Microsoft, nuove clausole di licenza per evitare le class action

Microsoft, nuove clausole di licenza per evitare le class action

Il colosso di Redmond aggiorna le clausole di licenza utente per evitare che eventuali dispute possano sfociare in una causa collettiva. Favorito invece il patteggiamento privato, l'arbitrato o la conciliazione

di pubblicata il , alle 16:09 nel canale Programmi
Microsoft
 

Microsoft ha avviato un processo di aggiornamento dei termini di servizio per i propri prodotti e servizi consumer allo scopo di evitare, nel caso di dispute legali, la formazione da parte dei consumatori di cause collettive e di portare invece il confronto in arbitrato o presso un ufficio di conciliazione.

Il cambiamento nelle politiche, dettagliato in un intervento sul blog Microsoft on the Issues, sottolinea in particolare l'uso di patteggiamenti privati e di processi di concliazione come mezzo di risolvere i problemi dei consumatori, che permetterebbe così al colosso di Redmond di risparmiare parecchi milioni di dollari rispetto a quanto richiesto, ad esempio, da un regolare processo in tribunale.

Si legge sul blog: "Nel momento in cui un cliente negli Stati Uniti ha un problema con un prodotto o servizio Microsoft, molte dei nostri nuovi user agreement richiedono che, se non siamo in grado di risolvere il problema in maniera informale, il cliente porti la disputa in arbitrato o presso un ufficio di conciliazione, ma non come parte di una causa collettiva".

Le nuove politiche sono già in vigore per quanto riguarda i servizi Xbox Live, mentre altri servizi e prodotti saranno aggiornati nel corso dei prossimi mesi. Si tratta di una possibilità offerta da una sentenza della Corte Suprema nel 2011, in occasione di una disputa legale tra AT&T Mobility e Concepcion. Tale sentenza consente alle compagnie di patteggiare le dispute in forma privata o in uffici di concliazione, permettendo di evitare le cause collettive.

Microsoft dichiara inoltre di essere disposta a risolvere qualsiasi disputa in forma privata prima di andare in arbitrato, così come di offrire "generosi" rimborsi per le eventuali spese sostenute dai querelanti. Attualmente queste politiche sono riferite al mercato USA ma sarà opportuno osservare se anche nel mercato Europeo vi sarà la possibilità di trovare un modo per schivare le pericolose cause collettive.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Tatsuya29 Maggio 2012, 16:15 #1
Sono sempre i migliori....
non parlo di Microsoft in particolare di tutte quelle aziende che cercano ogni modo per non farci esercitare i nostri diritti. Se un problema è così "grave" o sentito da portare ad una class action, perchè tu dovresti impedirmelo preventivamente? Paura che i tuoi avvocati facciano fatica a difenderti contro centinaia o migliaia di persone assieme?
Raghnar-The coWolf-29 Maggio 2012, 16:18 #2
Ho visto anche nell'EULA Origin (ebbene sì, l'ho -quasi- letto).

Ovvio che in Italia non importa, tuttavia è legale fare una cosa simile?
Se hanno un minimo di buon senso gli americani è una clausula spazzatura.
elevul29 Maggio 2012, 16:18 #3
Originariamente inviato da: Tatsuya
Sono sempre i migliori....
non parlo di Microsoft in particolare di tutte quelle aziende che cercano ogni modo per non farci esercitare i nostri diritti. Se un problema è così "grave" o sentito da portare ad una class action, perchè tu dovresti impedirmelo preventivamente? Paura che i tuoi avvocati facciano fatica a difenderti contro centinaia o migliaia di persone assieme?


Concordo.
E' decisamente sbagliato che la legislazione americana permetta qualcosa del genere.
Nexial29 Maggio 2012, 16:18 #4
Mah... questa da parte di Microsoft, o qualunque altra casa che la adotti, mi sembra una bella porcata. Certo ti offrono un cospicuo rimborso delle spese legali... ma prima le devi anticipare tutte da solo. Quindi Microsoft (come qualunque altra grossa multinazionale) si può permettere avvocati carissimi, mentre tu da solo no, ergo quasi sicuramente gli avvocati MS la spuntano ed anche se non la spuntassero, tu dovresti sostenere da solo i costi legali dell'azione per mesi o anni... improponibile.

Le "cause di massa" sono l'unico modo che hanno le persone comuni di rifarsi legalmente contro le grosse corporazioni, proprio per il costo di buoni avvocati a lungo termine.

