L'ad-blocker di Chrome in arrivo a febbraio: ecco come funzionerà

L'ad-blocker di Chrome in arrivo a febbraio: ecco come funzionerà

Sembra quasi paradossale, ma l'ad-blocker di Chrome è una realtà annunciata e confermata dalla stessa Google. Arriverà il 15 febbraio e funzionerà così

di pubblicata il , alle 16:41 nel canale Programmi
GoogleChrome
 

Chrome è di gran lunga il browser più usato al mondo e un ad-blocker nativo potrebbe cambiare drasticamente la faccia del web così come nota fino ad oggi. Ad aver annunciato la novità è stata la stessa Google a giugno, quando veniva detto che nei primi mesi del 2018 Chrome avrebbe cominciato a bloccare i banner più invasivi. Ma adesso abbiamo una data: l'ad-blocker integrato su Chrome inizierà a funzionare il 15 febbraio del 2018, data che al momento in cui scriviamo non sembra collegata a nessuna release ufficiale del browser di Google.

Chrome 64, infatti, dovrebbe arrivare il 23 gennaio mentre il successore non è previsto prima del 6 marzo. È pertanto possibile che l'attivazione dell'ad-blocker di Chrome sarà effettuata lato server, forse come di consueto in maniera graduale cominciando da un piccolo gruppo di utenti selezionati. Il "filtro" è frutto dell'adesione di Google alla Coalition for Better Ads, il gruppo che offre standard specifici sul modo in cui i banner dovrebbero essere serviti sulle pagine web. La coalizione intende bandire i banner full-screen, quelli che riproducono audio automaticamente, o quelli che cercano di catturare l'attenzione con orpelli grafici, fra i tanti.


Clicca per ingrandire

Di recente la Coalizione ha annunciato il Better Ads Experience Program, che intende fornire le linee guida agli inserzionisti per pubblicare banner considerabili accettabili: come scrivevamo prima su desktop sono da evitare i banner pop-up, quelli che riproducono audio in maniera automatica, quelli che impongono un conto alla rovescia prima di essere fatti fuori dall'utente, oppure quelli che occupano parte della pagina senza possibilità di essere eliminati. Le linee guida sono simili anche su mobile, ma qui si aggiungono i banner che hanno una densità più alta del 30% e quelli che occupano gran parte della pagina.

Google ha spiegato che i siti penalizzati dall'ad-blocker di Chrome potranno riottenere la sua fiducia: "Le violazioni degli Standard sono riportate ai siti attraverso l'Ad Experience Report, e i proprietari possono inviare il proprio sito per la riesaminazione una volta che le violazioni sono state corrette", scrive. "A partire dal 15 febbraio, in linea con le linee guida della Coalizione, Chrome rimuoverà tutti i banner dai siti che hanno lo stato "failing" nell'Ad Experience Report per più di 30 giorni. Tutte queste informazioni possono essere trovate nell'Ad Experience Report Help Center, e i nostri forum sono disponibili per rispondere a domande o ricevere feedback".

La compagnia ha spiegato in un esaustivo portale il modo in cui gli inserzionisti del web dovrebbero comportarsi per evitare il taglio dei banner. La strategia di Big G è di usare Chrome per dare un duro colpo al fatturato dei siti che utilizzano banner di scarsa qualità, sfruttando uno standard condiviso con diverse società. È inoltre da notare che un solo banner "invasivo" non sarà sufficiente per considerare lo stato di un sito come "failing", ma sarà determinante un comportamento continuato con una frequenza elevata nell'uso di banner non consentiti.

Nella prima fase verranno utilizzati i seguenti criteri per considerare un sito non conforme alle linee guida della Coalizione: il 7,5% dei banner deve essere in violazione degli standard nei primi due mesi in seguito alla data effettiva di lancio del programma; il 5% nei successivi quattro mesi, il 2,5% nei mesi che seguiranno. Una singola violazione può però provocare l'invio di un messaggio d'avviso nell'Ad Experience Report, e se rimangono diverse violazioni non corrette Chrome bloccherà tutti i banner sul sito in questione, anche quelli che rispettano le regole imposte dagli standard.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
bigdrill220 Dicembre 2017, 17:13 #1
Ho provato tutti i browser del pianeta e senza dubbio chrome è il più infettabile-batterizzabile-fracicabile... e non c'è mai stato verso di eliminarle il problema alla radice.

