VIA presto pronta con un nuovo processore Nano

VIA presto pronta con un nuovo processore Nano

Una versione migliorata dell'attuale CPU Nano sarebbe pronta per la fine dell'anno e sarà seguita a ruota da una soluzione Dual core

di Gabriele Burgazzi pubblicata il , alle 11:06 nel canale Portatili
 

Una versione rivisitata, aggiornata e migliorata dell'attuale offerta Nano, è così che si presenta il prossimo processore di VIA, Nano 3000. Secondo quanto riportato dalla fonte, sarà soprattutto la versione Dual core a rappresentare una vera e propria soluzione in grado di andare a contrastare i processori Intel e AMD, ovviamente per la fascia bassa del mercato.

La produzione di massa per Nano 3000 comincerà durante il terzo trimestre del 2009, e i primi modelli di portatili arriveranno verso la fine dell'anno. Questa è la roadmap confermata dagli Executive di VIA, che rispecchia quella presentata ad inizio anno.

I primi sample sono già disponibili: sviluppati con un processo produttivo a 65 nanometri, Nano 3000 è in grado di garantire rispetto alla passate generazione performance migliori e consumi decisamente pià contenuti. Secondo la società il boost prestazionale a parità di consumo sarà quantificabile in un 15-20%, consentendo così ai produttori di migliorare la propria offerta. Attualmente sul mercato è possibile trovare modelli di portatili basati su processori Nano sviluppati da Samsung (NC20) e Lenovo (IdeaPad S12).

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
King8310 Giugno 2009, 11:11 #1
bè 15-20% nn è granchè come miglioramento dato che già erano scarsini...
Fx10 Giugno 2009, 11:20 #2
e anche consumi non sono un gran che, quello ulv da 1 ghz ha 5 watt di tdp ^^
checo10 Giugno 2009, 11:24 #3
lo chiameranno silvio?
demon7710 Giugno 2009, 12:38 #4
LOL!

Produzione di massa? Più di 10 esmplari quindi??
Comunque VIA può sperare di avere mercato con questo nano mai nato (o nano zombie) verificando tre condizioni:

- Meglio di Atom a parità di consumi
- COSTARE meno di Atom
- Garantire disponibilità sul mercato

O così o tanti saluti!

Poi se adesso mettono fuori i CULV la vedo ancora più dura per il NANO...
frncr10 Giugno 2009, 12:42 #5
Sì, ciao. Se aggiungono un core senza scendere a 45nm il TDP passerà dagli attuali 25W (già inaccettabile) a 40W. Un treno perso, purtroppo.
Sapo8410 Giugno 2009, 13:03 #6
Considerando che il nuovo atom con northbridge integrato dovrebbe dimezzare i consumi o giù di lì li vedo messi molto male, anche perché con un processo produttivo del genere faranno pure fatica a competere sul piano dei prezzi.
+Benito+10 Giugno 2009, 13:33 #7
Visti i prezzi di Via, chiaramente NON sarà per la fascia bassa del mercato, non esistono CPU Via in portatili economici a livello di netbook.
LOL-LOL-LOL10 Giugno 2009, 13:40 #8
certo che "VIA NANO!" sembra una esclamazione di giovani comunisti durante una manifestazione...
calabar10 Giugno 2009, 14:48 #9
@frncr
Esistono varie versioni di nano (così come di atom).
I TDP vanno dai 5w (1ghz) ai 25w (1,8ghz), vedi qui, ricordando che il nano ha un ipc molto superiore a quello dell'atom (che è un processore in order con ipc inferiore a quello del pentium III).

Certo, visto che si stava creando una nuova versione non sarebbe stato male anche un cambio di processo produttivo.
Un processo a 45nm li renderebbe più competitivi, per lo meno come consumi, come costi immagino abbiano trovato migliori prezzi (o per lo meno migliori rese) per il 65nm.
frncr10 Giugno 2009, 16:26 #10
Originariamente inviato da: calabar
Esistono varie versioni di nano (così come di atom).

Lo so, però bisogna confrontare versioni corrispondenti (per target/prestazioni/consumo/prezzo).
Puoi vedere qui le versioni disponibili delle due CPU:
http://en.wikipedia.org/wiki/List_o...microprocessors
http://en.wikipedia.org/wiki/List_o...microprocessors

In dettaglio:

Segmento desktop
Atom 230 (singolo, 1,6 GHz, 4W)
Atom 330 (doppio, 1,6 GHz, 8W)
Nano L2200 (singolo, 1,6 GHz, 17W)
Nano L2100 (singolo, 1,8 GHz, 25W)
L'Atom 230 come prestazioni è inferiore al Nano a 1,6 GHz, ma il 330 supera anche il Nano a 1,8 GHz (naturalmente solo con applicativi multi-thread), e consuma meno di un terzo.

Segmento notebook
Atom N270/N280 (singolo, 1,6/1,66 GHz, 2,5W)
Nano "ultra low voltage" (da 1 a 1,3 GHz, da 5 a 8W)
L'atom N270/N280 come prestazioni se la può giocare con il Nano a 1 o 1,2 GHz, e consuma meno della metà.

Segmento "ultra mobile"
Atom Z5xx (singolo, da 0,8 a 2 GHz, da 0,65 a 2,4W)
Nano ???
In questo segmento il Nano non ha versioni specifiche.

Come vedi la situazione è piuttosto desolante per il Nano. Via ha iniziato lo sviluppo della sua nuova CPU quando sul mercato c'erano solo "cosi" dai 65 a 130W (almeno per i desktop, qualcosa meglio per i portatili); però mentre loro sviluppavano il Nano, Intel ha tirato fuori l'Atom, che a parità di prestazioni consuma un botto meno e costa pure meno (credo, perché i prezzi di Via non sono pubblici).
Il fatto che l'architettura dell'Atom sia "in-order" non significa che sia una schifezza, è una scelta progettuale mirata a contenere consumi e costi (Atom ha circa la metà dei transistor del Nano); naturalmente l'architettura in-order è molto esposta agli stalli della pipeline, soprattutto con software non ottimizzato e con la pipeline lunga dell'Atom, e per mitigare in parte questo hanno reintrodotto l'HyperThreading che ci mette un po' una pezza (con applicativi multi-thread, ovviamente). Il risultato è che Atom è molto più efficiente del Nano in termini di prestazioni/watt, e come prestazioni assolute è sufficiente usare due chip (come nel 330) per superare lo stesso Nano, rimanendo ugualmente molto al di sotto come TDP.
Se Via vuole competere con l'Atom deve per forza raddoppiare il core per superarlo in prestazioni assolute, e passare al più presto al processo produttivo a 45 o 40 nm, che oltre a ridurre i consumi abbatte anche i costi di produzione dato che sullo stesso wafer stanno molti più chip. Il problema è che molto probabilmente prima che Via passi al 45nm (non ancora annunciato) Atom sarà già prodotto con il processo a 32nm (già annunciato). Per questo dico che quello del Nano è per Via un treno già perso (purtroppo, perché un po' di concorrenza farebbe solo bene).

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^