Safari rischia di diventare 'il nuovo Internet Explorer'

Safari rischia di diventare 'il nuovo Internet Explorer'

Molti esperti del settore stanno esprimendo alcune perplessità sull'operato di Apple a riguardo di Safari, il browser web proprietario della compagnia di Cupertino

di Nino Grasso pubblicata il , alle 15:31 nel canale Programmi
AppleMicrosoft
 

Il web browser di Apple corre il rischio di diventare un programma obsoleto che sia gli sviluppatori che i consumatori iniziano a non considerare. La nuova riflessione parte da Ars Technica, il quale compie tutta una disamina tecnica alla base della teoria. Apple non sta aggiornando il suo browser per renderlo appetibile agli sviluppatori, non supportando direttamente alcune API oramai usate in abbondanza sul web.

Safari

Non è dovere di Apple aggiornare il proprio browser web con il supporto di tutte le API disponibili, tuttavia utilizzando una strategia lassista potrebbe placare gli entusiasmi degli sviluppatori. Decidendo questi di non supportare il browser di Cupertino per eventuali mancanze, di riflesso anche gli utenti finali potrebbero iniziare ad utilizzare altri software per la consultazione delle pagine web, rendendo Safari alla lunga una seconda scelta.

È proprio quello che lentamente è successo ad Internet Explorer, che dopo lunghissimi periodi di monopolio del mercato ha dovuto cedere il passo a Chrome che almeno nei primi momenti era decisamente più leggero, performante e, soprattutto, più preciso nel supporto agli standard. E non è un sentore che esplicita solamente Nolan Lawson di Ars Technica: anche Ben Thompson è fra quelli che esprimono perplessità sul browser Apple.

Secondo il fondatore di stratechery.com, Safari è stato negli ultimi periodi "più lento ad adottare gli standard, e in alcuni casi non li ha adottati per niente". La società, inoltre, non partecipa alle conferenze sull'argomento ed è significativo il fatto che su iOS non viene consentito l'uso di engine di rendering diversi da quello utilizzato nativamente. Insomma, Apple non si apre agli sviluppatori, rendendo loro i lavori di ottimizzazione più ostici del dovuto.

Il risultato, secondo Lawson, è che gli sviluppatori stanno lentamente allontanandosi da Safari, e così gli utenti. Le soluzioni sono pertanto due: sviluppare applicazioni native per i propri servizi (che non è molto conveniente in quanto la visibilità offerta sarebbe enormemente inferiore), oppure aspettare che Apple si adegui o contribuisca in maniera più attiva sugli standard aperti, aiutando il web e di riflesso anche il suo browser.

Ma quest'ultima opzione sembra in effetti parecchio lontana dal modus operandi in quel di Cupertino.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

60 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gpat06 Luglio 2015, 15:51 #1
Il puzzle si completa, e la strada verso la posizione da monopolista è delineata da anni. Gli analisti ne sparano tante a zero, ma qualche volta ci prendono. E purtroppo stavolta la soluzione non è facile come cliccare sul file exe di firefox...
chris19006 Luglio 2015, 15:52 #2
Non mi stupisce affatto la scelta fatta da Apple. Ormai la si conosce fin troppo bene!

A differenza dei suo colleghi (windows e linux) è molto più chiusa, anzi chiussima e nn è disposta ad aperture e cambiamenti anche minimi ma importati cosa che invece windows fa!

Scelte aziendali ognuno fa quello che vuole. Tanto apple ha meno del 5% di quota di mercato, un prodotto d'elite, quindi chi se ne frega delle sue scelte no?
acerbo06 Luglio 2015, 15:56 #3
Originariamente inviato da: gpat
Il puzzle si completa, e la strada verso la posizione da monopolista è delineata da anni. Gli analisti ne sparano tante a zero, ma qualche volta ci prendono. E purtroppo stavolta la soluzione non è facile come cliccare sul file exe di firefox...


No infatti basta clikkare due volte sul file firefox.dmg o chrome.dmg come fanno già milioni di utenti apple

Originariamente inviato da: chris190
Non mi stupisce affatto la scelta fatta da Apple. Ormai la si conosce fin troppo bene!

A differenza dei suo colleghi (windows e linux) è molto più chiusa, anzi chiussima e nn è disposta ad aperture e cambiamenti anche minimi ma importati cosa che invece windows fa!

Scelte aziendali ognuno fa quello che vuole. Tanto apple ha meno del 5% di quota di mercato, un prodotto d'elite, quindi chi se ne frega delle sue scelte no?


5% se si prende in considerazione solo il parco MAC, che poi mi sa che ormai oscilla tra il 7 e il 9, se invece ci mettiamo dentro pure iphone e ipad i dispositivi che si collegano ad internet con safari sono piu' di quelli windows
Cappej06 Luglio 2015, 16:00 #4
Originariamente inviato da: acerbo
No infatti basta clikkare due volte sul file firefox.dmg o chrome.dmg come fanno già milioni di utenti apple



5% se si prende in considerazione solo il parco MAC, che poi mi sa che ormai oscilla tra il 7 e il 9, se invece ci mettiamo dentro pure iphone e ipad i dispositivi che si collegano ad internet con safari sono piu' di quelli windows


infatti... temo che il problema sia proprio l...
pin-head06 Luglio 2015, 16:06 #5
io uso unicamente chrome anche da iPhone e iPad
nickmot06 Luglio 2015, 16:07 #6
Eh? Su OS X esiste un browser chiamato safari?

Giuro, in tutti questi anni non me ne ero mai accorto, credevo che il browser di default fosse Firefox.
gpat06 Luglio 2015, 16:07 #7
Originariamente inviato da: acerbo
No infatti basta clikkare due volte sul file firefox.dmg o chrome.dmg come fanno già milioni di utenti apple



5% se si prende in considerazione solo il parco MAC, che poi mi sa che ormai oscilla tra il 7 e il 9, se invece ci mettiamo dentro pure iphone e ipad i dispositivi che si collegano ad internet con safari sono piu' di quelli windows


Il grosso della fetta è iOS, mica OSX
Su OSX ho sempre orgogliosamente usato Chrome, che poi significa semplicemente che sono schiavo di Google anzichè Apple, e che come performance è pure inferiore... ma troppo comodo per me che sono tossico di sincronizzazione. Un giorno o l'altro troverò la voglia di passare a Firefox.
chris19006 Luglio 2015, 16:10 #8
Sui dispositivi mobili+tablet safari è in testa con il 23,86%, metre su desktop si ferma al 3,48% preceduta da chrome 9,1% firefox 11.15% ed explorer 26.92%
chris19006 Luglio 2015, 16:13 #9
Scusate ho sbagliato i dati, su desktop è in vantaggio explorer con il 56.64%, chrome 24,99 firefox 11.85 e poi safari con il 4,98%.

Su mobile+tablet safari è in prima posizione con il 41,66 chrome 32,09
acerbo06 Luglio 2015, 16:17 #10
Originariamente inviato da: chris190
Scusate ho sbagliato i dati, su desktop è in vantaggio explorer con il 56.64%, chrome 24,99 firefox 11.85 e poi safari con il 4,98%.

Su mobile+tablet safari è in prima posizione con il 41,66 chrome 32,09



https://www.netmarketshare.com/brow...amp;qpcustomd=0

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^