Microsoft Windows Vista Service Pack 1 in beta test

Microsoft Windows Vista Service Pack 1 in beta test

Microsoft ha distribuito la prima versione beta del Service Pack 1 di Windows Vista: maggior velocità di trasferimento file, nuove opzioni di defrag e di search

di pubblicata il , alle 11:10 nel canale Programmi
MicrosoftWindows
 

Microsoft nella giornata di ieri ha rilasciato la prima release beta del service pack 1 di Microsoft Windows Vista. Per il momento solo 12000 utenti hanno potuto accedere al programma di beta test.

La disponibilità della prima release beta dell' SP1 era già stata preannunciata lo scorso mese di agosto ma solo da poche ore è possibile accedere al grosso update per Windows Vista. Al momento il service pack è disponibile in 36 lingue rilasciati attraverso 5 differenti pacchetti.

Il primo Service Pack di Windows Vista è stato distribuito in modalità standalone, comodo per installazioni multiple su vari pc, o attraverso il network Windows Update. L'installazione prevede alcuni prerequisiti da rispettare e, pare, le dimensioni del download oscillano da 51MB a 480MB a seconda di altri update da installare precedentemente al service pack.

Varie fonti web rivelano che il nuovo maxi aggiornamento Microsoft introduce interessanti miglioramenti: maggior velocità nel trasferimento di grosse cartelle, miglior gestione delle procedure di hibernate e sleep sui notebook oltre a nuove opzioni per il defrag selettivo solo su alcuni volumi.

A questo indirizzo è disponibile un'accurata descrizione del procedimento di update e delle modifiche introdotte. L'autore dell'articolo rileva che è sparito il link alla funzione di ricerca dal menù start e sono disponibili ulteriori opzioni per la gestione della funzione desktop search; tutte queste modifiche vengono giustificate con le ben note polemiche sollevate da molti sviluppatori di soluzioni di ricerca alternative.

Dailytech.com riporta che per poter utilizzare la beta 1 del service pack di Windows Vista è necessario disporre di un codice seriale valido per trenta giorni, ma Microsoft ha diffuso un apposito procedimento per riattivare il codice per massimo di tre volte.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

74 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick25 Settembre 2007, 11:13 #1
ma dico con tutti i soldi che ha la m$ invece di continuare lo sviluppo di quella ciofeca di defrag, non faceva prima ad acquistare una ditta come perfect disk e integrare il prog nell'os?
ciolla200525 Settembre 2007, 11:19 #2
In passato (Win 98) in effetti si erano affidati all'INTEL, poi con l'XP invece, all'EXECUTIVE ( i minchioni che hanno programmato l'ottimo diskeeper).

Sinceramente dovrebbero continuare ad affidarsi a loro & soprattutto aggiungere un nuovo controller nelle periferiche che "defragga" (lol *_^) in automatico , proprio come le ultime versioni del famoso software.

Il defrag di Vista non fa manco vedere l'avanzamento.... ma ce la fanno?
Lo ZiO NightFall25 Settembre 2007, 11:20 #3
Veramente il defrag di windows non è sviluppato internamente, ma viene utilizzata una versione lite del motore di Diskeeper di Executive Software, programma di cui si può dire ogni cosa, ma che sia una ciofeca... ne passa...
Deuced25 Settembre 2007, 11:23 #4
Originariamente inviato da: Rubberick
ma dico con tutti i soldi che ha la m$ invece di continuare lo sviluppo di quella ciofeca di defrag, non faceva prima ad acquistare una ditta come perfect disk e integrare il prog nell'os?


ed infatti in xp e credo anche in vista è sviluppato da executive software,non internamente.Il defrag ciofeca della microsoft c'era nelle versioni millenium,98se,98 e 95

Il defrag di vista è ottimo,pagano però la scelta di averlo voluto limitare nell'interfaccia grafica,tramite riga di comando hai tutte le opzioni che vuoi,io infatti quando ho provato vista usavo la riga di comando
samslaves25 Settembre 2007, 11:24 #5
>
ma dico con tutti i soldi che ha la m$ invece di continuare lo sviluppo di quella ciofeca di defrag, non faceva prima ad acquistare una ditta come perfect disk e integrare il prog nell'os?
<

