Ancora Microsoft in contrasto con l' UE

Ancora Microsoft in contrasto con l' UE

Negli scorsi giorni la commissione antitrust europea ha rinnovato il proprio disappunto nei confronti di Microsoft. Puntualmente da Redmond ogni accusa viene rimandata al mittente

di pubblicata il , alle 11:35 nel canale Programmi
Microsoft
 

Le vicende giuridiche che vedono coinvolte Microsoft ed Unione Europea non sembrano ad un vero punto di svolta e la soluzione potrebbe essere ancora lontana. Negli scorsi giorni la commissione antitrust capitanata dal commissario europeo Neelie Kroes ha pubblicato un documento che lascia poco spazio alle interpretazioni ed è raggiungibile a questo indirizzo.

In estrema sintesi per l'organismo comunitario il terreno di scontro è il seguente: secondo Neelie Kroes la politica di prezzi applicata da Microsoft non permetterebbe ad altri operatori di avvicinarsi al mercato di Windows e viene anche fatto notare che nei nuovi prodotti non vi sia nemmeno un'elevata innovazione.

Microsoft non ci sta e contesta puntualmente il commissario europeo rendendo pubblico un apposito documento. Brad Smith, Senior Vice President and General Counsel, afferma che i prezzi di Microsoft sono inferiori del 30% rispetto a soluzioni simili presenti sul mercato e lascia intendere che la Commissione Europea non ha tra i propri compiti quello di fissare e giudicare i prezzi dei singoli vendor.

Sul fronte delle innovazioni viene fatto notare che Microsoft detiene al momento 36 brevetti registrati relativi ai più recenti prodotti e altri 37 sono in fase di approvazione. Brad Smith fa anche notare che sono in corso trattative con altri produttori per la concessione di licenze e quindi l'accusa di frenare lp sviluppo anche di terze parti viene rigettata.

Microsoft, pur dichiarandosi in netto contrasto con la visione di Neelie Kroes, vuole comunque tentare un ultimo estremo tentativo e cercherà di accogliere le richieste della commissione antitrust. A quest'ultimo organismo spetterà il compito di fissare le nuove scadenze e di valutare l'operato della casa di Redmond.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

80 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
dark.shark.dsk02 Marzo 2007, 11:42 #1
Quindi a parte la poca innovazione dei suoi prodotti (cosa verissima), se ho capito bene, l'UE sostiene che la M$ vende i suoi programmi a prezzi troppo bassi!?
Dexther02 Marzo 2007, 11:53 #2
diciamo che accusa MS di applicare una politica di prezzi predatori , politica applicabile solo da aziende che detengono normalmente una quota enorme del mercato...
delàrey02 Marzo 2007, 11:53 #3
:sisi: infatti vista ce lo regalano quasi.
mobius02 Marzo 2007, 11:58 #4

UE - Kill Bill

L'accanimento dell'UE fa presupporre un'atteggiamento anti-Microsoft a priori. Ma cosa vuole questa gente?!

Perche` piuttosto che penalizzare Microsoft (e di riflesso i relativi utenti) non incentivano altre sw house piuttosto.
Questa diatriba ha gia` portato ad un innalzamento dei prezzi nel mercato europeo.

E nel frattempo Apple e la community Linux cosa fanno?
Apple ha scelto la via "proprietaria ed elite-aria" che l'ha portata in un mercato di nicchia (plausibile o biasimabile?!).
Linux per un utente medio e` "ingestibile" (a meno di non avere del gran tempo a disposizione). Riuscissero almeno a definire qualche standard!

Alla fine bisognerebbe "premere" sui produttori hardware, non su chi fa il suo lavoro (e crea occupazione!).

L'atteggiamento "addosso a Microsoft a tutti i costi" mi ha stancato!

