Virtualizzazione anche per Linux, questo il futuro

Virtualizzazione anche per Linux, questo il futuro

SWsoft vuole diffondere l'utilizzo di OpenVZ implementando alcune funzionalità nel kernel Linux. Alcune aziende leader confermano il proprio interesse

di pubblicata il , alle 10:26 nel canale Programmi
 
Un pool di aziende pare interessato nello sviluppo e diffusione di un software che consente la virtualizzazione anche su macchine Linux.

SWsoft vuole diffondere l'utilizzo di OpenVZ tra le più diffuse distribuzioni commerciali in circolazione, un segnale positivo in tal senso arriva da Red Hat che presto introdurrà il tool in Fedora.

OpenVZ non è la prima soluzione per realizzare la cosiddetta virtualizzazione ma, stando alle informazioni disponibili in rete, pare essere la più sviluppata.

Il concetto di virtualizzazione consente di ottimizzare le risorse messe a disposizione da un server il cui hardware può gestire contemporaneamente più istanze relative a macchine virtuali differenti in contemporanea.

I vantaggi sono sia in termini di efficienza sia in termini di sicurezza poichè è possibile distribuire al meglio i vari servizi senza essere vincolati all'hardware.

Fonte: ZDnet.com

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

46 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
deck18 Gennaio 2006, 10:42 #1
Ho capito: mi devo documentare in maniera approfondita su che cavolo sia questa virtualizzazione...
freeeak18 Gennaio 2006, 10:42 #2
ma non cera Xen?
Rubberick18 Gennaio 2006, 10:49 #3
Concetto semplice: con il Super Hardware attuale e' possibile runnare un casino di macchine virtuali con un'ipendenza logica completa ^^

Rulez =) io sono sempre stato per la virtualizzazione

1 consumo di una macchina accesa -> 10 macchine virtuali :P

consumo / 10
chiaro_scuro18 Gennaio 2006, 10:53 #4
Puoi tradurre in italiano....

Ciao.
subrahmanyam18 Gennaio 2006, 11:01 #5
se ho capito...

non sei più obbligato a tenere 10 macchine che magari lavorano a meno di 1/10 delle possibilità. puoi averne una soltanto.

ottimizzi le risorse hw (e i consumi)

jacopi|!
cagnaluia18 Gennaio 2006, 11:01 #6
e poi... vuoi mettere il backup e il ripristino degli stessi? semplicissimo.... proprio completamente svincolati dall hardware!
rpor18 Gennaio 2006, 11:14 #7
Piacerebbe un software che permetta di poter settare la percentuale di cpu e memoria da utilizzare per ogni applicazione in esecuzione.
La virtualizzazione è più utile in particolari ambienti, ma avere 1 macchina che fà il lavoro di 10 può servire in ambito server database, non certo client, non li vedo 10 cristiani davanti lo stesso pc.
MaxArt18 Gennaio 2006, 11:16 #8
Ed un decimo delle risorse per ogni macchina virtuale.
O hai 4 GB di memoria o non campi!
mark8118 Gennaio 2006, 11:28 #9
Originariamente inviato da: MaxArt
Ed un decimo delle risorse per ogni macchina virtuale.
O hai 4 GB di memoria o non campi!


Ok, potresti avere ragione, ma ci sono anche degli uffici dove con i pc usano solo word processing e fogli di calcolo (vedi scuole, studi di avvocati ecc.). Comunqie sia, questo contribuirà ad un calo delle vendite di pc con tutto quello che ne consegue...
diabolik198118 Gennaio 2006, 11:30 #10
Originariamente inviato da: mark81
Ok, potresti avere ragione, ma ci sono anche degli uffici dove con i pc usano solo word processing e fogli di calcolo (vedi scuole, studi di avvocati ecc.). Comunqie sia, questo contribuirà ad un calo delle vendite di pc con tutto quello che ne consegue...



non credo proprio, la virtualizzazione resterebbe comunque relegata ad un settore di nicchia molto ristretta.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^