SuperSpeed USB: risorsa strategica per i portatili?

SuperSpeed USB: risorsa strategica per i portatili?

La tecnologia USB 3.0 può rappresentare una tecnologia chiave per i sistemi portatili, a fronte della crescente esigenza di connessioni ad alta velocità per storage esterno

di pubblicata il , alle 08:28 nel canale Portatili
 

La tecnologia SuperSpeed USB potrebbe presto rappresentare un'esigenza primaria nei sistemi portatili, dal momento che l'integrazione di questa nuova tecnologia di interfaccia può potenzialmente incrementare la possibilità di eliminare altre connessioni e permettere così ai progettisti di realizzare sistemi più compatti.

E' l'opinione espressa da Brian O'Roruke, analista per In-Stat, il quale parte da una semplice osservazione: "Nel passato le nuove tecnologie di interfaccia trovavano una più rapida adozione nei sistemi desktop. Ora, tuttavia, il panorama sta mutando: i sistemi portatili stanno lasciando perdere i drive ottici e gli hard disk di grosse dimensioni. Questa tendenza ha generato una nuova e sempre più crescente esigenza di interfacce ad alta velocità per il collegamento di soluzioni di storage esterne".

Per capire come si muoverà il mercato nel corso dei prossimi anni, è necessario osservare la fotografia attuale: il 97% dei sistemi portatili utilizza oggi la tecnologia USB 2.0. In-Stat prevede inoltre che il prossimo anno i dispositivi basati su tale tecnologia raggiungano il picco di volume a 2,9 miliardi di unità, per poi iniziare una lenta flessione che lascerà spazio alla tecnologia SuperSpeed USB.

Gli anni chiave saranno comunque il 2013 ed il 2014: In-Stat prevede infatti che nel corso del 2013 la tecnologia USB 3.0 si diffonderà massicciamente nel mercato delle soluzioni di storage esterne, mentre nel corso del 2014 è prevista la commercializzazione di un volume di 225 milioni di flash drive USB 3.0. Secondo In-Stat sarà proprio nel 2014 che assisteremo al completamento del passaggio verso la nuova tecnologia di interfaccia.

Un aiuto arriverà anche dal fisiologico abbassamento dei prezzi: dal 2009 al 2014 si stima infatti una flessione media annuale del 21,8% del prezzo medio di vendita dei controller SuperSpeed USB che permetteranno di abbassare i costi di produzione dei dispositivi dotati di tale tecnologia.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

36 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick16 Giugno 2010, 08:33 #1
Dovremo arrivare fino al 2014 dove quest'interfaccia sara' gia' vecchia.. personalmente avrei fatto il nuovo standard doppio di speed rispetto a questo in modo di stare coperto per un bel po'..
Paganetor16 Giugno 2010, 08:47 #2
ma infatti... un chip usb 3.0 attualmente costa poco di più di quello 2.0, è retrocompatibile e garantisce prestazioni eccellenti. Capisco non metterlo sui netbook da 199 euro, ma già a partire dai portatili da 400-500 euro può rappresentare un motivo in più per l'acquisto (anche perchè un portatile non si può aggiornare, e per un utente normale comprarne oggi uno da dover cambiare tra due anni "solo" per la connessione usb più veloce mi sembra uno spreco)
fpg_8716 Giugno 2010, 09:13 #3
nel 2014... cioè ci saranno produttori nel 2012 ke useranno ancora chip 2.0....
Mah
giofal16 Giugno 2010, 09:14 #4
Perchè aspettare il costoso e inutile usb3 quando abbiamo già da anni l'E-Sata che è il più veloce ed è gratis??

(Gratis nel senso che è un'interfaccia già inclusa in tutti i dischi e in tutti i chipset da diversi anni)
calabar16 Giugno 2010, 09:20 #5
Perchè avere usb3 significa anche avere accesso a tutte le periferiche usb, che tutti abbiamo.
Esata va bene per gli hard disk esterni, ma è molto meno diffusa e ha ilproblema dell'alimentazione (pochi esata di fatto supportano l'alimentazione tramite la usb integrata nella stessa porta).
Paganetor16 Giugno 2010, 09:23 #6
@giofag: forse percè è retrocompatibile con l'usb 2, che è il più diffuso e ce l'hanno tutti? o forse perchè pur essendo "cstoso" si parla di pochi dollari di chip? o ancora perchè le-sata raggiunge i 3 Gbit/secondo contro i 4.8 dell'usb 3?
chairam16 Giugno 2010, 09:28 #7
Originariamente inviato da: Rubberick
Dovremo arrivare fino al 2014 dove quest'interfaccia sara' gia' vecchia.. personalmente avrei fatto il nuovo standard doppio di speed

"personalmente avrei fatto", fantastico, peccato che non l'hai fatto a me sarebbe piaciuto, ovviamente farla come l'han fatta o veloce il doppio per loro secondo te sarebbe stato lo stesso, perché non farla 80 volte più veloce allora

Perchè aspettare il costoso e inutile usb3 quando abbiamo già da anni l'E-Sata che è il più veloce ed è gratis??
Io ho diversi computer più o meno recenti e non ne ho uno con e-sata e ne hanno pochi anche le persone che conosco. Fai una media di 2 o 3 computer a persona e vedi quanto costa aggiungere 2 3 controller. Poi aggiungi il costo del box e-sata per l'hd, e se non hai speso il doppio ci manca poco e ti capiterà sempre di andare da qualcuno che non ce l'ha
Nenco16 Giugno 2010, 09:30 #8
Fortunatamente asus la integra già da un po, ed il mio n61jq (o x64jq) è proprio un'ottimo portatile
fano16 Giugno 2010, 09:30 #9
Mah io credo che ci sia qualcuno che rema contro sto nuovo standard... è troppo lenta la sua adozione... forse Intel?

Forse vuol spingere la sua tecnologia Light peak?
Mi sa che da qui al 2014 fa in tempo a svilupparsi
giofal16 Giugno 2010, 09:36 #10
Originariamente inviato da: calabar
Perchè avere usb3 significa anche avere accesso a tutte le periferiche usb, che tutti abbiamo.
Esata va bene per gli hard disk esterni, ma è molto meno diffusa e ha ilproblema dell'alimentazione (pochi esata di fatto supportano l'alimentazione tramite la usb integrata nella stessa porta).


Per le periferiche usb 3 è inutile. Stampanti, scanner mouse ecc. ecc. non hanno bisogno di maggiore banda di quella attuale usb2.

L'usb3 si rivolge ai dischi esterni per i quali usb2 era un collo di bottiglia.

Ma poichè c'è l'esata, che non ha bisogno di nessun chip, è semplicemente la connessione esterna di un'interfaccia già presente da anni in tutti i chipset e in tutti i dischi, dove sta l'innovazione dell'usb3 che necessita di un chip per convertire il segnale sata e al tempo stesso le sue prestazioni possono al massimo e in linea teorica pareggiare l'esata ma non certo superarlo?

Per non parlare del vantaggio di avere un disco esterno che viene visto nativamente dal bios alla pari di uno interno e poter fare da esso il boot di un sistema operativo allo stesso modo di un disco interno. Usb3 non aggiunge nulla, mi dispiace.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^