Ma non potrebbe deframmentare i files non oltre una certa dimensione in automatico come *nix?
leptone25 Settembre 2007, 11:24 #6
I filesystems M$ sono gli unici che necessitano di defrag, negli altri fs la frammentazione raggiunge un massimo del 5%, o si autodeframmentano con l'uso. Perchè non sviluppare/comprare un fs decente. A parte la frammentazione ho sentito parlare bene di ntfs da gente + esperta di me, e anche di parte come me in quanto linuxiani convinti.
Spero innanzitutto che in futuro Vista sia più affidabile sia per gli utonti, sia per gli smanettoni. IMHO per far andare bene win-xp ci vuole un sacco di tempo, e bisogna fare/e fare attenzione a molte cose. Per no smanettoni, si tratta di perdere un po' di tempo in +, ma per gli utonti(utente medio) è un delirio tenere in ordine XP tra antivirus, malware, spyware, firewall, cookie , regisrtro di sistema , defrag, backup ecc. Secondo me è ancora lontano il giorno in cui anche un Utonto(nel senso di persona alle prime armi col PC) riesca a gestire da solo e decentemente un PC. A noi sembra facile ma non lo è.
luke325 Settembre 2007, 11:29 #7
[COLOR="Red"]Dailytech.com riporta che per poter utilizzare la beta 1 del service pack di Windows Vista è necessario disporre di un codice seriale valido per trenta giorni, ma Microsoft ha diffuso un apposito procedimento per riattivare il codice per massimo di tre volte.[/COLOR]

Che vuol dire? io ho un portatile sony comprato a marzo 2007 con vista preinstallato, posso mettere il Service pack?

che vuol dire un codice valido per 30 giorni?
luke325 Settembre 2007, 11:33 #8
Originariamente inviato da: leptone
I filesystems M$ sono gli unici che necessitano di defrag, negli altri fs la frammentazione raggiunge un massimo del 5%, o si autodeframmentano con l'uso. Perchè non sviluppare/comprare un fs decente. A parte la frammentazione ho sentito parlare bene di ntfs da gente + esperta di me, e anche di parte come me in quanto linuxiani convinti.
Spero innanzitutto che in futuro Vista sia più affidabile sia per gli utonti, sia per gli smanettoni. IMHO per far andare bene win-xp ci vuole un sacco di tempo, e bisogna fare/e fare attenzione a molte cose. Per no smanettoni, si tratta di perdere un po' di tempo in +, ma per gli utonti(utente medio) è un delirio tenere in ordine XP tra antivirus, malware, spyware, firewall, cookie , regisrtro di sistema , defrag, backup ecc. Secondo me è ancora lontano il giorno in cui anche un Utonto(nel senso di persona alle prime armi col PC) riesca a gestire da solo e decentemente un PC. A noi sembra facile ma non lo è.


Angolo dell OFF topic.

Secondo me bisogna smettere di chiamare utonti gli utenti medi, lo trovo un termine offensivo .........se io fossi un utonto me ne starei lontano da questo forum.... troviamoli un termine meno offensivo che ne dite?
leptone25 Settembre 2007, 11:53 #9
quoto luke3

sono daccordo nel non usare la parola utonto per l'utente medio. E cmq non volevo essere offensivo. Penso che la parola esista e sia newbye, italianizzato niubbo che è gia una distorione dispregiativa, ma meno di utonto
manowar8425 Settembre 2007, 11:55 #10
Originariamente inviato da: samslaves
>
ma dico con tutti i soldi che ha la m$ invece di continuare lo sviluppo di quella ciofeca di defrag, non faceva prima ad acquistare una ditta come perfect disk e integrare il prog nell'os?
<

Ma non potrebbe deframmentare i files non oltre una certa dimensione in automatico come *nix?



si più che altro un file system che ancora frammenta così tanto è un po' una vergogna... su longhorn il nuovo file system c'era ma evidentemente era troppo immaturo.
Il problema è alla radice e non implementeare un defrag migliore! HFS+ su osx ha una frammentazione minore dell'1%, ext3 non frammenta quasi per niente. Insomma è il caso di andare avanti....

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^