Chrome 42 disponibile: le notifiche push arrivano adesso anche a sito spento

Chrome 42 disponibile: le notifiche push arrivano adesso anche a sito spento

Google ha lanciato oggi Chrome 42 per Windows, Mac e Linux con nuovi tool per gli sviluppatori, aggiornamenti di sicurezza e la possibilità di ricevere le notifiche push anche se si chiude il sito d'interesse

di pubblicata il , alle 11:21 nel canale Programmi
Google
 

Chrome è molto più di un browser. Potremmo definirlo una piattaforma con la quale accedere ad una serie di funzionalità accessorie tipiche dei sistemi operativi. Attraverso il software possiamo eseguire applicazioni, aggiungere estensioni per migliorare l'esperienza del web e, con l'ultima versione 42 resa pubblica ieri, è stato aggiunto il supporto alle native push notification. Vediamo di che si tratta.

Google Chrome

Chrome 42 offre due nuove API, Push API e Notifications API, che insieme permettono ai siti di inviare notifiche ai propri utenti anche quando quella specifica pagina web è chiusa. Come aveva già annunciato Google, la funzionalità non sarà invasiva in quanto il browser chiederà il permesso per la ricezione delle notifiche da ogni singolo sito. Inoltre, la società richiede che in ogni notifica ci sia un collegamento alle impostazioni del sito con cui disabilitare rapidamente la funzionalità.

Google continua a rimuovere progressivamente il supporto ai plug-in che fanno uso della Netscape Plugin Application Programming Interface (NPAPI). Su Chrome 40 tali plug-in erano bloccati di default, anche se potevano essere visualizzati con un'opzione apposita, mentre sulla versione più recente il supporto è del tutto disabilitato. Google ha inoltre iniziato a non pubblicare più su Chrome Web Store estensioni che richiedono gli stessi plug-in per il loro funzionamento.

Gli utenti più navigati possono comunque attivare la funzionalità, ma si tratta di un permesso che Google darà fino al settembre 2015, data in cui tutti gli sviluppatori dovranno uniformarsi ai nuovi standard. Fra alcuni mesi, infatti, Google rimuoverà tutte le soluzioni alternative, rimuovendo permanentemente il supporto alle NPAPI su Chrome. A partire da settembre, tutte le estensioni e i siti che fanno uso delle NPAPI non verranno caricati sul browser di Google.

La nuova build 42 integra inoltre alcune ottimizzazioni sul fronte delle performance: "Il team WebRTC, insieme a molti altri gruppi di sviluppo di Chrome, hanno dato priorità alle migliorie sul fronte prestazionale per questa versione", si legge nelle note di rilascio. L'accelerazione tramite GPU dovrebbe essere più efficiente su Windows, tuttavia eventuali differenze potrebbero essere legate soprattutto all'hardware di cui si fa uso.

Corpose, come al solito, anche le correzioni sul fronte della sicurezza, argomento che può essere approfondito in questa pagina, sul blog ufficiale di Chrome. L'ultima versione del browser può essere scaricata a questo indirizzo, mentre se già si usa una versione meno recente l'aggiornamento dovrebbe avvenire automaticamente.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
SpyroTSK15 Aprile 2015, 11:53 #1
"a sito spento"
demon7715 Aprile 2015, 13:13 #2
Direi che la parte importante della news non sono le notifiche push.. ma il definitivo ABBANDONO DI JAVA E SILVERLIGHT.

Un passo importante che consente un profondo rinnovamento del web (FINALMENTE)
Giouncino15 Aprile 2015, 13:23 #3
Originariamente inviato da: demon77
Direi che la parte importante della news non sono le notifiche push.. ma il definitivo ABBANDONO DI JAVA E SILVERLIGHT.

Un passo importante che consente un profondo rinnovamento del web (FINALMENTE)


concordo! ed inoltre questo potrebbe avere anche positive ripercussioni anche su utilizzo android (vedi impossibilità di usare silverlight)
JasonBourneLive15 Aprile 2015, 17:18 #4
fine istallazione windows,installazione driver,rimozione windows media player, internet explorer,giochi,installazione google chrome,vlc,avira free,mai avuto problemi,scelta vincente,fuori chrome non vedo alternative valide
MiKeLezZ15 Aprile 2015, 17:24 #5
Feature subito disinstallata non appena chrome si è autoaggiornato

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^