Questo tipo di clausule mi sembrano vessatorie ed anti costituzionali.
Raghnar-The coWolf-29 Maggio 2012, 16:22 #5
Ma infatti le clausole vessatorie puoi metterle quanto vuoi, ma in sede pratica vengono annullate...
Nexial29 Maggio 2012, 16:55 #6
Originariamente inviato da: Raghnar-The coWolf-
Ma infatti le clausole vessatorie puoi metterle quanto vuoi, ma in sede pratica vengono annullate...


Si ma a quanto pare, al meno in USA, questa clausola è accettata come valida... brrrrr rabbrividiamo
anac29 Maggio 2012, 16:57 #7
forse molti non capiscono che su una class action americana i soldi li fanno gli avvocati dato che si intascano qualcosa come il 50% del ricavato totale
loro dicono che se c'e' un problema al posto di rivolgersi ad un tribunale si fa la stessa cosa tramite un arbitrato che e' molto piu' rapido e permette alla M$ di risparmiarsi una botta di soldi in avvocati in conclusione se hai ragione loro ti danno il risarcimento dovuto pero non buttano via soldi per gli avvocati e nel giro di pochissimo tempo la questione viene chiusa
dovrebbero farlo anche qui in italia invece di ingrassare gli avvocati
II ARROWS29 Maggio 2012, 17:11 #8
Mesi o anni? In USA?
Guarda che è solo da noi che ci mettono così tanto.
SpyroTSK29 Maggio 2012, 17:33 #9
Originariamente inviato da: anac
forse molti non capiscono che su una class action americana i soldi li fanno gli avvocati dato che si intascano qualcosa come il 50% del ricavato totale
loro dicono che se c'e' un problema al posto di rivolgersi ad un tribunale si fa la stessa cosa tramite un arbitrato che e' molto piu' rapido e permette alla M$ di risparmiarsi una botta di soldi in avvocati in conclusione se hai ragione loro ti danno il risarcimento dovuto pero non buttano via soldi per gli avvocati e nel giro di pochissimo tempo la questione viene chiusa
dovrebbero farlo anche qui in italia invece di ingrassare gli avvocati


Qui in italia c'è anche un'altra cosa da dire, che se gli avvocati perdono la causa COMUNQUE vengono pagati, anzi, molte vengono pagati in anticipo e senza sapere cosa succederà nel dibattito.

In america invece vengono pagati solo dopo il verdetto della giuria (reati penali gravi o se il tribunale la richiedesse) oppure 3 giudici (nel caso di brevetti ad esempio) e solo nel caso che abbiano vinto la causa, mentre qui in italia, c'è solo 1 giudice che decide tutto, non è mai lo stesso che segue la causa ma cambia ogni volta che si và in tribunale (na stronzata) e gli avvocati non hanno sufficiente l'interesse di dire "ok, ho vinto la causa.

EDIT:
Come ad esempio, in italia dovrebbero dare mooooolta più attenzione a ciò che fanno gli avvocati e i giudici, se un giudice dice che GIGIO deve prendere 4 anni di galera per omicidio colposo, ci deve essere qualcuno (come una giuria) che dica "EH NO CAZZO, TU TI BECCHI L'ERGASTOLO!" e il giudice deve essere multato o radiato dall'albo.
Come ad esempio nel caso anche di Notai: se un notaio ti fà comprare una casa da 1,000,000€ a 100.000€, ti becchi una multona da XMILA € per aver dichiarato il falso, evasione fiscale e ricettazione, a lui non succede NULLA, e per NULLA, intendo N-U-L-L-A, nisba, nada, nichts, nothing, pure il notaio sapeva ed è stato pure dimostrato. (lo dico perchè è successo aI miei zii che hanno comprato una casa da 160milioni di lire 40 anni fà e invece per lo stato valeva circa 200 milioni di lire, cosa che il notaio sapeva, e gli sono arrivati da pagare 36 milioni di lire a testa così giusto per.)
Nexial29 Maggio 2012, 17:40 #10
Originariamente inviato da: anac
forse molti non capiscono che su una class action americana i soldi li fanno gli avvocati dato che si intascano qualcosa come il 50% del ricavato totale
loro dicono che se c'e' un problema al posto di rivolgersi ad un tribunale si fa la stessa cosa tramite un arbitrato che e' molto piu' rapido e permette alla M$ di risparmiarsi una botta di soldi in avvocati in conclusione se hai ragione loro ti danno il risarcimento dovuto pero non buttano via soldi per gli avvocati e nel giro di pochissimo tempo la questione viene chiusa
dovrebbero farlo anche qui in italia invece di ingrassare gli avvocati


Così ad intuizione non sono convinto che il processo sia così facile, economico ed amichevole per l'utente. Comunque disconoscendo i dettagli di tal processo non posso dire niente di definitivo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^