Bleep, il servizio di chat P2P di BitTorrent sbarca su tutte le piattaforme

Bleep, il servizio di chat P2P di BitTorrent sbarca su tutte le piattaforme

Il servizio di messaggistica istantanea P2P sbarca su iOS e abbandona lo stato di alpha su tutte le altre piattaforme, introducendo anche una modalità di chat "effimera"

di Nino Grasso pubblicata il , alle 16:01 nel canale Programmi
 

Nato con l'obiettivo della massima sicurezza, Bleep oggi supera lo stato di alpha e sbarca su dispositivi iOS. Introduce una modalità di messaggistica effimera, e funziona esclusivamente sulle tecnologie P2P di BitTorrent già estremamente collaudate. L'obiettivo è di creare un servizio che per funzionare non ha bisogno di credenziali univoche dell'utente, che può comunque - ma non deve - inserire email, numero di telefono o un nome utente.

Bleep su iPhone

Conosciuto in passato come BitTorrent Chat, Bleep è stato rilasciato su Windows desktop lo scorso luglio sotto forma di alpha privata. In settembre la fase alpha diveniva pubblica con l'aggiunta della compatibilità su Android e OS X, mentre solo oggi sbarca finalmente su iOS per la prima volta. Viene abbandonato il tag alpha su tutte le altre piattaforme, superando di netto la fase beta e raggiungendo quindi lo stadio di sviluppo finalizzato. Con l'aggiornamento sono previste succose novità.

La più importante è senza dubbio quella dei "whispers", letteralmente sussurri. La funzione introduce Bleep nel mondo dei servizi di messaggistica "effimera", ovvero di messaggi che possono essere letti entro 25 secondi dalla consegna, e dopo verranno del tutto eliminati. Funziona naturalmente in maniera più pratica su smartphone, ma è disponibile anche su desktop: su dispositivi Windows bisogna premere Shift durante l'invio, su un Mac invece il tasto da premere è Ctrl.

Come su altri servizi specifici, come Snapchat ad esempio, Bleep cerca di proteggere i contenuti inviati nella modalità effimera. Il nick dell'interlocutore non sarà infatti sempre visibile, ma sarà mostrato solo ed esclusivamente quando si preme sull'icona relativa raffigurante un occhio. La procedura tuttavia oscura la parte restante della schermata, quindi non sarà possibile inserire nella stessa immagine il contenuto della conversazione e il nome del mittente.

Non è il metodo più sicuro ed è facilmente aggirabile in post-produzione, tuttavia è una protezione aggiuntiva molto particolare che non avevamo visto altrove su servizi analoghi. Whispers è comunque una novità fondamentale se si considera l'incarnazione di Bleep, in cui la sicurezza dei contenuti personali è l'aspetto più importante. In questo modo i messaggi, oltre a non venire salvati in cloud, non vengono nemmeno registrati localmente.

Bleep

Bleep dispone anche di una funzionalità per effettuare chiamate vocali con i contatti disponibili online. Le conversazioni avvengono con una connessione diretta ad un servizio in cloud, ma sono protette da un algoritmo di cifratura end-to-end. È anche cross-platform, funziona sia su desktop che mobile (i client desktop non possono inviare immagini, ma solo riceverle) e, lo ripetiamo, non salva alcun contenuto su server esterni.

BitTorrent quindi completa il suo tentativo di penetrazione nel mercato della messaggistica istantanea con un prodotto che sulla carta merita particolarmente. La concorrenza è comunque agguerrita in questo settore, e le proposte già consolidate sono parecchie con WhatsApp, Facebook Messenger, Hangouts che già hanno fidelizzato il grosso del mercato. Avere un'alternativa valida è sempre un plus, anche se non crediamo che Bleep possa sfondare fra le varie alternative già estremamente diffuse.

In questa categoria la base d'utenza è tutto, e Bleep ad oggi non può che disporre di una parte minima del mercato, e non crediamo che questo cambierà nel breve termine. Se volete provarlo, comunque, il download può essere lanciato dal sito ufficiale, per tutte le piattaforme compatibili.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

4 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
kiwivda13 Maggio 2015, 18:06 #1
Tutte le piattaforme eh!? Dare un'occhiata al sito del produttore...

Comunque bello, soprattutto per WP 8.1.... (imprecazione che dirige terzi in luogho figurativo tipico della zona lombare umana) ...
demitri[ITA]14 Maggio 2015, 00:10 #2
Non essendo OpenSource c'è poco da fidarsi, è il solito acchiappa citrulli......
GTKM14 Maggio 2015, 06:50 #3
Originariamente inviato da: demitri[ITA]
Non essendo OpenSource c'è poco da fidarsi, è il solito acchiappa citrulli......

Se fosse disponibile il codice sorgente, ci vorrebbe anche gente disposta a studiarselo.
Il caso di OpenSSL è lì a dimostrare che non sempre ciò accade, o, comunque, non sempre vengono trovati bug, anche clamorosi.
Vinsent7715 Maggio 2015, 12:07 #4
Che c'entra?! Se è close nessuno saprà mai niente voglia o non voglia!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^