Elon, l'Imperatore di Marte che porterà l'uomo sul Pianeta Rosso: la storia è del 1953

Elon, l'Imperatore di Marte che porterà l'uomo sul Pianeta Rosso: la storia è del 1953

La storia di Elon Musk potrebbe essere stata curiosamente anticipata da un libro del 1953 scritto dall'ingegnere aerospaziale tedesco Wernher von Braun

di pubblicata il , alle 13:01 nel canale Scienza e tecnologia
SpaceX
 

Non sono poche le volte che Elon Musk ha rimandato i suoi ambiziosi piani, sia con Tesla sia con SpaceX. A ottobre il visionario sudafricano ha dichiarato che, in base alle sue (piuttosto ottimistiche) stime, nel 2024 l'uomo potrebbe mettere i piedi su Marte, dopo essere stato trasportato dalla SpaceX Starship sul Pianeta Rosso. L'obiettivo: l'unica speranza di salvare il futuro dell'essere umano sarà colonizzare lo spazio, e Marte è il pianeta da cui cominciare per garantire la salvezza alla nostra specie.

spacex starship elon musk

Ad aprile lo stesso Musk aveva sottolineato l'importanza di rendere la vita "multiplanetaria", visto che un giorno "alcune piante e specie animali potrebbero morire sulla Terra, ma rimanere in vita su Marte". Quello che appare buffo nella determinazione di Elon Musk è che la sua storia potrebbe essere dettata dal destino, dal momento che è stata prevista già nel 1953 da Wernher von Braun all'interno del libro divulgativo The Mars Project in cui con dieci navicelle venivano trasportati un totale di 70 astronauti su Marte.

Elon Musk l'Imperatore di Marte? Era stato previsto nel 1953 (più o meno)

La storia risale in realtà allo scorso mese di dicembre, riesumata da un utente su Twitter, Toby Li, che ha risposto a un tweet di Elon Musk in cui l'imprendtore scriveva: "Destiny, destiny. No escaping that for me", come per dire che non potesse sfuggire al proprio destino. La pronta risposta dell'utente è stata: "Parlando di destino, sapevi che nel libro The Mars Project del 1953 di von Braun si legge di una persona chiamata Elon che avrebbe portato gli uomini su Marte?". Insomma, la storia di Musk potrebbe essere stata scritta quasi 70 anni fa, anche se i dettagli sono molto diversi.

Von Braun è stato un ingegnere tedesco e una figura cardine nello sviluppo della tecnologia missilistica nella Germania nazista, e dopo la Seconda Guerra Mondiale si è trasferito negli USA insieme ad oltre 1000 scienziati tedeschi diventando un pioniere nello sviluppo della tecnologia aerospaziale americana. Nel libro lo scienziato usa la narrativa per spiegare in maniera semplice come potesse avvenire un viaggio su Marte durante la Guerra Fredda.

In realtà, però, nel libro i dettagli non sono così come descritti da Toby Li: Elon non è infatti una persona, ma il nome della posizione del leader politico eletto sul Pianeta Rosso una volta colonizzato: "Il governo marziano è diretto da dieci uomini, il cui leader viene eletto con suffragio universale per cinque anni e viene nominato 'Elon'. Due camere del Parlamento hanno promulgato le leggi che devono essere amministrate dall'Elon e dal suo gabinetto", si legge nel paragrafo in questione in cui von Braun spiega la politica marziana.

Le analogie sono comunque piuttosto curiose, anche se difficilmente vedremo Musk governare il Pianeta Rosso una volta che verrà colonizzato grazie alle sue navicelle spaziali. Nel dubbio, però, dopo il breve siparietto con gli utenti di Twitter l'imprenditore aveva aggiornato temporaneamente la sua descrizione nel profilo Twitter dichiarandosi non solo Technoking di Tesla, ma anche Imperatore di Marte.

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
harlock1007 Settembre 2021, 13:30 #1
Von Braun è il padre del razzo Saturn V, oltre che di Agregat 4, dal quale discendono grosso modo i programmi spaziali sovietici e americani.
D4N!3L307 Settembre 2021, 14:40 #2
Anche Edgar Rice Burroughs aveva previsto nel 1912 che l'uomo sarebbe andato su marte quando ha scritto John Carter di Marte.

Lui ha anche previsto che andremo su Venere quando ha scritto la serie Carson di Venere.
blobb07 Settembre 2021, 16:09 #3
Originariamente inviato da: harlock10
Von Braun è il padre del razzo Saturn V, oltre che di Agregat 4, dal quale discendono grosso modo i programmi spaziali sovietici e americani.


I programmi spaziali sovietici non discendono dagli scienziati tedeschi
biometallo07 Settembre 2021, 16:13 #4
"La storia risale in realtà allo scorso mese di dicembre"


C'è una cosa che mi sfugge, quale sarebbe il pretesto per ritirare fuori questa storia di quasi un anno fa oggi?
Alfhw07 Settembre 2021, 16:46 #5
Originariamente inviato da: blobb
I programmi spaziali sovietici non discendono dagli scienziati tedeschi

Magari non tutto ma almeno in parte sì. I primi missili balistici sovietici erano delle quasi copie delle V2 tedesche. Inoltre un gruppo di tedeschi esperti in missilistica andò a lavorare in russia dopo la guerra.
blobb07 Settembre 2021, 17:18 #6
Originariamente inviato da: Alfhw
Magari non tutto ma almeno in parte sì. I primi missili balistici sovietici erano delle quasi copie delle V2 tedesche. Inoltre un gruppo di tedeschi esperti in missilistica andò a lavorare in russia dopo la guerra.


allora diciamo questo, il programma spaziale sovietico beneficiò di alcuni scienziati tedeschi per realizzare una copia delle V1, per il resto fecero da soli
a differenza degli americani che non a caso misero come capo-progetto von braun
calabar07 Settembre 2021, 17:53 #7
Originariamente inviato da: blobb
I programmi spaziali sovietici non discendono dagli scienziati tedeschi

Che io ricordi ne discendono entrambi: gli statunitensi si accaparrarono gli scienziati tedeschi mentre i russi ancor prima ritrovarono, quando scesero in Europa alla fine della guerra, i quaderni di Von Braun, su cui basarono il loro programma missilistico.
vraptus07 Settembre 2021, 17:58 #8
Evidente dimostrazione che von Braun e Musk sono rettiliani al soldo degli USA. Gombloddo!
blobb07 Settembre 2021, 18:20 #9
Originariamente inviato da: calabar
Che io ricordi ne discendono entrambi: gli statunitensi si accaparrarono gli scienziati tedeschi mentre i russi ancor prima ritrovarono, quando scesero in Europa alla fine della guerra, i quaderni di Von Braun, su cui basarono il loro programma missilistico.


no perchè già avevano un loro programma negli anni 40, e non basi un programma spaziale su dei quaderni ammesso che furono ritrovati
harlock1008 Settembre 2021, 00:03 #10
I sovietici entrano in possesso di svariati v2, tanto che negli anni 50 costruirono un clone chiamato R1 il primo missile Russo.
Da li poi ci pensò Korolev.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^