Sussidiari digitali a tutti gli studenti, un traguardo da raggiungere entro 5 anni in USA

Sussidiari digitali a tutti gli studenti, un traguardo da raggiungere entro 5 anni in USA

FCC e dipartimento dell'istruzione americano, in occasione del digital learning summit evidenziano importanti traguardi da raggiungere nei prossimi anni

di pubblicata il , alle 11:11 nel canale Portatili
 

È in occasione del digital learning summit che la Federal Communications Commission e il dipartimento dell'educazione americano annunciano il supporto per la digitalizzazione dei contenuti utili all'istruzione. Ecco allora che T-Mobile ha annunciato il successo di alcuni programmi in diverse scuole americane, che utilizzano le reti dell'azienda e dispositivi multimediali per insegnare e altri scopi, tra cui proprio quello di sostituire i classici libri.

A parlare è il presidente della FCC, Genachowsky, che lancia la sfida allo stato: entro cinque anni tutti i libri di testo dovranno essere digitalizzati, e le barriere come la connettività, la mancanza di dispositivi e l'interoperabilità dovranno essere spazzate. L'obbiettivo non è solo quello di fornire un miglior servizio, ma anche andare ad abbattere, nel tempo, quella cifra superiore agli 8 miliardi di dollari di spesa pubblica per i libri di testo K-12.

L'FCC ha cominciato a lavorare nel 1990, con il suo programma E-rate, ad aumentare la connettività all'interno di scuole e biblioteche, in tutta l'america. Completata questa operazione, si dice convinto il portavoce dell'organizzazione, è necessario fare il secondo passo. Ecco allora che gli strumenti in mano agli studenti devono cambiare e devono poter fornire lezioni personalizzate.

Le linee guida tracciate da FCC e il dipartimento dell'educazione e istruzione americano, vanno in una chiara e precisa direzione: istruzione e tecnologia devono poter operare in modo sinergico, garantendo allo studente l'accesso ad ogni tipo di informazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
djmatrix61930 Marzo 2012, 11:37 #1
Un altro mondo.. sempre detto!
Faster_Fox30 Marzo 2012, 13:16 #2
in italia è pura utopia...
domthewizard30 Marzo 2012, 13:18 #3
A parlare è il presidente della FCC, Genachowsky, che lancia la sfida allo stato: entro cinque anni tutti i libri di testo dovranno essere digitalizzati

ok l'idea è bella, ma la carta da cosa verrà sostuita? notebook, tablet? i bulli e i delinquenti come ci sono in italia ce li hanno pure loro...
dave4mame30 Marzo 2012, 13:18 #4
Libri elettronici a scuola: arriva il momento anche per l'Italia
Con una circolare emanata alla fine della scorsa settimana, il Ministero conferma le linee guida della legge del 2008: dal prossimo anno scolastico tutti i libri di testo dovranno essere disponibili o in forma mista, oppure interamente scaricabili dalla rete.
mtdm
13 Febbraio 2012
Con una circolare pubblicata il 9 febbraio scorso, il Miur, Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca torna a parla di libri elettronici.

La circolare, che ha come titolo “Adozione dei libri di testo per l’anno scolastico 2012/2013 – Indicazioni operative” riprende le linee guida già emanate nel 2009, puntualizzando alcuni punti chiave.

Le adozioni decise quest’anno, e dunque valide per l’anno scolastico 2012-2013, devono essere indirizzate esclusivamente verso libri di testo ”redatti in forma mista”, che prevedono cioè sia la parte cartacea sia una parte in formato digitale, oppure interamente scaricabili da Internet.

La circolare ministeriale aggiunge però un punto in più.
Il prossimo anno scolastico non potranno più essere ”mantenuti in adozione testi scolastici esclusivamente Cartacei”.
È una terminologia precisa, questa, che evita il ricorso ad ambigui escamotage.
Tradotto in termini concreti, come poi precisa ancora la circolare, anche i libri di testo adottati nel 2008-2009, anno in cui è stata applicata per la prima volta la legge n. 169/2008, in forma interamente cartacea devono essere sostituiti da testi in forma mista o scaricabili da Internet.
In alternativa possono essere sostituiti da testi diversi, purché sempre disponibili in forma mista o integralmente scaricabili dalla rete.


http://www.istruzione.it/alfresco/d...758/cm18_12.pdf
davidemo8930 Marzo 2012, 14:33 #5
Originariamente inviato da: domthewizard
ok l'idea è bella, ma la carta da cosa verrà sostuita? notebook, tablet? i bulli e i delinquenti come ci sono in italia ce li hanno pure loro...


Ne notebook ne tablet, si chiamano ebook.
ziozetti30 Marzo 2012, 15:23 #6
Originariamente inviato da: djmatrix619
Un altro mondo.. sempre detto!

Certo, un mondo di ignoranti.

Non basta la tecnologia per creare cultura e gli Stati Uniti non brillano certo in questo campo.
iK@rus30 Marzo 2012, 15:47 #7
Originariamente inviato da: ziozetti
Certo, un mondo di ignoranti.

Non basta la tecnologia per creare cultura e gli Stati Uniti non brillano certo in questo campo.


Aldilà dell'ignoranza, ma per quelli che studiano vuoi mettere convertire un libro dal 1000 pagine in un ebook e caricarlo su ipad, o un altro tablet? lo faccio già e ti assicuro che è molto più comodo.. riesco avere i libri di università dietro tutti i giorni senza portarmi tomi ingombranti e pesanti in borsa.. non hai idea di quanto tempo riesco a recuperare..
domthewizard30 Marzo 2012, 16:23 #8
Originariamente inviato da: davidemo89
Ne notebook ne tablet, si chiamano ebook.


così i soldi risparmiati per i libri dovranno darli agli oculisti
ziozetti30 Marzo 2012, 17:21 #9
Originariamente inviato da: domthewizard
così i soldi risparmiati per i libri dovranno darli agli oculisti


In teoria (per l'occhio) dovrebbe essere la stessa cosa un libro o un ebook reader (e-ink, non tablet o "robaccia" retroilluminata).
In pratica preferisco il libro, anche se di 1000 pagine.

PS: convengo che trasportare 1000 pagine di libro non sia comodo.
davidemo8930 Marzo 2012, 17:39 #10
Originariamente inviato da: domthewizard
così i soldi risparmiati per i libri dovranno darli agli oculisti


Leggere un libro su un ebook è la stessa cosa come leggerlo su carta, informati.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^