Sottili, potenti e con connettività dati integrata: questi i nuovi notebook

Sottili, potenti e con connettività dati integrata: questi i nuovi notebook

L'evoluzione del lavoro da remoto porta alla necessità di notebook sempre più facili da trasportare, con grande autonomia e dotati di connettività dati integrata; la ricetta Qualcomm passa da Snapragon

di pubblicata il , alle 11:01 nel canale Portatili
Qualcomm5GLTESnapdragon
 

Nel corso dei quasi due anni di pandemia le abitudini, tanto legate alla professione come alla vita di tutti i giorni, della maggior parte delle persone sono state stravolte riadattandosi a quella che possiamo di fatto definire una "nuova normalità". Per molti è cambiato il modo di lavorare, sempre più definibile come basato su un approccio di tipo fluido che permetta di essere produttivi in ogni luogo e in ogni momento.

Si è infatti passati dal concetto che fosse solo, o quasi, la sede di lavoro quella depurata allo svolgimento della propria mansione professionale ad una visione differente, che vede il lavoratore impegnato a svolgere i propri compiti con la possibilità che questo accada quasi ovunque. La pandemia globale ha di fatto imposto questo cambio sostanziale nell'approccio al lavoro, visto l'obbligo di restare in casa durante i lockdown, ma un grande contributo è venuto anche dalla tecnologia nel suo complesso.

La disponibilità di dispositivi che coniugano potenza a dimensioni compatte e peso contenuto ha permesso a molti professionisti di continuare agevolmente  la propria attività nelle mutate condizioni di lavoro, ma ha anche tracciato il segno di quello che verrà. E' evidente infatti come il mercato sia sempre più indirizzato verso soluzioni che possano garantire quel connubio tra facilità di trasporto, potenza di calcolo e produttività in ogni ambiente. Qualcomm, impegnata con le proprie soluzioni Snapdragon nel mondo dei cosiddetti "always connected PC", identifica alcune caratteristiche base che devono possedere i PC:

  • costruzione sottile e peso contenuto, così da facilitarne il trasporto in ogni ambiente nel corso della giornata;
  • batteria di lunga durata, che permetta realisticamente di arrivare a garantire una intera giornata di lavoro;
  • connettività dati integrata nel dispositivo, di tipo LTE o meglio ancora 5G, così da poter assicurare piena produttività in ogni ambiente;
  • SoC che garantiscano una risposta veloce e pronta con le varie applicazioni;
  • funzionalità di accelerazione delle operazioni di intelligenza artificiale, sempre più importante con le applicazioni di utilizzo quotidiano.

    chromebookspin513_720.jpg

Qualcomm punta ovviamente sulle proprie piattaforme Snapdragon per sistemi notebook, segmentando il mercato con 3 differenti SOC così da poter permettere ai partner OEM di proporre notebook dai livelli di prezzo che siano tali da adattarsi ai budget più diversi. L'abbinamento con il sistema operativo Windows 11, oppure con quello Chrome di Google, permette all'utente di avere a disposizione una soluzione che si adatti al meglio alle proprie specifiche esigenze d'uso.

La spinta più forte viene però dalle soluzioni notebook con connettività dati integrata, soluzioni che almeno per il momento incidono con una quota di mercato molto ridotta (quantificabile in meno del 5% per l'utenza business) ma che in prospettiva è candidata a registrare gli incrementi più consistenti nei prossimi anni. Compito dei produttori è quello di offrire modelli che non differiscano per costo in modo sensibile da quelli equivalenti sprovvisti di connettività dati integrata. Il mercato è invece chiamato ad una sfida nuova, quella di presentare tali prodotti non più solo come semplici dispositivi ma quali strumenti parte di un ecosistema, nel quale la connettività dati rientri in modo permanente e indistinguibile.

Quello che è emerso in questi ultimi 2 anni è il ritorno alla centralità della piattaforma PC, più volte indicata come prossima alla fine soppiantata da dispositivi quali smartphone e tablet ma che in questo periodo è stata di fatto riscoperta da molti utenti. E' quella che permette di garantire la più elevata produttività e ad essa viene ora richiesto di rendersi sempre più simile ad uno smartphone, nel senso di garantire connettività in ogni ambiente a prescindere dalla presenza di una rete WiFi disponibile.

6 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Vash_8518 Novembre 2021, 11:22 #1
Il problema è che negli anni le tecnologie hw di risparmio energetico dei notebook hanno fatto dei passi in avanti notevoli, ma di pari passo i produttori hanno tagliato le dimensioni delle batterie per risparmiare ed avere più margini, almeno per i modelli sotto i 700/800€ e quindi non ci si discosta quasi mai dalle 3/4 ore di autonomia che si avevano anche 15 anni fa!
Per dire l'acer 5562wxmi che avevo nel 2006 con la batteria standard da 5200 mah faceva intorno alle 3,5 H di autonomia in batteria, il notebook che ho preso a mia moglie ha una batteria integrata da appena 2200 mah ed ha all'incirca la stessa durata del mio portatile di 15 anni fa pur avendo una batteria più "piccola" del 60%
Pess18 Novembre 2021, 11:40 #2
In realtà si sono concentrati più su un altro aspetto (che è quello che la gente cerca): la riduzione delle dimensioni.
A parità di tutto i portatili moderni sono decisamente più piccoli e leggeri di quelli di 10 anni fa, a parità di durata della batteria.
Ovvio che non ne faccio un discorso generale (prodotti super hi-end ultracompatti esistevano anche nel 2006 ma con costi altissimi), ma vale secondo me per il 90% del mercato notebook.
giovanni6918 Novembre 2021, 12:24 #3
Originariamente inviato da: Pess
Ovvio che non ne faccio un discorso generale (prodotti super hi-end ultracompatti esistevano anche nel 2006 ma con costi altissimi)


Che modelli esistevano nel 2006 super-hi-end ultracompatti ed... oggi?
Opteranium18 Novembre 2021, 13:16 #4
dovrebbero rimettere la batteria sostituibile, ovunque. È l'unico componente soggetto a usura, sinceramente trovo assurdo che l'europa faccia la splendida con le emissioni, l'inquinamento, ecc e poi permetta che si mantenga un abominio del genere. Si condanna alla discarica precoce prodotti ancora validissimi, che siano telefoni o pc
giugas18 Novembre 2021, 15:10 #5
Infatti, é una cosa assurda.
Zappz18 Novembre 2021, 15:22 #6
Originariamente inviato da: Opteranium
dovrebbero rimettere la batteria sostituibile, ovunque. È l'unico componente soggetto a usura, sinceramente trovo assurdo che l'europa faccia la splendida con le emissioni, l'inquinamento, ecc e poi permetta che si mantenga un abominio del genere. Si condanna alla discarica precoce prodotti ancora validissimi, che siano telefoni o pc


Pensavo fosse un problema solo dei notebook gaming, pure quelli normali hanno la batteria saldata?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^