Diagnosticare il COVID-19 tramite l'analisi della voce? Si può, con l'intelligenza artificiale

Diagnosticare il COVID-19 tramite l'analisi della voce? Si può, con l'intelligenza artificiale

Huawei, insieme a Voicewise, ha avviato la sperimentazione clinica della diagnosi del COVID-19 tramite analisi della voce basandosi sull'intelligenza artificiale.

di pubblicata il , alle 09:21 nel canale Scienza e tecnologia
Huawei
 

Huawei e Voicewise, spin-off dell'Università di Roma Tor Vergata, hanno avviato il progetto pilota di ricerca dei biomarcatori della voce per l'infezione da COVID-19 tramite l'intelligenza artificiale. Lo studio clinico nasce con l'obiettivo primario di verificare la possibilità di identificare l'infezione Covid-19 attraverso l'analisi di campioni di voce mediante algoritmi di intelligenza artificiale sviluppati da Voicewise; tale analisi è volta anche a "misurare" il livello di gravità dell'infezione oltre che di monitorarne il decorso, anche nella fase di guarigione successiva alla dimissione dall'ospedale o nei pazienti in isolamento domiciliare.

La sperimentazione clinica per diagnosticare e monitorare l'infezione è stata attivata presso l'Ospedale dei Castelli di Roma, il Parco Tecnologico Technoscience di Latina e il Policlinico Fondazione San Matteo di Pavia.

A sostegno del progetto, Huawei Italia ha fornito i dispositivi mobili necessari per la sperimentazione. Gli smartphone e i tablet Huawei sono infatti gli strumenti impiegati, attraverso l'utilizzo della web app sviluppata da Voicewise, per registrare e acquisire le voci dei pazienti nei reparti Covid da remoto, eliminando ogni rischio di contatto con il paziente. Per la sperimentazione sono stati appositamente utilizzati la maggior parte dei dispositivi smartphone e tablet di ultima generazione con caratteristiche e prestazioni diverse (Huawei Mate30 Pro, P30 Pro, Nova 5T, P Smart, Y6s, Mediapad M5 lite).

I buoni risultati ottenuti da questa ricerca aprono scenari applicativi e di servizio molto interessanti a partire dall'attuale gestione delle fasi successive a quella di emergenza, con attività di monitoraggio e prevenzione su ampia scala da svolgere in luoghi pubblici quali uffici, scuole, strutture sanitarie e ai varchi di accesso a mezzi di trasporto di vario tipo (aerei, treni, navi, autobus).

Leggi anche: COVID Voice Detector promette di individuare i contagiati da Coronavirus tramite impronta vocale

La sperimentazione di Voicewise è iniziata nel 2009 grazie all'iniziativa di Giovanni Saggio, professore di Ingegneria Elettronica presso l'Università di Roma Tor Vergata, che per primo ha immaginato di sfruttare un algoritmo di intelligenza artificiale per analizzare le alterazioni della voce a fini diagnostici.

L'algoritmo è capace di evidenziare oggettivamente anche minime variazioni della voce sia nel caso di malattie degli organi interni che di malattie neurodegenerative relativamente alle quali sono stati registrati livelli di accuratezza tra il 95% e il 98%. Oltre ad anticipare la diagnosi, questo sistema può anche tenere traccia dell'evoluzione della malattia, valutare l'efficacia della terapia quotidianamente e supportare la valutazione della somministrazione e del dosaggio dei farmaci.

"Siamo entusiasti di aver trovato un partner come Huawei a supportarci in questa importante sperimentazione che potrebbe segnare una svolta nella diagnosi non solo di infezioni come il Covid19 ma anche di numerose altre patologie", ha dichiarato Maria Tavasci, CEO di Voicewise. "L'utilizzo dello smartphone quale strumento quotidiano di prevenzione, diagnostica e promozione della salute, insieme al monitoraggio continuo delle patologie, ci hanno consentito di disegnare una soluzione non invasiva e a costi bassissimi, che coniuga la qualità e l'accuratezza della ricerca medica con i vantaggi della tecnologia di massa".

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Fantapollo01 Settembre 2020, 09:35 #1
Le solite aziendine che cercano di vendere qualcosa
Marko_00101 Settembre 2020, 10:09 #2
hanno avviato il progetto pilota di ricerca
La sperimentazione
che potrebbe
ma nel titolo
Si può
-
speriamo che la IA che scriverà gli articoli in futuro sia più attenta
nel accostare i verbi ed intenti descritti
djfix1301 Settembre 2020, 10:11 #3
io ho un algoritmo che mi dice se ho bevuto troppo...chiamo mia moglie al telefono...si accorge subito
Fantapollo01 Settembre 2020, 10:16 #4
Originariamente inviato da: djfix13
io ho un algoritmo che mi dice se ho bevuto troppo...chiamo mia moglie al telefono...si accorge subito


Un'analisi della voce funzionerebbe sicuramente meglio in questi casi rispetto alla ricerca del Covid
jepessen01 Settembre 2020, 12:41 #5
Originariamente inviato da: Fantapollo
Le solite aziendine che cercano di vendere qualcosa


Gia', un'azienda che vuole vendere qualcosa, chi l'avrebbe mai detto che saremmo arrivati a questo punto...
Doraneko01 Settembre 2020, 13:41 #6
sierrodc01 Settembre 2020, 13:50 #7
C'è qualche link a riguardo?

perchè dire che "ha una accuratezza tra il 95% e il 98%" non vuol dire granché (https://towardsdatascience.com/accu...f1-331fb37c5cb9)
djfix1302 Settembre 2020, 07:04 #8
beh qui è detto tutto:
Link ad immagine (click per visualizzarla)

Very easily, you will notice that the accuracy for this model is very very high, at 99.9%!! Wow! You have hit the jackpot and holy grail (*scream and run around the room, pumping the fist in the air several times*)!

But….(well you know this is coming right?) what if I mentioned that the positive over here is actually someone who is sick and carrying a virus that can spread very quickly? Or the positive here represent a fraud case? Or the positive here represents terrorist that the model says its a non-terrorist? Well you get the idea. The costs of having a mis-classified actual positive (or false negative) is very high here in these three circumstances that I posed.

OK, so now you realized that accuracy is not the be-all and end-all model metric to use when selecting the best model…now what?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^