Rilasciato Chrome 50: fine supporto per i SO vecchi e novità nelle notifiche

Rilasciato Chrome 50: fine supporto per i SO vecchi e novità nelle notifiche

Il browser web di Google si aggiorna alla versione 50 sulle piattaforme desktop principali. Porta con sé miglioramenti soprattutto sul sistema di notifiche ed altre novità minori

di pubblicata il , alle 12:01 nel canale Programmi
Google
 

Chrome 50 è stato lanciato oggi su Windows, Mac e Linux, aggiungendo alcune novità rivolte a sviluppatori e utenti finali. Come al solito l'aggiornamento verrà praticato automaticamente se si mantengono le impostazioni predefinite del browser, ma può essere anche forzato dalle Impostazioni o scaricato manualmente sul sito ufficiale, a questo indirizzo.

Definire Google Chrome un semplice browser non è comunque corretto: con oltre 1 miliardo di utenti attivi e le sue funzionalità avanzate è una piattaforma vera e propria che gli sviluppatori non possono trascurare. Ed è per questo che molto spesso le nuove release arrivano con novità rivolte esclusivamente agli sviluppatori, ma che di riflesso poi si traducono in una migliore esperienza d'utilizzo anche per il "consumatore", che può sfruttare le potenzialità aggiunte.

Chrome

Iniziamo con cosa è stato tolto: come annunciato lo scorso novembre Chrome non supporta più le vecchie piattaforme software. Non verrà più aggiornato su Windows XP, Windows Vista, Mac OS X 10.6 Snow Leopard, Mac OS X 10.7 Lion e Mac OS XC 10.8 Mountain Lion. Ne avevamo parlato a questo indirizzo

Fra le novità troviamo una gestione più snella delle notifiche push: le app di Chrome e le estensioni supportano la possibilità di inviare notifiche in tempo reale da maggio 2010, con Chrome 5, ma la feature è arrivata per le pagine web solo su Chrome 42. Cinque release più tardi veniva tolto il Centro Notifiche perché non utilizzato, con i tasti personalizzati per le singole notifiche che sono stati introdotti su Chrome 48.

L'ultima versione rilasciata nelle scorse ore, Chrome 50, introduce la possibilità per i siti di includere il payload dei dati della notifica nel messaggio push. Questo permette di inviare il contenuto senza aver bisogno del controllo finale da parte del server, consentendo di inviare i dati della notifica contemporaneamente al messaggio. Il nuovo modello, definito Push Notification Payload e già supportato da Firefox, dovrebbe permettere di evitare i problemi che in precedenza si avevano con l'invio di più notifiche, soprattutto verso connessioni lente.

I siti possono adesso sapere quando una notifica viene chiusa dall'utente, con Chrome 50 che offre qualche strumento statistico in più che può essere utile ai gestori dei vari servizi web. Le notifiche possono inoltre essere personalizzate (sempre dai siti, non dagli utenti) con immagini, icone o suoni. L'ultima versione supporta inoltre una funzione definita declarative preload che dovrebbe permettere di ridurre il tempo di caricamento delle pagine in circostanze specifiche.

Sono presenti anche novità di minore entità, e per la sola "caccia ai bug" Google ha speso circa 17.500 dollari verso ricercatori di terze parti. Chrome 50 è in dirittura d'arrivo anche su iOS e Android, anche se la società non ha ancora ufficializzato le date esatte per il rilascio.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
emanuele8314 Aprile 2016, 12:14 #1
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
Link alla notizia: http://www.hwupgrade.it/news/progra...iche_62103.html

Sono presenti anche novità di minore entità, e per la sola "caccia ai bug" Google ha speso circa 17.500 dollari verso ricercatori di terze parti.


Click sul link per visualizzare la notizia.



Ben 17500 dollari? Mi sa che google non arriva alla fine di questo trimestre a causa di queste spese folli.
biometallo14 Aprile 2016, 12:24 #2
Originariamente inviato da: emanuele83
Ben 17500 dollari? Mi sa che google non arriva alla fine di questo trimestre a causa di queste spese folli.

