VIA rilascia nuovi driver a 64 bit

VIA rilascia nuovi driver a 64 bit

VIA Technologies rilascia nuovi driver a 64 bit per la versione Release Candidate 2 di Windows XP Professional x64 Edition

di pubblicata il , alle 17:21 nel canale Programmi
WindowsMicrosoft
 

VIA Technologies ha rilasciato i nuovi driver a 64-bit per la recente Release Candidate 2 del sistema operativo Windows XP Professional x64 Edition

La serie di driver per il sistema operativo a 64 bit include i driver per AMD K8T/K8M per PC desktop, per K8N per sistemi notebook, per PT880 Pro e PT894 e per sistemi basati su CN400 con supporto a Windows XP.

Anche ULi Electronics ha quasi ultimato lo sviluppo dei driver a 64-bit per Windows XP Professional x64 Edition. ATI Technologies, NVIDIA Corporation e Silicon Integrated Systems hanno da poco lanciato versioni beta dei propri driver a 64 bit.

Microsodt intende rilasciare le versioni a 64 bit di Windows Server e Windows XP entro la fine del prossimo mese.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta pi interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Megasoft21 Marzo 2005, 17:38 #1
piccolo errore

Microsodt invece di microsoft
enryfox21 Marzo 2005, 18:02 #2
ma dove sarebbero questi nuovi driver ? sul sito viaarena hanno ancora la versione .99 dello scorso agosto incompatibile con xp64 rc1 e 2 ...
Michelangelo_C21 Marzo 2005, 18:16 #3
Ma non erano già ufficiali i driver nvidia 64bit? Mi pareva..
E i driver VIA sono anche per le prime schede madri A64 754, vero?
riva.dani21 Marzo 2005, 18:39 #4
nVidia sbrigate!!!!!!!
F1R3BL4D321 Marzo 2005, 20:12 #5
Ormai si avvicina il momento dell'OS a 64 bit, adesso le software house hanno un buon motivo per implementarli, e questo anche da parte dei costruttori che si devono sbrigare a fare driver almeno decenti per la nuova piattaforma.
Breakthru21 Marzo 2005, 22:27 #6
visto che forse non tutti lo sanno, l'OS a 64 bit c'è già si chiama linux...

comunque ho una domanda:
la compatibilità con gli eseguibili a 32 bit riduce i vantaggi prestazionali dei 64 bit?
MaxArt22 Marzo 2005, 03:00 #7
Originariamente inviato da Breakthru
la compatibilità con gli eseguibili a 32 bit riduce i vantaggi prestazionali dei 64 bit?
In che senso?
cdimauro22 Marzo 2005, 08:42 #8
Originariamente inviato da Breakthru
visto che forse non tutti lo sanno, l'OS a 64 bit c'è già si chiama linux...

Linux is not Windows.
comunque ho una domanda:
la compatibilità con gli eseguibili a 32 bit riduce i vantaggi prestazionali dei 64 bit?

E' chiaro che un'applicazione a 32 bit eseguita nel nuovo ambiente a 64 bit può soltanto in parte beneficiare della nuova architettura: per sfruttarla meglio sarà necessaria una ricompilazione.
Esattamente come con Linux o qualunque altro s.o. che supporta già la nuova architettura x86-64.
MaxArt22 Marzo 2005, 11:05 #9
Originariamente inviato da cdimauro
E' chiaro che un'applicazione a 32 bit eseguita nel nuovo ambiente a 64 bit può soltanto in parte beneficiare della nuova architettura: per sfruttarla meglio sarà necessaria una ricompilazione.
A me è parsa una domanda più sottile: cioè, il fatto di aver mantenuto la retrocompatibilità con il codice a 32 bit può influire sulle prestazioni del codice a 64 bit?
A me verrebbe da dire "no", ma non sono sicuro del senso della domanda...
cdimauro22 Marzo 2005, 13:25 #10
La risposta è no: l'esecuzione di codice a 32 bit nulla ha a che vedere con quella di codice a 64 bit. L'unico elemento è la maggior occupazione di memoria, dovuta alla presenza di WOW64 che "traduce" le chiamate dalle API a 32 bit a quelle a 64 bit, ma solamente per le applicazioni a 32 bit.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^