Il negativo digitale di Adobe stenta a decollare

Il negativo digitale di Adobe stenta a decollare

Adobe non si dichiara preoccupata per il tiepido successo del suo DNG

di pubblicata il , alle 08:57 nel canale Programmi
Adobe
 

Adobe ha presentato qualche tempo fa il formato Digital Negative (DNG) che, secondo i progetti della società, dovrebbe portare ad una vera e propria rivoluzione nel campo dei formati per le immagini. Il nuovo formato si prefigge di divenire uno standard nella moltitudine di file Raw, ovvero creati dalla fotocamera digitale e non compressi come avviene nel caso di scatti in JPEG.

Il formato DNG quindi dovrebbe offrire le migliori garanzie di qualità poichè non vengono introdotti processi di compressione e di manipolazione. Il formato promosso da Adobe inoltre offre buone garanzie anche sul fronte dell'archiviazione e della possibilità di poter accedere e fruire di contenuti senza essere vincolati a specifiche proprietarie.

In realtà il mondo della fotografia digitale ha accolto il DNG in modo tiepido e non si può al momento parlare di massiccia adozione da parte degli utenti e dei costruttori di fotocamere. Adobe, come si legge in questo pezzo pubblicato da News.com, non si dichiara preoccupata.

In merito al DNG e alla sua possibile massiccia adozione vi sono pareri discordanti infatti secondo alcuni le tecnologie di manipolazione legate a tale formato RAW non sarebbero standardizzate tra i vari produttori e il vantaggio della tecnologia proposta da Adobe sarebbe solo parziale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

11 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor21 Novembre 2006, 09:31 #2
un po' come se, 15 anni9 fa, avessero detto "abbandonate il jpg, perchè non è sicuro che ci sia continuità nella gestione di quel formato... ve lo do io il formato giusto!"

no no, un formato simile non ha senso di esistere, anche perchè i raw che escono dalle macchine digitali hanno caratteristiche fortemente legate all'output del sensore stesso... e siccome ogni azienda ha il suo tipio di sensore, difficile che l'output possa essere reso omogeneo senza ulteriori conversioni (con rischio di perdita di caratteristiche peculiari e con tempi di elaborazione più lunghi...)

io mi tengo il mio raw canon e vivo più che felice
MiKeLezZ21 Novembre 2006, 09:43 #3
Standardizzare il .raw è un'utopia, dato che è un formato che deriva dall'architettura interna della fotocamera, che giocoforza è diversa da produttore a produttore
Significherebbe, o standardizzare l'output delle fotocamere, o attuare una ulteriore conversione da .raw, che a questi punti .raw più non sarebbe...
teod21 Novembre 2006, 10:28 #4
Quando e se rivoluzioneranno Photoshop (o Lightroom) in modo da gestire un DNG esattamente come una qualsiasi immagine TIFF o JPEG (gestione layer ecc.), con la possibilità di salvare tutte le modifiche nello stesso file senza alcuna perdita di informazioni e con la possibilità di tornare all'originale (tipo file PSD insomma) allora avrà un senso; per ora non ne ha a mio avviso.
Ciao
Mobi_8221 Novembre 2006, 11:40 #5
Originariamente inviato da: teod
Quando e se rivoluzioneranno Photoshop (o Lightroom) in modo da gestire un DNG esattamente come una qualsiasi immagine TIFF o JPEG (gestione layer ecc.), con la possibilità di salvare tutte le modifiche nello stesso file senza alcuna perdita di informazioni e con la possibilità di tornare all'originale (tipo file PSD insomma) allora avrà un senso; per ora non ne ha a mio avviso.
Ciao


Perchè salvare il DNG in PSD non andrebbe bene?
Il DNG è un negativo digitale, secondo me non ha senso andare oltre quello che permette la finestra di dialogo per i file RAW in cui si modifica il bilanciamento del bianco, il gamma, lo sharpening, ecc...
teod21 Novembre 2006, 11:48 #6
Originariamente inviato da: Mobi_82
Perchè salvare il DNG in PSD non andrebbe bene?
Il DNG è un negativo digitale, secondo me non ha senso andare oltre quello che permette la finestra di dialogo per i file RAW in cui si modifica il bilanciamento del bianco, il gamma, lo sharpening, ecc...


Perché PSD è un'immagine, DNG no... tocca sempre tenere 2 file e per cambiare un bilanciamento del bianco o altri parametri che solitamente si cambiano in RAW; sarebbe bello poter riprendere le modifiche anche fatte sul RAW esattamente come si fa con le modifiche fatte su un TIFF o su un PSD senza avere 3 copie di una stessa immagine.
Ciao
Mietzsche21 Novembre 2006, 22:08 #7
Ma qualcuno sa cosa c'è esattamente memorizzato in un Raw? Per me significava semplicemente non compresso e non capivo la differenza con una BMP. Non vedo però cosa si possa memorizzare che non sia già memorizzabile in una BMP + un'eventuale exif per le info sull'esposizione.
teod21 Novembre 2006, 22:25 #8
Originariamente inviato da: Mietzsche
Ma qualcuno sa cosa c'è esattamente memorizzato in un Raw? Per me significava semplicemente non compresso e non capivo la differenza con una BMP. Non vedo però cosa si possa memorizzare che non sia già memorizzabile in una BMP + un'eventuale exif per le info sull'esposizione.


Un BMP (o JPEG o TIFF ecc.) contiene i dati di un'immagine (ogni singolo pixel è catalogato per colore e posizione); un RAW non è un'immagine, ma un insieme di dati rilevati da un sensore.
Per diventare immagine RAW deve passare attraverso un software che traduce il flusso di dati proveniente dal sensore (toglie i pixel morti mappati nella macchina, applica il bilanciamento del bianco, demosaicizza il segnale, aumenta la nitidezza ecc.).
Ciao
jappilas21 Novembre 2006, 22:29 #9
Originariamente inviato da: Mietzsche
Ma qualcuno sa cosa c'è esattamente memorizzato in un Raw? Per me significava semplicemente non compresso e non capivo la differenza con una BMP. Non vedo però cosa si possa memorizzare che non sia già memorizzabile in una BMP + un'eventuale exif per le info sull'esposizione.
i dati grezzi presi direttamente al sensore e non ancora sottoposti a demosaicing, denoising e processing che il processore della digicamera opera direttamente per ottenere un' immagine RGB da salvare come TIFF o JPG

considera che in un sensore gli elementi fotosensibili non sono triplette RGB, ma forniscono ciascuno il valore di una sola componente cromatica, per via del pattern di microfiltri dietro a cui sono posti
Mietzsche22 Novembre 2006, 09:01 #10
Grazie! In effetti il problema di compatibilità tra un raw e l'altro sta soprattutto nel come memorizzare i setting della macchina che dovranno essere applicati ai dati per ottenere l'immagine. Cmq credo che una volta definito uno standard tipo questo di adobe, magari sovrabbondante in quanto a campi settings, basti un firmware per le varie srl per implementarne il supporto: certo come detto dovrà essere in grado di conservare tutte le info che i vari produttori hanno finora implementato nei rispettivi raw.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^