PDF diventa ufficialmente standard ISO

PDF diventa ufficialmente standard ISO

Il formato più diffuso per la documentazione elettronica è diventato ufficialmente uno standard gestito dall'International Standard Organization

di Andrea Bai pubblicata il , alle 12:20 nel canale Programmi
 

Il formato PDF, acronimo di Portable Document Format, è ufficialmente diventato lo standard ISO 32000-1 dell'International Standard Organization. Il primo passo verso questo traguardo è stato compiuto lo scorso mese di dicembre, con l'esito positivo delle prime votazioni.

Ricordiamo che il formato PDF è originariamente stato realizzato da Adobe Systems Incorporated, che ha deciso di lasciarne il controllo nelle mani dell'ISO. L'ISO attualmente detiene le specifiche dell'attuale versione, la 1.7, e da ora in poi avrà la responsabilità di discutere e definire lo sviluppo delle eventuali future versioni.

Kevin Lynch, CTO - Chief Technology Officer di Adobe, ha dichiarato: "Rilasciando tutte le specifiche PDF all'ISO, abbiamo rinforzato il nostro impegno nell'apertura e nella standardizzazione. Le organizzazioni ed i governi a richiedono in modo sempre più insistente i formati aperti e mantenere la gestione delle specifiche PDF grazie ad un'organizazione esterna e partecipata aiuterà espandere l'ecosistema PDF che si è evoluto negli ultimi 15 anni". Aziende, enti governativi ed istituti di formazione hanno utilizzato il formato PDF nel corso degli ultimi anni per trasferire in formato elettronico la documentazione cartacea.

Il nuovo standard, il cui nome completo è "ISO 32000-1, Document management - Portable document format - Part1: PDF 1,7", è basato sulle specifiche PDF 1.7 sviluppate da Adobe ed è disponibile al costo di 370 franchi svizzeri (circa 225 Euro).

Fonte: ISO

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

21 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7703 Luglio 2008, 12:26 #1
BRAVI, BRAVI!
Ottima cosa davvero!!!
scilvio03 Luglio 2008, 12:27 #2
era ora
tmx03 Luglio 2008, 12:41 #3
wow, velocissimi! ci han messo solo... 15 anni!!! suppergiù...
vampirodolce103 Luglio 2008, 13:09 #4
Certo che invece di far pagare 225 euro potrebbero rendere le specifiche visionabili gratuitamente da chiunque.
killercode03 Luglio 2008, 13:45 #5
ormai era già uno standard, mancava solo la nomina ufficiale
Norskeningia03 Luglio 2008, 14:02 #6
anche alla ISO debbono campare, loro campano di questo. Per una software house che vuole introdurre il supporto PDF nella sua applicazione che vuoi che siano 225 euro.
peppepz03 Luglio 2008, 14:31 #7
Originariamente inviato da: tmx
wow, velocissimi! ci han messo solo... 15 anni!!! suppergiù...


Potevano fare come la Micro$oft, che corrompendo i comitati nazionali dell'iso ci ha messo molto meno a far "standardizzare" l'ooxml.
JohnPetrucci03 Luglio 2008, 14:41 #8
Originariamente inviato da: scilvio
era ora

Concordo, ma come si dice meglio tardi che mai.....
tulifaiv03 Luglio 2008, 18:55 #9
Maledetta ISO, guardate che razza di prezzi. Per chi non lo sapesse gli standard sono dei fascicoletti di carta, oppure dei documenti elettronici (guarda caso, proprio PDF mi pare ). Una vera sciagura per chi, magari studente come me, si trova a doverli consultare per qualche progetto... ma perché diavolo non sono gratuiti oppure venduti a un prezzo simbolico a titolo di rimborso spese? Che cavolo me ne faccio di uno standard (o una normativa) che non posso consultare perché costa un sacco di soldi?
k0nt303 Luglio 2008, 21:00 #10
uhm... "espandere l'ecosistema PDF"..
quindi ufficialmente hanno iniziato a colonizzare marte?
ottima notizia comunque

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^