Digital Puppetry per discutere la tesi

Digital Puppetry per discutere la tesi

Ieri, presso l'Università La Sapienza di Roma, due laureandi della facoltà di Architettura hanno discusso la loro tesi utilizzando la tecnologia Digital Puppetry. Grazie a questa tecnologia, i due laureandi hanno comandato, come dei moderni burattinai, degli avatar virtuali

di pubblicata il , alle 08:34 nel canale Programmi
 

Ieri, presso l'Università La Sapienza di Roma, due laureandi della facoltà di Architettura, Matteo Loddo e Alessandro Ciaralli, hanno discusso la loro tesi utilizzando la tecnologia Digital Puppetry.

La tecnologia Digital Puppetry a differenza delle tradizionali animazioni, che consentono solamente possibilità espressive e di movimento predefinite, permette ad un personaggio 3D di essere animato in real-time e di fare qualsiasi cosa venga in mente al suo "animatore". Grazie alla combinazione con la tecnologia Motion Capture, già utilizzata in alcuni film (ricordate Gollum de "Il Signore degli Anelli"?), il personaggio viene controllato direttamente dai movimenti di chi lo gestisce, consentendo il controllo del corpo, delle mani, delle dita, dell'espressività del volto e tutto il resto. Il personaggio virtuale, infatti, viene "mappato" tramite sofisticati sensori su una persona reale.

Durante l'evento i due laureandi hanno comandato, come dei moderni burattinai, degli avatar virtuali, mettendo in evidenza l'inedita modalità di interazione con il pubblico e la commissione d'esame. Per realizzare l'impresa sono stati utilizzati dei dispositivi sofisticatissimi per la cattura dei movimenti e delle stazioni grafiche 3D dedicate.

L'esperienza, realizzata grazie a The Pool Factory, in partnership con il gruppo di Bioingegneria dello IUSM di Roma e con la collaborazione di Aurion srl di Milano, spalanca nuovi orizzonti di applicazione per questa tecnologia: l'innovativo uso in tempo reale, finora mai utilizzato, apre nuove possibilità in campo televisivo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Fx22 Novembre 2007, 09:08 #1
che io sappia, senza nulla togliere, non è una novità assoluta l'uso del motion capture e del rendering in real time

se poi circoscriviamo la cosa alla discussione della tesi, sicuramente lo è =)
NME22 Novembre 2007, 09:12 #2

IMHO

Sapete come si dice qui a Napoli?!
A mè, m par na strunzat! A me, sembra una stupidaggine!

Mi chiedo se alla fine l'hanno discussa la tesi...
Paganetor22 Novembre 2007, 09:13 #3
oh mamma...
dsajbASSAEdsjfnsdlffd22 Novembre 2007, 09:43 #4
molto bello e decisamente figo, ma quoto FX. mi pare di ricordare almeno un paio di applicazioni televisive, viste sulla rai, di questa tecnologia. neanche tanto recenti se devo essere sincero.

magari sbaglio ed erano prerender. in quel caso, complimenti agli animatori, davvero non sembrava
Yokoshima22 Novembre 2007, 09:43 #5
Mi sto immaginando l'attempato docente di facoltà con la tutina...
j_c_maglio22 Novembre 2007, 09:52 #6
non colgo il nesso con l'architettura....
redsith22 Novembre 2007, 09:54 #7
La tecnologia Digital Puppetry a differenza delle tradizionali animazioni, che consentono solamente possibilità espressive e di movimento predefinite, permette ad un personaggio 3D di essere animato in real-time e di fare qualsiasi cosa venga in mente al suo "animatore".

E' esattamente il contrario.
L'animazione a mano consente di fare qualsiasi cosa, il mocap è molto limitato. Se dovete animare un drago che vola che fate? Mettete la tutina a un'iguana e la lanciate in aria?
Inoltre tutti i film di hollywood che utilizzano mocap lo usano solo come punto di partenza grezzo. Quei dati vanno passati agli animatori che li rendono guardabili.
Scusate, ma questo è il mio lavoro e non posso sentire certe cose...
Cionno22 Novembre 2007, 10:18 #8
nemmeno io colgo il nesso con l'architettura.... è come se io da ingegnere decidessi di discutere la tesi facendo un balletto in tutù
BrightSoul22 Novembre 2007, 10:28 #9
Originariamente inviato da: redsith
Inoltre tutti i film di hollywood che utilizzano mocap lo usano solo come punto di partenza grezzo.


quoto. Per dare una certa espressività ai volti digitali vanno fatti dei ritocchi a mano, penso che sia difficile ottenere lo stesso risultato con il solo motion capture.

A meno che all'attore non vengano posti centinaia di sensori sulla faccia. Tipo Hellraiser... ma di più!
matte.m22 Novembre 2007, 11:23 #10
mmm, dalla foto sembra usino sistemi di rilevamento ottici basati su marker riflettenti...

la nuova evoluzione dei sistemi di mappatura 3d è questa
http://www.xsens.com/moven

usato in parte per la mia tesi...

bluetooth e senza telecamere.. mooolto + comodo

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^