offerte prime day amazon

Toshiba si rivolge a Quanta

Toshiba si rivolge a Quanta

Toshiba ordina a Quanta la produzione dei notebook della propria serie value. In consegna da Dicembre ad un prezzo di 700 dollari

di pubblicata il , alle 14:48 nel canale Portatili
Toshiba
 

Toshiba ha deciso di delegare all'esterno la produzione di notebook value (economici) da 15 pollici a Quanta Computer, con le prime consegne in volumi che prenderanno il via nel mese di Dicembre.

I portatili saranno ridisegnati a partire da un modello di Quanta per accelerare i tempi di produzione e mantenere bassi i costi di realizzazione. Inizialmente Quanta produrrà 70-100 mila untià per Toshiba che a sua volta commercializzerà i portatili al costo di 699 dollari USA cadauno.

E' la prima volta che Toshiba decide di commissionare ordini a Quanta, invece di rivolgersi ai due partner "storici" Compal Electronics ed Inventec. Pare che Toshiba abbia deciso in questo modo per via di una migliore offerta da parte di Quanta rispetto agli altri due produttori Taiwanesi. Quanta non ha rilasciato commenti circa la notizia.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
luther_zero20 Settembre 2004, 14:55 #1

Mmmhhh...

Beh, un portatile da 700$, anche se in fascia value, potrebbe essere molto appetibile per la vendita in supermercati e simili.
Vedremo un po' le configurazioni...

Ma Quanta è quella che produce già anche per HP???
nicgalla20 Settembre 2004, 15:28 #2
sarà una buona cosa far fare portatili da terze parti? quando poi queste terze parti acquisiscono sufficiente competenza si mettono loro a fare i portatili col loro marchio e HP, Toshiba ecc... rimararanno fregati.
Un po' come ha fatto Lite-On nel mercato dei masterizzatori.
MaxFactor[ST]20 Settembre 2004, 15:39 #3
Quando loro acquisiscono abbastana competenze, io continuo a comprare ASUS...
vink20 Settembre 2004, 16:00 #4
Non credo... alla fine il progetto dovrebbe farlo sempre l'azienda che commissiona la produzione, in questo casa la Toshiba. Un pò come un ingegnere che progetta un complesso pezzo meccanico e capisce che gli costa di più acquistare i macchinari per produrlo piuttosto che passare il progetto ad un'azienda di lavorazioni per farselo fare. All alunga, assodati gli standard di qualità del produttore, ciò che importa è la qualità del progetto!
midget20 Settembre 2004, 16:34 #5
Originariamente inviato da nicgalla
sarà una buona cosa far fare portatili da terze parti?

Sicuramente si, visto che tutti i portatili che trovi in commercio sono fatti da Quanta, Compal, Wistron e Asus
Helstar20 Settembre 2004, 19:31 #6
Ed Inventec 8)
suppostino20 Settembre 2004, 20:09 #7
Sono daccordo con nicgalla.
Se tutti demandano la produzione dei proprio portatili a Quanta e alle altre aziende queste per crescere (che è l'obiettivo di ogni azienda) inevitabilmente cominceranno a sviluppare proprie linee di prodotti e metteranno su una propria catena di distribuzione che è l'unica cosa che ancora gli manca.
Nei supermercati il cliente non compra solo il prodotto che costa di meno ma accetta anche una marca che ancora non conosce in virtù del prezzo stracciato.
matzuk20 Settembre 2004, 23:19 #8
Se non sbaglio Quanta produce anche per Apple
Sbaglio?
midget21 Settembre 2004, 11:43 #9
Originariamente inviato da suppostino
Se tutti demandano la produzione dei proprio portatili a Quanta e alle altre aziende queste per crescere (che è l'obiettivo di ogni azienda) inevitabilmente cominceranno a sviluppare proprie linee di prodotti e metteranno su una propria catena di distribuzione che è l'unica cosa che ancora gli manca.

Non e' che Quanta o le altre "major" dei portatili devono crescere ancora molto... sono gia' i piu' grandi produttori di notebook del mondo. Non vendono direttamente al pubblico, ma cosa cambia?
E non e' una novita' degli ultimi mesi, e' cosi' da anni, la produzione l'hanno sempre fatta le solite ditte.
La gente usa gia' i loro notebook (a marchio Toshiba, Acer, IBM, HP, ecc. ecc.)

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^