Steve Ballmer di Microsoft contro Red Hat

Steve Ballmer di Microsoft contro Red Hat

Il CEO di Microsoft non usa mezzi termini: gli utenti di Red Hat devono soldi a Microsoft

di pubblicata il , alle 08:29 nel canale Programmi
Microsoft
 

Negli scorsi giorni Steve Ballmer - CEO di Microsoft - ha voluto riportare l'attenzione dei media sul ben noto problema dei presumibili 235 brevetti Microsoft infranti dalla comunità opensource. In merito a tali rivendicazioni vari protagonisti del panorama Linux/opensource hanno affermato, qualcuno anche in modo assai deciso, che tali rivendicazioni sono pretestuose e non vi è alcuna violazione in atto.

Altre società, tra cui Linspire, Xandros e Novell, hanno scelto la via della mediazione trovando un accordo con la casa di Redmond. In tal senso è Novell che ha generato i maggiori malumori all'interno della comunità open source, infatti, l'accordo siglato prevede la collaborazione tra le due società sul piano dello sviluppo e, di fatto, offe ai clienti Novell una sorta di amnistia per i brevetti rivendicati da Microsoft.

Steve Ballmer ha più volte rivolto attacchi al mondo Linux e in questa occasione ha rivendicato le importanti cifre spese dalla casa di Redmond per lo sviluppo o l'acquisizione di brevetti utilizzati poi nei differenti prodotti software. Proprio su questo punto viene sollevata la più pesante e diretta critica nei confronti di Red Hat: Steve Ballmer afferma che chi utilizza Red Hat è in obbligo nei confronti di Microsoft e dovrebbe pagare per le proprietà intellettuali illecitamente utilizzate.

Il mirino di Microsoft pare quindi spostato su Red Hat e non ci sarebbe da stupirsi se da questa "dichiarazione di intenti" sfociasse a breve qualche provvedimento di natura legale. Fa riflettere anche una circostanza relativa a queste accuse: Steve Ballmer si riferisce in modo diretto agli utilizzatori di Red Hat e identifica in tali utenti i debitori di Microsoft. Sicuramente tale scelta intende creare preoccupazione nell'utenza che, magari per evitare potenziali problemi futuri, potrebbe essere disposta all'accettazione di compromessi.

Vi è da rilevare che in merito a citati 235 brevetti non si hanno dettagli o note ufficiali che identificano con precisione le violazioni: proprio questa circostanza crea ancor più apprensione. Secondo un report diffuso da Gartner  Microsoft non intende, per il momento, trarre profitto chiedendo dirette royalties per i propri brevetti ma vuole utilizzare tale imprecisata condizione di illecito per poter siglare altri importanti accordi, simili a quelli stipulati con Novell.

Red Hat, come riporta a questo indirizzo PCWorld.com, afferma che la propria utenza non corre alcun rischio e, quindi, rispedisce al mittente ogni accusa.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

145 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Alessio.1639012 Ottobre 2007, 08:36 #1


Un uomo un mito
Steve Ballmer
Link ad immagine (click per visualizzarla)

Ma vai a zappare
tommy78112 Ottobre 2007, 08:38 #2
Se Novell è scesa a patti vuole dire che Microsoft non ha tutti i torti e che in tribunale li avrebbero dissanguati, anche redhat seguirà quella strada. D'altra parte è giusto che chi investe il proprio patrimonio poi non veda di buon occhio chi lo utilizza spacciandolo per gratuito appoggiandosi alle spalle di altri.
The_misterious12 Ottobre 2007, 08:48 #3
Originariamente inviato da: tommy781
Se Novell è scesa a patti vuole dire che Microsoft non ha tutti i torti e che in tribunale li avrebbero dissanguati, anche redhat seguirà quella strada. D'altra parte è giusto che chi investe il proprio patrimonio poi non veda di buon occhio chi lo utilizza spacciandolo per gratuito appoggiandosi alle spalle di altri.

quello che mi chiedo è:
non sono stati forniti i dettagli su questi presunti brevetti violati...chi ci dice che è tutta una bufala?
e Comunque, come avrebbero fatto a violarli?
guyver12 Ottobre 2007, 08:53 #4
novell è scesa a patti per i soldi
non a caso microsoft attacca una delle più grandi ditte che "sviluppa" gnu/linux
probabilmente vuole gettare discredito su un concorrente che teme e far valere il suo peso monopolistico di "santo" degli os (sono quello più diffuso, non posso sbagliare)
in realtà quello che paventa microsoft è un falso problema e tutti lo sanno, tranne che ignora e chi è in malafede
se microsoft oggi snocciolasse le 235 violazioni di brevetto (se mai esistessero veramente) (vi chiedete perche non le ha ancora rese pubbliche????) in giro di una settimana max un mese il codice gnu/linux di red hat sarebbe candido come la neve.... (la comunita gnu/linux lo stà gridando da anni di far vedere il codice in questione)
non sò se red hat conosca le violazioni (è difficile farlo se non hai accesso ai codici microsoft ,non sono mica indovini con la sfera di cristallo) e quindi il problema è solo di microsoft che è in malafede,
se per caso red hat conosce qualche problema che si sbrighi a correggerlo per far cessare questo schifo assurdo che microsoft da anni perpetra
idudemodalikedasdpasasdasdsionasd12 Ottobre 2007, 09:02 #5
Secondo me sono patetici e pretestuosi modi alla godfather di intimidire la community open source. Infatti sia Red Hat che Canonical mesi hanno ricevuto un'offerta "irrinunciabile" stile Novell, Xandros e Linspire, a cui hanno semplicemente risposto a pernacchie.

