Il radiotelescopio di Arecibo danneggiato da un cavo, i danni sono ancora da quantificare

Il radiotelescopio di Arecibo danneggiato da un cavo, i danni sono ancora da quantificare

Il radiotelescopio di Arecibo è stato danneggiato nei giorni scorsi da un cavo di supporto che ha squarciato parte dei pannelli riflettori. Non si hanno ancora informazioni sulle cause, né sulle tempistiche e sui costi della riparazione.

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Scienza e tecnologia
 

Il fatto è accaduto circa una settimana fa ma il suo impatto potrebbe perdurare per qualche mese. L'iconico radiotelescopio di Arecibo ha subito un danno dovuto a un cavo ausiliario che si è staccato colpendo la piattaforma che si trova sopra la parabola (di 300 metri).

radiotelescopio arecibo

Successivamente il cavo ha poi divelto parte dei pannelli riflettori del radiotelescopio creando un danno stimato in 30 metri di lunghezza. Secondo quanto riportato, sono stati danneggiati 250 pannelli riflettenti del radiotelescopio di Arecibo, oltre ad altri cavi accessori.

Ancora nessun "colpevole" per il danno al radiotelescopio

La motivazione del danno non è ancora chiara. Infatti i cavi come quello che si è staccato dovrebbero avere una durata minima di altri 15 anni. Una rottura del cavo sarebbe quindi avvenuta molto prima del tempo utile.

Nella sfortuna, c'è da considerare che al momento del danno il radiotelescopio di Arecibo era chiuso e quindi non era presente personale. Dunque non ci sono stati danni a persone. Attualmente non è chiaro per quanto tempo la struttura rimarrà ferma né quale sarà il costo della riparazione. I responsabili sono fiduciosi, del resto nella zona si abbatté anche l'uragano Maria (2018) e un terremoto all'inizio del 2020.

Ricordiamo che il radiotelescopio di Arecibo è stato per molto tempo il radiotelescopio a singola parabola più grande del Mondo (superato dal radiotelescopio cinese FAST). Inoltre il suo nome è legato a nomi illustri come Carl Sagan (Contact), i suoi dati sono stati utilizzati in progetti come SETI@home e il radiotelescopio viene utilizzato come base per la mappa Rogue Trasmission in Battlefield 4.

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Svelgen18 Agosto 2020, 21:16 #1
Azzo...
Vabbè...si spezza un cavo di acciaio che leggero non è, finisce sulle parti fragili del telescopio ovvio che qualche danno lo fa.
wobbly19 Agosto 2020, 08:37 #2
E' stato protagonista anche del primo episodio della 2a serie di X Files (1994).
Se ha senso ripristinarlo, va bene altrimenti si può anche smontarlo e farne a meno. L'importante è che non venga lasciato così come è, abbandonato.
Svelgen19 Agosto 2020, 09:14 #3
Dubito che venga abbandonato così.
È pur sempre il secondo radiotelescopio più grande del mondo e a livello scientifico, continua ad avere un'importanza mondiale.
Il danno alla fine è solo sui pannelli. Sostituiranno quelli, oltre al cavo, e tornerà operativo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^