No tranquillo, all'asta fallimentare la rilevo io per un dollaro.

E ora aggiorniamo...
pingalep14 Aprile 2016, 12:29 #3
cacchio togliere il supporto a snow leopar imho non è una gran mossa, un sacco di mac vecchi ma usabilissimi ma non upgradabili di gente che conosco son fermi a snow leopard. o peggio a leopard e basta. ma fanno il loro lavoro.

vabbè passeranno a opera o altri. in pochi li vedo usar safari
lemming14 Aprile 2016, 12:39 #4
Motivo in più per passare a qualcosa di meno invasivo. Se Windows XP è fuori supporto, Vista non lo è. Chi ha Vista non può passare a qualcosa di più aggiornato (rimanendo in casa MS) gratuitamente...
Italia 114 Aprile 2016, 12:46 #5
A me chrome crea problemi sul lavoro: in alcuni casi (1 finora), non mi faceva riavviare un router (il tasto "reboot" non faceva effetto, FF tutto ok); non mi permette dii usare plug-in per controllare lo stato dei dvr; non supporta e non mi apre le porte che voglio io (ad esempio la 79, idem su FF però; invia le password sbagliate (metto nome utente e password giusta, mi risponde che è sbagliata; passo ad IE, metto gli stessi dati ed entro). L'unico con cui non ho mai problemi è IE, in tutte le versioni dalla 8 in poi (compreso Edge). Purtroppo sul pc del lavoro ho XP, ma li ho installato anche FF per ovviare temporaneamente a questi problemi. Chrome sarà piu leggero, ma se blocca tutto, a breve lo tolgo
robertogl14 Aprile 2016, 14:10 #6
Pensassero ad allegerirlo invece, su Android è pesantissimo. Ci sono browser sconosciuti che occupano meno di un decimo della ram e vanno il doppio più veloci. Senza contare che occupando meno risorse non vengono chiusi dal sistema operativo...
buzzard14 Aprile 2016, 14:14 #7
Originariamente inviato da: robertogl
Pensassero ad allegerirlo invece, su Android è pesantissimo. Ci sono browser sconosciuti che occupano meno di un decimo della ram e vanno il doppio più veloci. Senza contare che occupando meno risorse non vengono chiusi dal sistema operativo...


Tipo? Io uso Chrome e non ho problemi ma mia moglie ha un cell vecchiotto a cui gioverebbe qualcosa di più leggero
futu|2e14 Aprile 2016, 14:36 #8
Originariamente inviato da: emanuele83
Ben 17500 dollari? Mi sa che google non arriva alla fine di questo trimestre a causa di queste spese folli.


In effetti hanno dei problemi di liquidità xD

Utile netto Green Arrow Up.svg $15,83 miliardi [1] (2015)
Red Dragon14 Aprile 2016, 14:38 #9
Chi USA ancora XP o vista non deve aggiornare e rimane a chrome 49 tanto per parecchio ancora funzionerà bene, il problema pero' è se si formatta il PC e si dovesse riscaricare chrome,la notifica direbbe OS incompatibile impossibile instattare chrome.
Quindi l'unica soluzione sarebbe scaricare il pacchetto completo di chrome vecchie versioni compatibili XP vista, e sinceramente ancora non ho nemmeno guardato se ci sono online dei pacchetti completi di chrome, dato che ormai quasi tutti i programmi usano l'exe solo per far partire l'installazione e poi scaricano tutto direttamente senza farti salvare nulla.
robertogl14 Aprile 2016, 15:18 #10
Originariamente inviato da: buzzard
Tipo? Io uso Chrome e non ho problemi ma mia moglie ha un cell vecchiotto a cui gioverebbe qualcosa di più leggero


Io uso UC Browser, di Chrome mi manca solo la sincronizzazione delle password ma me ne sono fatto una ragione...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^