Nuova beta di Google Chrome con novità per WebRTC

Nuova beta di Google Chrome con novità per WebRTC

La nuova beta di Google Chrome 23 implementa le API PeerConnection e thegetUserMedia per una gestione diretta delle comunicazioni audio e video dal browser

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Programmi
Google
 

La nuova versione beta di Chrome porta interessanti innovazioni relative all'ormai noto standard WebRTC - basato su JavaScript ed HTML5 - che promette di garantire comunicazioni audio e video attraverso il browser e senza l'utilizzo di plug-in di terze parti.

Con l'utilizzo delle nuove API PeerConnection e thegetUserMedia ora gli sviluppatori hanno la possibilità di utilizzare concretamente questo standard: sarà possibile creare applicazioni ad-hoc, integrare le nuove API in soluzioni già esistente e il tutto all'insegna della semplicità. L'assenza di plug-in specifici è un indubbio vantaggio, infatti con WebRTC è necessario il solo browser.

Lato utente c'è quindi maggior semplicità nel non dover cercare e installare plug-in specifici, ma anche per gli sviluppatori ci sono vantaggi importanti, infatti non dovranno più verificare che il proprio lavoro funzioni con svariate versioni di plug-in o che in occasione del rilascio di un update sia necessario rivedere implementazione e codice. Anche sul fronte della sicurezza l'assenza di plug-in è un vantaggio perché questi componenti rappresentano spesso elementi di vulnerabilità il cui aggiornamento richiede attenzione e risorse.

Tra le novità dell'ultima beta di Chrome segnaliamo anche la possibilità di gestire tracce di sottotitoli sfruttando questa funzionalità propria di HTML5: il browser è in grado di gestire in modo corretto le varie tipologie di metadata come descrizioni, capitoli oltre ovviamente ai sottotitoli. Rimanendo in ambito video segnaliamo anche la nuova MediaSource API che permette di adattare la qualità del flusso video in base alle caratteristiche del collegamento di rete: sarà così possibile evitare inutili buffering e ritardi nella riproduzione di un contenuto. Il download è disponibile a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dawid99905 Ottobre 2012, 09:20 #1
WebRTC è una cosa di cui si sentiva la mancanza davvero tanto in ambito professionale.
Tutto il mondo Unified Communication si sposterà verso questa direzione nei prossimi anni. Smetteremo di installare hardware nelle sedi dei clienti e sposteremo sia il backend che il frontend verso il cloud dove ci si potrà concentrare esclusivamente sul servizio.
Drizzt05 Ottobre 2012, 11:56 #2
Qualcuno mi spiega perche' si scrive "l'ormai noto standard WebRTC" nel momento in cui non solo NON E' UNO STANDARD, ma e' al livello di early draft ed e' gia' stato annunciato che ci saranno grossi cambiamenti e sopratutto non e' nemmeno un progetto completamente accettato?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^