Un altro giro di vite in Cina: siti web registrati

Un altro giro di vite in Cina: siti web registrati

Da domani tutti i siti web cinesi non registrati potranno essere spenti dalle autorità, il tutto all'insegna di un maggior controllo per le attività illecite, anche se le motivazioni sembrano ben altre

di pubblicata il , alle 16:43 nel canale Programmi
 
Dallo scorso mese di Marzo in Cina sono entrate in vigore nuove e restrittive normative in merito alla gestione di siti web e di internet point in genere.

Da domani sarà però in vigore una delle norme pià restrittive, ovvero l'obbigo di registrazione per tutti i siti web cinesi online, in caso contrario le autorità provvederano a "spegnere" il tutto.

Le motivazioni ufficiali in merito al provvedimento parlano di un maggior controllo delle attività illegali (pornografia compresa), anche se alla base di tutto vi è la volontà di bloccare ogni possibile fonte di informazioni anti-governativa; questo genere di atteggiamento prende il nome di " Great Firewall of China".

Recentemente anche parecchi internet point hanno subito la chiusura poichè accusati dare libero accesso a contenuti vietati dal governo; attualmente in Cina vi è l'obbligo di registrazione per tutti gli utenti degli internet Cafe.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

65 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ChenDream31 Maggio 2005, 16:56 #1
IO sono cinese ma queste cose veramente non le condivido... Chissà quando il governo capirà che non serve ad altro che farci sputare addosso da tutti...
AlߥZ31 Maggio 2005, 17:02 #2
ora in cina domani in america e dopodomani in italia... vivremo sempre piu in gabbia!
lucio6831 Maggio 2005, 17:13 #3
L'informazione è potere, e sempre di più l'informazione è di difficile controllo, poiché chiunque è in grado di fornire notizie di ogni genere, come accade anche qui sul forum.
E tra tante notizie futili spesso invece capita di venire in contatto con cose interessanti.
Ovvio che i governi, soprattutto quelli che basano molto il loro potere sull'ignoranza dei cittadini, cerchino in tutti i modi di limitare o impedire che la gente possa conoscere fatti che alla lunga potrebbero diventare pericolosi.
Che cosa potrebbe succedere in Cina, ad esempio, se gli operai tramite internet venissero a conoscenza del fatto che in molta parte del mondo i loro "colleghi" possono vantare diritti che loro manco si sognano?
Non per niente la Corea del Nord ha bloccato tutti i siti occidentali...
knymed31 Maggio 2005, 17:13 #4
Quote: "ora in cina domani in america e dopodomani in italia... vivremo sempre piu in gabbia!"

ma per favore...
Niiid31 Maggio 2005, 17:27 #5
mi sa che state lanciando una moda
Haran Banjo31 Maggio 2005, 17:32 #6
E' un lungo ma inevitabile processo, fatto di piccole conquiste ed irto di ostacoli, quello che stanno vivendo i cinesi, verso una civiltà che si avvicini a quella di tipo "occidentale".
Un processo ostacolato dalle autorità centrali, che oppongono una strenua resistenza, in attesa di essere travolti dalla loro stessa ingordigia ed inettitudine.
E' solo questione di tempo.
sophokles31 Maggio 2005, 17:36 #7
Non la vedo in maniera così drastica, è il primo passo verso una regolarizzazione dei siti rispetto al far-west in cui hanno vissuto fino adesso. Ovviamente il governo cinese ha il suo tornaconto ma non mi sembra il caso di scomodare il "grande fratello".
Haran Banjo31 Maggio 2005, 17:46 #8
Beh, sembra che qualcuno pensi che la Cina abbia un "governo", nell'accezione modernamente intesa con questo lemma.
E' comprensibile, dato che questo è quello che ci vogliono far credere, in quanto la Cina è commercialmente appetibile.
La verità è che il governo cinese è composto da luridi assassini che continuano a voler calpestare ogni diritto umano, contornati dalla (nuova) mafia cinese che i capitali esteri hanno contribuito ad alimentare.
iozizou31 Maggio 2005, 17:48 #9
Beh, se non scomodi il grande fratello per la Cina...spiegami perchè avrebbero dovuto oscurare i post di solidarietà e lutto per la scomparsa del papa..pirateria? illegalità? Ma dai...
Secondo luogo, non schedano solo i siti, ma anche gli utenti..
Oltretutto non ho capito perchè la pornografia sarebbe illegale..
Borbone31 Maggio 2005, 18:06 #10
Perchè?? Perchè I COMUNISTI DITTATORI SE LA CAGANO SOTTO DELLA LIBERTA'!!!! Ecco perchè!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^