Adesso Bill ha impartito al suo burattino di iniziare ad intimidire Red Hat, la quale non si preoccupa minimamente in quanto ha IBM come "protettore", e anche Canonical si stà comprendo le spalle prima con Dell ed in questi giorni con Acer, senza contare altri produttori che, rimasti deluse dal flop di Vista, stanno iniziando a strizzare l'occhio al pinguino.

Inoltre dati recenti confermano un passaggio dal 0,40% al 0,80% lordo di utenti Linux, ovviamente una goccia rispetto al 70% e spingi di Xp, però un piccolo segnale di quanto in questi ultimi mesi Linux se ne inizia a parlare non solo tra nerd ma anche in altri ambiti (amministrazioni, enti governativi...).

E quindi Microsoft ovviamente preferisce prevenire che curare, cercando di dare un'immagine di chi usa linux come una persona alla pari di quella che usa software piratato, sempre a rischio e costantemente in pericolo di obiettivo di accuse di violazioni. Cosa falsa, almeno fino a quando non vengono messi su carta in dettaglio le violazioni.

Fino ad allora preferisco essere a rischio del fumo senza arrosto di microsoft che ai trojan, worm e virus che perennemente cercano di entrare attraverso le Finestre dello zio bill
guyver12 Ottobre 2007, 09:12 #6
poi mi chiedo se sia veramente legale in europa costringere a legare un os ad ogni macchina venduta (ok che risparmi perche l oem costa meno ma...) se per risparmiare 100 € ho una violazione della liberta (anche teorica)...

io ho usato solo windows fiano a poche sett fa..(tranne linux live)... beh ora basta... sul pc di casa ho messo gnu/linux e mi trovo molto molto bene...

il bello (o il brutto) che magari in america riuscirà anche a vincere dimostrando che red hat ha copiato senza neanche far vedere una riga di codice...
renaulto12 Ottobre 2007, 09:12 #7
Ballmer è un troll.
Human_Sorrow12 Ottobre 2007, 09:14 #8

Smettetela di essere patetici...

Basta con il "siccome è gratis possono fare tutto" ...

Utilizzare i brevetti di altri "di nascosto" è reato.

Che poi li abbiano rubati a Microsoft e che li forniscano gratuitamente agli utenti non lo rende di certo giusto.

Non siamo mica nella favola di Robin Hood...

Questo è il punto.

bye
Cimmo12 Ottobre 2007, 09:15 #9
Originariamente inviato da: tommy781
Se Novell è scesa a patti vuole dire che Microsoft non ha tutti i torti e che in tribunale li avrebbero dissanguati, anche redhat seguirà quella strada. D'altra parte è giusto che chi investe il proprio patrimonio poi non veda di buon occhio chi lo utilizza spacciandolo per gratuito appoggiandosi alle spalle di altri.


oh mamma, e tu credi a MS? Perche'? Solo perche' ha i soldi e ti sembra piu' credibile?
Pensi davvero che i brevetti software portino all'innovazione quando e' stato ampiamente dimostrato che la frenano?
Ma informarsi prima di parlare?

Il patetico Ballmer e' da un pezzo che rompe le scatole ricattando con questi brevetti, ma se ne vede bene dal dire quali esattamente e dove sono stati violati, perche' se cosi' fosse potrebbero iniziare ad andare ad invalidarli uno per uno, visto che la maggior parte di tali brevetti (dico in generale) sarebbe da eliminare per prior art.

Ora tu stai difendendo uno che ricatta per soldi senza portare le prove.
Come se uno ti dicesse: ti ho beccato che prendevi mazzette, dammi dei soldi senno' io spargo le foto, tu gli dici di farti vedere ste foto e... NO, prima dammi i soldi.

MA LOL!
Un ricatto senza il corpo del ricatto, a casa mia si chiamano "soldi facili" e faccio anche una citazione.
Cimmo12 Ottobre 2007, 09:16 #10
Originariamente inviato da: Human_Sorrow
Basta con il "siccome è gratis possono fare tutto" ...

Utilizzare i brevetti di altri "di nascosto" è reato.

Che poi li abbiano rubati a Microsoft e che li forniscano gratuitamente agli utenti non lo rende di certo giusto.

Non siamo mica nella favola di Robin Hood...

Questo è il punto.

bye

no il punto e' che tutto questo e' FUD, patetico e' chi sta dietro alle menzogne che continuamente questo uomo perpreta per anni.
http://en.wikipedia.org/wiki/Fear%2...ainty_and_doubt

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^