Tutti gli antivirus, antiroot, antianti, antiantianti, free, non free, da windows, clouds, da dos, dischi bootabili... ripristini e disinstallazioni...
NIENTE DA FARE chrome nel mio pc è rimasto una piaga risolta solo con la formattazione.

Speriamo che quest'affare sia la svolta
Mars4ever20 Dicembre 2017, 17:29 #2
Non mi capacito di come ci sia ancora gente che usa la parola "formattare" ormai nel 2018.
SpyroTSK20 Dicembre 2017, 18:01 #3
Originariamente inviato da: bigdrill2
Ho provato tutti i browser del pianeta e senza dubbio chrome è il più infettabile-batterizzabile-fracicabile... e non c'è mai stato verso di eliminarle il problema alla radice.

Tutti gli antivirus, antiroot, antianti, antiantianti, free, non free, da windows, clouds, da dos, dischi bootabili... ripristini e disinstallazioni...
NIENTE DA FARE chrome nel mio pc è rimasto una piaga risolta solo con la formattazione.

Speriamo che quest'affare sia la svolta

Eh?
µBlock Origin, Personal Blocklist e OpenDNS impostati sulla rete.
Fixed.

Su android:
Blockada e file host aggiornati (adaway).
Fixed.
Mr Resetti20 Dicembre 2017, 18:05 #4
Originariamente inviato da: Mars4ever
Non mi capacito di come ci sia ancora gente che usa la parola "formattare" ormai nel 2018.


Cosa non ti piace esattamente del termine?
dav11720 Dicembre 2017, 18:12 #5
ma veramente ancora fate i formattoni nel 2018?!?!
menomale che xp e vista sono passati da un pezzo.

Win10 va benone
bancodeipugni20 Dicembre 2017, 18:22 #6
ho ancora macchine con xp dal 2005 ad oggi: sopravvissuti agli upgrade hardware e le riparazioni più invasive: mai reinstallato niente

con w7 w8 w81 w10 e tutte le sue stramaledette build obbligate, invece
se hai agggiornato da un o all'altro e capita un problema devi ritornare indietro e rifare da capo
tempo da perdere purtroppo cosi' tanto non cene
SpyroTSK20 Dicembre 2017, 18:25 #7
Solo perchè ora si chiama "ripristino" non è che cambi il concetto

E poi comunque, io preferisco cancellare la partizione di boot e di sistema, formattarle e reinstallare il sistema ogni volta più tosto che fare il ripristino. Per svariati motivi:
1) pulizia del disco (a livello di FS)
2) sono sicuro che nel mezzo non ci siano aggiornamenti "strani" che mi possono creare "rogne".
3) creazione delle configurazioni dell'utente e os pulite.
C.po!20 Dicembre 2017, 18:52 #8
Originariamente inviato da: Mars4ever
Non mi capacito di come ci sia ancora gente che usa la parola "formattare" ormai nel 2018.


curioso..perché...?
E' corretto..tu che termine usi? cosa fai quando acquisti un novo disco per il PC..
lucusta20 Dicembre 2017, 19:43 #9
Originariamente inviato da: SpyroTSK
Solo perchè ora si chiama "ripristino" non è che cambi il concetto

E poi comunque, io preferisco cancellare la partizione di boot e di sistema, formattarle e reinstallare il sistema ogni volta più tosto che fare il ripristino. Per svariati motivi:
1) pulizia del disco (a livello di FS)
2) sono sicuro che nel mezzo non ci siano aggiornamenti "strani" che mi possono creare "rogne".
3) creazione delle configurazioni dell'utente e os pulite.


...4) fai spesso anche prima (l'ultima istallazione totale ci avro messo 10 minuti).

5) esistono comunque i backup.
Eagle_7620 Dicembre 2017, 20:08 #10

format

il vecchio e caro format c:
oramai anche se su acquista un hd nuovo si cerca di fare una migrazione del sistema con dati annessi... anche se una bella formattata a volte ė meglio. specie in presenza di ssd, il tutto è più facilitato dalla maggior velocità

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^