Google mette alla prova il supercomputer quantistico

Google mette alla prova il supercomputer quantistico

Il colosso di Mountain View sta provando nei suoi laboratori a quantificare le prestazioni del supercomputer D-Wave 2 acquistato la scorsa primavera in collaborazione con la NASA

di pubblicata il , alle 10:31 nel canale Scienza e tecnologia
Google
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Andrew_db27 Gennaio 2014, 10:49 #11
Originariamente inviato da: Stevejedi
Il percorso di una vita: passioni, delusioni, vittorie, sconfitte, amori, conflitti. Un percorso che mi ha portato qui, a leggere questa news, e pur rischiando un ban, con somma saggezza io mi chiedo: ma ci girerà Crysis?


Sei il mio IDOLO incontrastato
Aegon25 Marzo 2014, 23:38 #12
Originariamente inviato da: demon77
Guarda la cosa più importante è in primis capire cosa è un Qbit e come funziona, perchè da li nasce tutto.
Cosa fondamentale il fatto che un Qbit può essere ZERO, UNO ma anche ZERO ED UNO CONTEMPORANEAMENTE. (si lo so che è incasinato)

In estrema sintesi approssimando parecchio:
se hai un labirinto con mille strade ed una sola arriva all'uscita un normale pc le prova UNA PER VOLTA fino a trovare quella giusta.. un pc quantistico le può percorrere tutte insieme nello stesso momento.

Qui un po' di info:
http://it.wikipedia.org/wiki/Informatica_quantistica


Hai riassunto molto bene il concetto

Originariamente inviato da: Kino87
...
Sono l'unico a pensare che si tratti di molto fumo negli occhi?
è fumo di cervelli quello. Il problema della computazione quantistica è tanto software quanto hardware.
Tutta la logica fino ad oggi si è basata sul basilare concetto di stato binario, l'algebra di Boole. La sola ammissibilità di un terzo stato, indefinito, distrugge le fondamenta della programmazione fino ad oggi usata; dunque, le potenzialità e le applicazioni di tale tecnologia sono solo fantasticabili... è per questo che gli ambiti applicativi di queste macchine sono ancora molto ristretti.
Ha lo stesso impatto che ha avuto la relatività sulla fisica classica.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^