Samsung: batteria fuel cell ad uso militare

Samsung: batteria fuel cell ad uso militare

L'azienda coreana ha ultimato lo sviluppo di una batteria a celle di combustibile che verrà impiegata a scopi militari a partire dal prossimo anno

di pubblicata il , alle 08:02 nel canale Portatili
Samsung
 

Da lungo tempo ormai si sente parlare di batterie a celle di combustibile, senza che queste, eccetto alcune sporadiche apparizioni alle fiere di settore, siano mai entrate in una fase di effettiva produzione volta all'immissione sul mercato.

Molte importanti realtà del panorama tecnologico hanno portato avanti progetti per lo sviluppo di soluzioni basate su tale tecnologia. Sony, Toshiba, Panasonic, Samsung, per fare alcuni nomi.

Proprio il colosso coreano ha recentemente annunciato di aver ultimato lo sviluppo di una nuova batteria a celle di combustibile che sarà rilasciata nel corso del prossimo anno. Anche in questo caso, tuttavia, nessuna rivoluzione sul versante della tecnologia di consumo in quanto la nuova batteria sarà destinata a scopi militari.

Si tratta comunque di un elemento importante per capire che differenza vi sia tra l'impiego delle batterie tradizionali e le batterie a combustibile. La nuova batteria sviluppata da Samsung è in grado di fornire 1800 wattora di potenza, per un peso di 3,5 chilogrammi, consentendo così di alimentare tutto l'equipaggiamento di un soldato per tre giorni, senza alcuna operazione di ricarica.

A titolo di confronto, per ottenere il medesimo risultato, sarebbe necessaria una batteria di 10 chilogrammi realizzata con le tecnologie attuali. Samsung ha inoltre comunicato che le nuove celle di combustibile hanno una maggiore tenuta nel tempo e una più elevata efficienza rispetto alle celle sviluppate all'inizio del progetto.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

33 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
+Benito+11 Aprile 2009, 09:29 #1
ancora: sono celle A combustibile, non DI combustibile. Tutte le volte....
King8311 Aprile 2009, 10:39 #2
e va bè piccolo errore ma la notizia secondo me è davvero interessante perchè finalmente si passa ad una produzione, in ambito militare ma è comunque un inizio
interessante notare il rapporto peso/durata confrontato con le tradizionali batteria, nn mi è chiaro però (ignoranza mia) queste batterie come vengono alimentate? idrogeno o metanolo?
Micene.111 Aprile 2009, 10:40 #3
la potenza è in watt...wh l'energia
KammelloGDC11 Aprile 2009, 10:52 #4

...

Solo a me fa triste vedere come una tecnologia cosi' interessante sia sviluppata inizialmente per uccidere? Vabbeh... per il resto felice di vedere uno sviluppo in questo senso. L'unica rottura vera dei tempi moderni e l'essere di fatto dipendenti da una presa della corrente o dall'accendi sigari dell'auto. W lo sviluppo per uso civile.

Kamm
Erythraeum11 Aprile 2009, 11:07 #5
Originariamente inviato da: KammelloGDC
Solo a me fa triste vedere come una tecnologia cosi' interessante sia sviluppata inizialmente per uccidere?


...è sempre stato così
Serpico7811 Aprile 2009, 11:31 #6
Va bene, hanno diminuito la dimensione, ma il costo di produzione?
Il limite maggiore delle celle a combustibile attuali è il costo piuttosto elevato in rapporto alla potenza massima fornita e il loro tempo di vita media.
Queste per quanti anni di utilizzo riescono a garantirle?

Ma tanto queste sono per i militari e loro non badano a spese.....
tommy78111 Aprile 2009, 12:35 #7
tecnologia usata per uccidere? ma che scemenza dici' forse ti sfuggono i mille impieghi dei militari in ambito civile, la guerra è solo uno degli aspetti. a parte questo è un'ottima notizia, la produzione per uso militare servirà a raffinare il processo produttivo e a permettere di amortizzare le spese iniziali per poi entrare nel mercato civile a prezzi umani.
Sig. Stroboscopico11 Aprile 2009, 12:55 #8

x KammelloGDC

La tua semplificazione è civilmente micidiale

^^
AceGranger11 Aprile 2009, 13:03 #9
Originariamente inviato da: KammelloGDC
Solo a me fa triste vedere come una tecnologia cosi' interessante sia sviluppata inizialmente per uccidere? Vabbeh... per il resto felice di vedere uno sviluppo in questo senso. L'unica rottura vera dei tempi moderni e l'essere di fatto dipendenti da una presa della corrente o dall'accendi sigari dell'auto. W lo sviluppo per uso civile.

Kamm


Il solito moralizzatore di turno ? senza le lecnologie sviluppate dai militari e per i militari staresti ancora a scrivere con il calamaio, andresti in giro con l'asino e faresti ancora i conti con l'abaco.
Nataku11 Aprile 2009, 14:18 #10
Originariamente inviato da: AceGranger
Il solito moralizzatore di turno ? senza le lecnologie sviluppate dai militari e per i militari staresti ancora a scrivere con il calamaio, andresti in giro con l'asino e faresti ancora i conti con l'abaco.


si infatti... ci sarebbero anche meno giornate alla memoria dei caduti in guerra, meno caduti, meno odio razziale, meno debiti tra nazioni povere e ricche, meno commercio di armi (che è un gran bel commercio) e via dicendo....

forse è meglio commentare sta notizia dal punto di vista tecnologico che nn da quello etico e di uso pratico :|

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^