Chrome più veloce grazie alla nuova bf cache: ecco come funziona, vantaggi e svantaggi

Chrome più veloce grazie alla nuova bf cache: ecco come funziona, vantaggi e svantaggi

Il browser di Google si completerà con una nuova funzione di cache che consentirà un caricamento più rapido ed efficiente delle pagine appena visitate. Ecco come funzionerà

di pubblicata il , alle 16:41 nel canale Programmi
GoogleChrome
 

Una nuova funzionalità di Google Chrome potrebbe rendere più veloce la navigazione fra le pagine web appena visitate, grazie al salvataggio per intero delle stesse. Il browser potrebbe immagazzinarne infatti tutti i contenuti, fra cui gli stati JavaScript, mantenendoli all'interno della memoria di sistema anche quando si è passati ad una nuova pagina.

Mantenendo la pagina web nella sua interezza all'interno della memoria RAM, il browser può caricare in maniera pressoché istantanea la pagina precedentemente visitata senza aver la necessità di scaricare nuovamente i dati dai server e senza dover rielaborare i vari elementi. Ad oggi la feature esiste già in maniera prototipale, e due video della stessa (su desktop e smartphone) sono stati mostrati sul sito Google Developers.

La feature è nota adesso come bfcache, ovvero back/forward cache, e punta a migliorare l'esperienza di navigazione soprattutto su smartphone e tablet. Secondo i dati rilasciati da Google la navigazione verso pagine visitate in precedenza consiste nel 19% di tutte le esperienze di navigazione nel mobile, e potrebbe offrire vantaggi sia in termini prestazionali, sia in termini di efficienza e consumo di banda quando si è in giro.

Si tratta comunque di una feature già presente su altri browser, come ad esempio Safari e Firefox per citarne alcuni, tuttavia Google sottolinea come nella sua implementazione ci siano alcune differenze che permettono a Chrome di sfruttare la bfcache su un numero di siti più consistente rispetto ai software concorrenti. È chiaro che con bfcache le prestazioni aggiuntive arriveranno con un sacrificio in più in termini di consumo di RAM.

Gli sviluppatori stanno al momento creando delle regole che contribuiranno a diminuire l'impatto della funzionalità sulla memoria di sistema, decidendo ad esempio in quali circostanze mantenere le pagine in memoria o meno. Ci saranno alcune situazioni in cui Chrome non permetterà il salvataggio in RAM delle pagine web, sia per limitata compatibilità delle tecnologie utilizzate, sia per non compromettere la privacy dell'utente.

C'è da dire, però, che Chrome non vedrà la nuova feature ancora per molto tempo, almeno nei canali stabili di rilascio: stando ai piani attuali della compagnia la bfcache arriverà su Chrome non prima del 2020. Google sta cercando di migliorare le prestazioni del suo browser e, oltre alle feature già implementate, ha diversi progetti in cantiere: ad esempio la Never-Slow Mode di cui avevamo parlato in precedenza, o lazy loading.

A queste si aggiungerà la bfcache, orientata soprattutto ai dispositivi ultra-portatili. La fase di test verrà accelerata nei prossimi mesi del 2019, e in questo periodo gli sviluppatori web avranno la possibilità di ottimizzare le proprie pagine web in modo che siano compatibili sia con l'implementazione di Chrome, sia con quella delle altre soluzioni presenti sul mercato.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
JoJo01 Marzo 2019, 17:31 #1
È chiaro che con bfcache le prestazioni aggiuntive arriveranno con un sacrificio in più in termini di consumo di RAM.


Tanto oggigiorno i browser non consumano niente in quanto a RAM. Con 8GB a momenti non parte manco il processo principale!
emiliano8402 Marzo 2019, 12:49 #2
Il tutto con un consumo di risorse SOLO doppio
diegot04 Marzo 2019, 09:56 #3
ma con le linee che abbiamo oggi, veramente serve tutta sta cache?
sna69604 Marzo 2019, 13:00 #4
@diegot: trasmettere il dato ha un costo, se questo dato è già presente il tuo dispositivo non deve fare richiesta attraverso la linea, nessun server deve nuovamente risponderti, l'autonomia beneficia dato che il modem non deve trasmettere/ricevere nulla, il tuo eventuale piano dati non ne risente e non contribuisci a nessuna forma di potenziale congestione della linea. Tutto vantaggio

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^