Telegram introduce le chiamate vocali su Android e iOS: crittografate, cristalline e ''intelligenti''

Telegram introduce le chiamate vocali su Android e iOS: crittografate, cristalline e ''intelligenti''

Arriva l'aggiornamento più atteso di Telegram che porta le chiamate sia su smartphone Android che sugli iPhone. Non solo perché la versione 3.18 permette anche di scegliere la compressione dei video da inviare. Ecco tutte le novità.

di pubblicata il , alle 08:01 nel canale Programmi
 

Telegram ha ufficialmente le chiamate vocali e queste sono anche "crittografate, cristalline e intelligenti". Questo è quanto dichiarato dagli sviluppatori della piattaforma di messaggistica che hanno rilasciato il nuovo aggiornamento 3.18 sia per gli smartphone Android che per quelli iOS di Apple. Il CEO Pavel Durov l'aveva promesso tramite un proprio messaggio su Twitter agli inizi dell'anno e a pochi mesi di distanza ha mantenuto tale promessa aggiungendo anche questa ennesima feature al già ottimo sistema di messaggistica russo che da tempo ha ormai scalato le classifiche di tutto il mondo.

Nel consueto changelog, gli sviluppatori di Telegram, hanno sottolineato come gli utenti potranno effettuare le chiamate senza preoccuparsi della sicurezza. Il meccanismo messo in atto da Telegram per le chiamate vocali utilizza infatti un nuovo sistema di scambio delle chiavi di cifratura che permette di raggiungere alti livelli di sicurezza tramite la crittografia cosiddetta end-to-end. Proprio da questo punto di vista in Telegram non si vuole lasciare nulla al caso e per verificare che la chiave di criptazione sia la medesima dell'altro interlocutore basterà confrontare le quattro icone che appariranno sui due smartphone. Se sono identiche anche nella medesima posizione la conversazione sarà assolutamente sicura e non ci sarà alcune possibilità che malintenzionati potranno ascoltare la conversazione. Questo vale anche per i messaggi scambiati.

Anche per la qualità in Telegram si è cercato di raggiungere il massimo. In questo caso gli sviluppatori dichiarano come le conversazioni, dove possibile, verranno gestite attraverso una rete peer-to-peer quindi utilizzando codec migliori cercando di ottimizzare ai massimi livelli la qualità audio degli interlocutori. Se la modalità peer-to-peer non fosse disponibile l'applicazione adotterà automaticamente il server più vicino alla persona chiamata come a quella chiamante in modo da permettere sempre l'appoggio ad un network stabile e di ottima qualità. Tutto questo grazie all'adozione automatica della velocità della connessione di rete disponibile, della latenza e della percentuale di pacchetti persi. Insomma una vera e propria rete neurale con informazioni tecniche ricevute da ogni smartphone.

L'utilizzo delle chiamate è quanto mai semplice. Su iOS per effettuare una chiamata basterà utilizzare il nuovo tab che viene mostrato semplicemente al tocco sulla barra del destinatario della chiamata. In questo caso apparirà l'icona della cornetta e la chiamata potrà avviarsi semplicemente con un tap su di essa. Non solo perché l'icona della chiamata sarà presente anche nelle informazioni del contatto. Per Android invece la schermata è accessibile dal classico menu a sinistra di Android.

L'aggiornamento 3.18 inoltre permette anche di utilizzare una nuova opzione che riuscirà a comprimere i video da inviare fino a 5 livelli. In questo caso l'utente potrà addirittura osservare un'anteprima del video nei diversi cinque livelli di compressione prima della condivisione. Telegram si conferma ancora una volta quanto mai attento ad accontentare gli utenti con nuove ed importanti feature che stanno rendendo sempre più appetibile l'applicazione nei confronti di WhatsApp ma anche di Google Allo o di iMessage.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
jepessen31 Marzo 2017, 08:51 #1
E share sto contact di Alena!!!

La tecnologia comunque e' interessante, anche se credo sia piu' finalizzato a ridurre i costi di banda dei server... Vedremo all'atto pratico... Mi pare di ricordare agli inizi che pure Skype era basato su peer-to-peer, anche se non so come sono messi adesso fra sviluppi ed acquisizioni...
Tedturb031 Marzo 2017, 09:22 #2
il fatto che siano disponibili solo su merdroid e iOS mi fa proprio venir voglia di abbandonarlo.
Sembra che desktop per loro sia serie B. E sono convinto che e' dove hanno la maggioranza di utenti..
Unrealizer31 Marzo 2017, 09:41 #3
Originariamente inviato da: Tedturb0
il fatto che siano disponibili solo su merdroid e iOS mi fa proprio venir voglia di abbandonarlo.
Sembra che desktop per loro sia serie B. E sono convinto che e' dove hanno la maggioranza di utenti..


Arriveranno anche su desktop e WP/UWP

Il problema attualmente è che le chiamate sono implementate in un'unica libreria C++ (libtgvoip) che al momento funziona solo su sistemi POSIX.

Alcuni membri di Telegram stanno attivamente lavorando al porting anche su Windows, in modo che possa essere usata anche su Telegram Desktop, sull'app Windows Phone 8 e su Unigram, il client UWP non ufficiale.

Fonte: team interno di Unigram
Phoenix Fire31 Marzo 2017, 10:05 #4
io sono più interessato alla compressione dei video, finora li mandavo tramite WhatsApp proprio perché troppo grossi e non mi interessava molto la qualità
Sandro kensan31 Marzo 2017, 10:38 #5
Manca il Desktop linux: sbrigatevi!
Tedturb031 Marzo 2017, 10:48 #6
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Manca il Desktop linux: sbrigatevi!


Dubito che lo aggiungeranno a telegram desktop adesso abilitandolo solo su linux.
Probabilmente arrivera quando la libreria andra' anche su winzozz
aleardo31 Marzo 2017, 10:58 #7
Adesso servirebbe un test comparativo sulla qualità delle chiamate vocali nelle diverse condizioni (wi-fi con linea fissa, 4G, 3G).
fraquar31 Marzo 2017, 11:35 #8
Originariamente inviato da: Sandro kensan
Manca il Desktop linux: sbrigatevi!


Concordo, sbrigatevi! Ci sono almeno 38 persone nel mondo che potrebbero utilizzarlo.
redeagle31 Marzo 2017, 11:47 #9
Originariamente inviato da: Tedturb0
il fatto che siano disponibili solo su merdroid e iOS mi fa proprio venir voglia di abbandonarlo.


Originariamente inviato da: Tedturb0
Probabilmente arrivera quando la libreria andra' anche su winzozz


E' davvero necessario utilizzare queste storpiature?
pcmachine31 Marzo 2017, 14:23 #10
Originariamente inviato da: redeagle
E' davvero necessario utilizzare queste storpiature?


hai ragione da vendere!
che tristezza è l'utenza di alcuni marchi poi si lamentano per le critiche sincere e costruttive dei loro prodotti, s.o., software e se lo fai gridano al ban!
andiamo oltre

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^