Enel e connettività a banda larga

Enel e connettività a banda larga

Enel.it sta sviluppando un progetto di connettività internet sfruttando come mezzo trasmissivo la rete elettrica, la cui capillarità non ha certo rivali!

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 11:01 nel canale Programmi
 



Enel.it, società di informatica e telematica del gruppo Enel, sta sviluppando un progetto di connettività internet sfruttando come mezzo trasmissivo la rete elettrica.
L'idea di fondo non è certo innovativa e ripercorre esperienze del passato basate sul principio fisico delle onde convogliate, grazie alla quale è possibile far "convivere" segnali ad elevata frequenza (dati) con la tensione di rete. La grossa e fondamentale innovazione è sul fronte della tecnologia applicata che può sfruttare gli ultimi algoritmi per la modulazione e demodulazione dei segnali.
Le caratteristiche tecniche della connettività sono molto interessanti, la tecnologia Power Line attuale consente di portare all'interno delle abitazioni flussi da 2 fino a 10 Mbits; un dato ragguardevole, anche in relazione alle più recenti offerte ADSL.

Questa connettività non può essere paragonata con i più recenti progetti basati su fibra ottica, ma a questo punto è necessario fare una riflessione di fondo: dove realmente ed obiettivamente verrà cablata la fibra ottica? solo in quelle aree dove l' investimento avrà un adeguato ritorno. Dove è distribuita l'energia elettrica? Ovunque.
Ecco il vero punto di forza del progetto di Enel: disporre da subito di una rete capillare e distribuita su tutto il territorio nazionale, fino nelle zone più remote ed isolate. La grossa sfida di Enel è nel creare la tecnologia necessaria allo sfruttamento di questo potenziale.

In Italia esistono due progetti pilota a Grosseto (entro fine anno 5000 utenze cablate). In Europa esperimenti simili sono in corso in Germania e a breve partiranno in Spagna.
La tecnologia Power Line è basata su linee guida comuni, quindi il processo della standardizzazione (dispositivi e applicazioni) dovrebbe essere garantito, anche se al momento attuale la tecnologia è proprietaria.

Fonte: CWW.it

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^