Chrome 64 disponibile su Windows, Mac e Linux: ecco le novità

Chrome 64 disponibile su Windows, Mac e Linux: ecco le novità

Google ha iniziato la distribuzione di Chrome 64, l'ultima release del browser web, per le piattaforme più diffuse in circolazione

di pubblicata il , alle 11:41 nel canale Programmi
GoogleChrome
 

È appena stato avviato il roll-out di Chrome 64, l'ultima versione del browser di Google. La nuova release sarà disponibile per tutti gli attuali utenti nel giro di pochi giorni attraverso la distribuzione automatica del browser, con l'aggiornamento che può essere forzato anche manualmente dalle Impostazioni. Tutti coloro che scaricheranno Chrome dal sito ufficiale per l'installazione da zero riceveranno a partire da oggi la versione 64, con tutte le novità introdotte in questa versione.

Fra le più importanti segnaliamo i fix per le vulnerabilità legate a Meltdown e Spectre, ma anche un pop-up blocker avanzato che, stando a quanto proclamato da Google, ridurrà drasticamente l'abuso di pop-up di alcuni siti web, che tentano di aprire nuove tab o nuove finestre che portano a pagine web non desiderate dall'utente. Chrome 64 dovrebbe ridurre l'efficacia di siti con overlay trasparenti, tasti play fittizi posizionati furbescamente, ed elementi fuorvianti di varia natura.

Come già annunciato in precedenza dal team di sviluppo di Chrome, i video proposti in riproduzione automatica dai vari siti web sono disabilitati di default, anche se la regola arriva con alcune eccezioni. I video in riproduzione automatica sono infatti accettati se proposti con l'audio silenziato, se non presentano una traccia sonora, o se l'utente presenta interesse nel suo contenuto. In aggiunta, gli utenti possono adesso silenziare un sito dalle impostazioni della pagina.

Per farlo bisogna premere col destro sul tasto a sinistra della casella di inserimento dell'URL e poi alla voce "Suono" impostare l'opzione come meglio si preferisce. Un'altra feature molto interessante è il nuovo sistema integrato di protezione contro gli auto-redirect malevoli, la prima di una serie di funzioni che arriveranno nel prossimo futuro all'interno di un piano progettato per aumentare la sicurezza nella navigazione con il browser di Big G.

La novità consente di rimanere in ogni caso nella pagina desiderata, con tutti i redirect originati da iframe di terze parti che verranno introdotti in una barra informativa, senza venire eseguiti. Con Chrome 64, inoltre, gli utenti che usano Windows 10 Fall Creator Update con schede video compatibili con lo standard HDR potranno eseguire video HDR sul browser. Chrome 64 è disponibile su Windows, Mac e Linux, e può essere scaricato dal sito ufficiale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^