Saluti
chaosbringer02 Marzo 2007, 12:01 #5
Come al solito MS cerca di aggirare le accuse che le vengono fatte.
Che è veramente da criminali è la politica dei prezzi che viene fatta nei confronti dei produttori oem, che sono obbligati a vendere win in esclusiva x avere prezzi vantaggiosi...
Questo tipo di licenze è imho la maggiore fonte di introiti di MS, vorrei proprio vedere quanti win venderebbero se i clienti avessero sempre la possibilità di acquistare il s.o. separatamente dal pc...

ciao
ilsensine02 Marzo 2007, 12:02 #6
L'UE sta imboccando una strada pericolosa...
http://www.hwupgrade.it/forum/showp...mp;postcount=48
Fx02 Marzo 2007, 12:05 #7
ma l'innovazione chi e come la misurano? quante aziende che detengono il monopolio spendono 10 miliardi di $ in R&D per un nuovo prodotto?

se MS avesse fatto vista utilizzando XP e mettendoci sopra solo una nuova interfaccia grafica, beh, capirei, ma chiunque ha approfondito un minimo la struttura di vista non può di certo dire che MS abbia fatto il minimo indispensabile... se caso la critica che le si può muovere è che abbia fatto troppo...

boh, io ho come l'impressione che dietro la commissione europea ci sia una precisa e forte volontà di rompere i coglioni alla morte a MS... ora, MS ha tutti i mezzi per difendersi, però da cittadino mi piacerebbe che si occupassero invece di - AD ESEMPIO - i cartelli che fanno le compagnie di telefonia mobile piuttosto che di questioni annose come la SIAE al posto che perdere tempo con queste cose che alla fine non cambiano assolutamente nulla per noi altri (ohh, windows xp N, altro che gli sms a 2 centesimi o una regolamentazione del diritto d'autore degna di questo nome)...
Paix02 Marzo 2007, 12:07 #8
Mobius... sul fatto che linux sia ingestibile per un utente medio è una cagata assurda... mia madre (che per la cronaca nn ha mai usato un pc fino a 2 mesi fa...) dopo neanche una settiamna si sapeva gia arrangiare ad utilizzare tutto cio che gli serviva senza nessun problema... questo con una semplicissima ubuntu 6.10... quindi nn vedo tutto questa ingestibilita..!!!. nn è che perche se in winzoz fai una cosa in quel determinato modo allora bisogna che sia cosi anche su tutto il resto... invece di star la a cercare di fare con una distro linux le cose come le fai in winzoz... applicati uan settimana e falle come linux comanda... e vedrai quanto semplice diventa di colpo il tutto...
mobius02 Marzo 2007, 12:08 #9

Licenze OEM

La regolamentazione per le licenze OEM e` cambiata.
Ora, come System Builder, ti puoi acquistare WINDOWS VISTA OEM a meno di 100Euro.

Io l'ho pagato 89 Euro. (Quanto una distribuzione Linux Retail.)
E non c'e` bisogno di comprarsi un PC!

Ho scritto a numerosi siti di e-commerce: alcuni ti dicono che devi comprarti un PC o i componenti minimi (Proc., RAM, HD), altri almeno due componenti HW, altri ne basta uno!

La realta` e che, ora, se ti assembli un PC da te e ne garantisci l'assistenza, vieni considerato un System Builder e rientri nelle condizioni delle licenze OEM!
Pertanto ti puoi comprare il tuo sw OEM DA SOLO SENZA ULTERIORI ACQUISTI.
JohnPetrucci02 Marzo 2007, 12:10 #10
Questo braccio di ferro durerà ancora a lungo, le accuse mosse a MS sulla scarsa innovazione dei prodotti e sulla solita posizione discriminante riguardo altre software house sono note e condivisibili IMHO.
La politica dei prezzi diciamo che è opinabile, visto che Vista non è certo economicissimo, e se la versione più scarna data in bundle con i pc è certamente meno cara, si deve pure ammettere che è anche ridotta all'osso o quasi per quanto concerne il pacchetto software e le funzionalità avanzate.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^