In Inghilterra si telefona gratis con Skype in wireless

In Inghilterra si telefona gratis con Skype in wireless

Skype e Broadreach hanno siglato un accordo che permette di utilizzare gratis Skype per telefonate via wi-fi. Servizio attivo in 350 luoghi pubblici

di pubblicata il , alle 11:52 nel canale Programmi
Skype
 
Skype e Broadreach hanno siglato un accordo che permette di utilizzare gratis Skype per telefonate via wi-fi attraverso gli hot spot collocati in 350 luoghi pubblici.

La "copertura" non è certo elevata ma il fenomeno merita comunque di essere valutato.

La connettività hot spot, ancora assai poco diffusa, è spesso accusata di essere eccessivamente costosa. La notizia odierna può essere visto come un cambiamento di vedute da parte di qualche operatore.

Lo scarso utilizzo degli hot spot e la loro ridotta diffusione sono da più parti ricondotte agli eccessivi costi del servizio; secondo alcuni analisti per far decollare veramente tale possibilità, dovrebbe essere garantito l'accesso free almeno da aeroporti, alberghi ed altri luoghi pubblici facendo rientrare la connettività wireless nelle "spese generali di gestione", un po' come l'ascensore al centro commerciale o l'aria condizionata in albergo!

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dnarod04 Marzo 2005, 12:01 #1
ottimo direi....magari in aeroporto dove lavoro fosse cosi
Johnny504 Marzo 2005, 12:20 #2
In effetti credo che a parte l'investimento (per altro relativamente modesto) di installazione di un network wifi la fornitura di accesso pubblico non dovrebbe avere costi di gestione particolarmente esosi, sicuramente meno che la manutenzione anche solo di due o tre ascensori.

Come tante altre volte, la fase iniziale di una nuova (neanche tanto ormai...) tecnologia sta venendo soffocata dagli eccessivi lucri che vogliono farci sopra...
Carpix04 Marzo 2005, 14:03 #3
Ragazzi mi piace questo progetto ma penso che attuarlo in italia sarebbe molto difficile.
Secondo il mio parere.
JohnPetrucci04 Marzo 2005, 20:36 #4
Originariamente inviato da Carpix
Ragazzi mi piace questo progetto ma penso che attuarlo in italia sarebbe molto difficile.
Secondo il mio parere.

Più che difficile direi impossibile.
Anche se venisse adottato, prima o poi passerebbe da gratis a pagamento.
aLLaNoN8104 Marzo 2005, 21:02 #5
in italia tutti vogliono "fare i soldi", quindi non credo che verrà mai offerto un servizio gratis... non permettono più di mandare sms free da internet, figurarsi di navigare wi-fi gratis
Kvochur05 Marzo 2005, 12:08 #6
Ovviamente tutti vogliono far soldi, ma spesso questa politica e' un po' miope.

Un servizio di WiFi a pagamento attira pochi clienti; la maggior parte della gente non sa nemmeno cos'e' e anche quelli che lo sanno non sono tipicamente disposti a pagare (eccetto superappassionati oppure professionisti), ma IMHO un servizio gratuito puo' contribuire, ad esempio in un albergo, a rubare clienti alla concorrenza (ovviamente a parita' di servizi,zona e prezzi). Anche perche' le voci si diffondono e sebbene molta gente non sappia nemmeno cosa sia la WiFi, molti si ritrovano ad averla senza nemmeno saperlo (vedi tutti i Centrino che sono stati venduti nell'ultimo anno...), e quando un servizio e' gratuito le voci si diffondono, e molta gente impara in fretta dall'amico piu' esperto.

Ne ho la prova all'universita'...vi assicuro che molta gente sapeva a mala pena cosa fosse una WiFi e ben pochi si portavano il notebook dietro (pur magari possendendone uno, perche' con la diminuzione dei prezzi cominciano ad esserci molte persone NON appassioante di computer che hanno acquistato un notebook al posto del desktop, per ragioni di ingombro)
Ebbene da quando hanno installato la WiFi la gente con i notebook lungo i corridoi si e' moltiplicata come minimo di un fattore 10

Penso che il maggior afflusso di clienti in un albergo basterebbe ampiamente a ricompensare i minimi costi,
oltretutto non bisogna certo offrire connettivita' veloce, personalmente lascierei porte aperte solo per l'utilizzo del web e mail, in modo da chiudere ogni possibile utilizzo da parte di aspiranti piratozzi e soprattutto ciuccia-banda

Personalmente sarei gia' uno di quei clienti che in vacanza preferirei un albergo piuttosto che un altro, in caso vi fosse la presenza di una WiFi gratuita.
Se infatti fosse a pagamento, non la prenderei in considerazione: mi direi "sono in vacanza, non e' che mi serve anche qui internet". Tuttavia se e' gratis, un'occhiata alle notizie prima di andare a letto xhe' no
deck06 Marzo 2005, 21:37 #7

Infatti...

qui al politecnico di torino ogni tanto passando vedo che le panchine sono piene di gente con il notebook...peccato che l'altro giorno all'aeroporto di caselle (o era roma...) e il sistema mi ha chiesto di identificare il mio account (a pagamento) Aruba. al poli l'unico servizio attivo è quello web: non è neanche possibile leggere la mail! Una limitazione che si fa sentire...ma è troppo comodo poter leggere le notizie o scaricare materiale didattico direttamente dall'aula studio...Guardo con ottimiiiismo ad un futuro in cui tutta la città sarà cablata...peccato ci sia molto ancora da fare...
dnarod07 Marzo 2005, 11:26 #8
anche io trovo molto gustosa l idea di tutta la citta cablata, peccato pero che mi preoccupi in egual misura per le onde che questa soluzione produrrebbe; non vorrei fra 10 anni avere il cervello che si interfaccia direttamente col pc a forza di farmi rimbarlzare segnali wlan che passano muri portanti di cemento armato!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^