La scenza, vista la recente terrificante esperienza, ha dimostrato di essere poco preparata agli imprevisti. Ok mandiamo ogni genere di missione con robot, ma non portiamo nulla indietro per ora perche sterminare la vita sulla terra ad opera della vita di venere mi pare poco saggio.
Doraneko16 Settembre 2020, 07:32 #9
Originariamente inviato da: alexfri
Da grandissimo appassionato di scenza e spazio dico: andiamoci piano. La scenza, vista la recente terrificante esperienza, ha dimostrato di essere poco preparata agli imprevisti. Ok mandiamo ogni genere di missione con robot, ma non portiamo nulla indietro per ora perche sterminare la vita sulla terra ad opera della vita di venere mi pare poco saggio.


C'è un vecchio romanzo di Micheal Crichton in cui si racconta la storia di una sonda che precipita vicino ad un paesino del New Mexico e contamina l'ambiente con un microrganismo proveniente dallo spazio. Se non ricordo male, la sonda in questione si era contaminata proprio orbitando intorno a Venere.
Il titolo del libro è "The Andromeda strain".
WarDuck16 Settembre 2020, 09:39 #10
Originariamente inviato da: Lotus
Solo una rivoluzione culturale senza precedenti, ad esempio un colpo mortale alla teoria creazionista.




Guarda tu se tocca leggere ste cazzate, di prima mattina poi.

Ma di quale rivoluzione culturale stiamo parlando di preciso? Che stiamo costruendo una società di amebe dipendenti in maniera morbosa dalla tecnologia, annullando ogni sprazzo di umanità?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^