Debian: la comunità di sviluppatori litiga

Debian: la comunità di sviluppatori litiga

Ritardi nel rilascio di Debian Etch e il motivo è forse da ricollegare a dissapori interni tra gli sviluppatori

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 14:22 nel canale Programmi
 

Come spesso comunemente si dice "tra amici i problemi iniziano quando ci si mettono di mezzo i soldi". Potrebbe essere questa la morale di fondo in merito al progetto Debian.

Una nuova release,nome in codice Etch, dell'apprezzata e diffusa distribuzione Linux doveva essere rilasciata lo scorso 4 dicembre ma tale appuntamento è stato disatteso. La Debian Etch pur restando nella condizione "frozen" non è ancora stata definita stabile e quindi distribuita attraverso i consueti canali.

Nelle ultime ore varie fonti di informazione hanno riportato alcune indiscrezioni relative alle cause di tale ritardo. Secondo ZDNet.com, anche se la tesi è condivisa da altri organi di informazione, all'interno della comunità di sviluppatori vi sarebbero malumori e problemi il cui effetto sarebbe appunto un minor impegno con conseguente ritardo.

Il problema di fondo è secondo alcuni da ricondurre al progetto Dunc-Tank.org attuato al fine di portare finanziamenti al progetto Debian. Questi soldi servirebbero per garantire a Barth e Steve Langasek, gli attuali release manager di Debian, uno stipendio mensile che permetterebbe loro un continuativo impegno. Alcuni sviluppatori vedono negativamente questa soluzione perchè di fatto si creano due classi all'interno della comunity: una pagata e una che effettua gratuitamente il proprio lavoro.

Barth però non accetta le critiche e aggiunge che le motivazioni sono da ricercare altrove anche se non ha fornito ulteriori dettagli. Va segnalato che il progetto Debian è ben noto per la propria lentezza e staticità, caratteristica che per altro è da ricondurre al particolare iter di rilascio. Questi ritardi tempo fa indussero Mark Shuttleworth ad impegnarsi nella creazione di Ubuntu, ma progetti i progetti derivati da Debian sono molteplici.

Tralascinado le problematiche e i conflitti interni a Debian.org va rilevato che ad oggi non esiste una roadmap precisa in merito al rilascio stable di Debian Etch.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

102 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
EddieIng20 Dicembre 2006, 14:32 #1
[...]Questi soldi servirebbero per garantire a Barth e Steve Langasek, gli attuali release manager di Debian.[...]

cosa?

[...]ad impegnarsi nella creazione di Ubuntu, [U]ma progetti i progetti[/U] derivati da Debian sono molteplici.[...]

eh?

hfish20 Dicembre 2006, 14:36 #2
almeno una rilettura prima della pubblicazione sarebbe apprezzata... gli errori di battitura non si contano...
LCol8420 Dicembre 2006, 14:39 #3
Non si capisce una bega
Sig. Stroboscopico20 Dicembre 2006, 14:41 #4
E' che la versione definitiva dell'articolo è legata alla nuova uscita Debian.

Comunque, se due persone si dedicano a tempo pieno o parziale alla release, qualcosa gli deve essere riconosciuta per mangiare e per le spese vive. Altrimenti è difficile trovare qualcuno che ti faccia bene il lavoro, siamo tutti umani.

Speriamo che si mettano daccordo.
PhirePhil20 Dicembre 2006, 14:41 #5
più che l'onor poté il digiuno...
cagnaluia20 Dicembre 2006, 14:44 #6
secondo me è il grosso tallone d'achille delle comunità... quello di non riuscirea mettere daccordo tutte le parti quando un progetto è in fase avanzata/importante di sviluppo.
black-m0120 Dicembre 2006, 14:47 #7
Tralasciando gli errori già segnalati nel post precedente (forse problemi nella traduzione da articoli in lingua inglese), vorrei porre in chiaro una cosa che sembra sfuggire al redattore. E non vorrei che questo portasse in errore i numerosi lettori del sito.

Debian (e non "Debian.org"...) è da manifesto, ormai da più di 12 anni dalla fondazione del progetto, rilasciata quando è pronta.

Dunque non esiste, né è mai esistita una data di rilascio da rispettare. Proprio perché il progetto Debian si è da sempre posto l'obiettivo di produrre sistemi pressocchè privi di bug, stabili e sicuri.

Non a caso Debian è il sistema più usato come base per altri sistemi operativi, oltre ad essere il sistema per definizione per server Web, posta, e per ottime workstation.

"va rilevato che ad oggi non esiste una roadmap precisa in merito al rilascio stable di Debian Etch."

Né mai ci sarà. Debian rilascia quando è pronta.
KiDdolo20 Dicembre 2006, 14:51 #8
Originariamente inviato da: EddieIng][...]Questi soldi servirebbero per garantire a Barth e Steve Langasek, gli attuali release manager di Debian.[...]

cosa?
[/quote]
mbò
[...]ad impegnarsi nella creazione di Ubuntu, [U]ma progetti i progetti[/U] derivati da Debian sono molteplici.[...]

eh?




io la leggo come
[...]ad impegnarsi nella creazione di Ubuntu, [U]ma i progetti[/U] derivati da Debian sono molteplici.[...]

PhirePhil20 Dicembre 2006, 14:51 #9
si, ma il fatto che gli sviluppatore abbiano di fatto incrociato le braccia a causa dell'idea di retribuire i release manager è rimbalzata su parecchie testate specializzate...
il fatto che non esista una roadmap è un discorso, ma qui il "bug" non è nel codice
black-m0120 Dicembre 2006, 14:51 #10
"secondo me è il grosso tallone d'achille delle comunità... quello di non riuscirea mettere daccordo tutte le parti quando un progetto è in fase avanzata/importante di sviluppo."

Mettere d'accordo tutte le parti significa forzare una stessa idea su tutti. No grazie.
La pluralità e la decentralizzazione sono il maggior punto di forza dell'innovazione, e quindi del centro di questo, il Software Libero.

L'innovazione avviene per evoluzione, non per "date di uscita ufficiali". Quelle lasciale agli omini incravattati.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^